Aspetti contabili delle quote di emissione di GAS ad effetto Serra

0
108

L’emergenza climatica, negli ultimi decenni, è diventata una delle questioni preminenti dei governi degli Stati ad economia avanzata, che ha indotto le principali autorità mondiali ad implementare diverse strategie per contrastare il surriscaldamento globale. Tra queste, nell’ambito del Protocollo di Kyoto - il trattato internazionale in materia ambientale siglato l’11 dicembre 1997 al fine di attenuare gli effetti derivanti dal cambiamento climatico -, riveste particolare importanza il sistema delle quote di emissione, che ha come obiettivo la riduzione delle emissioni di gas ad effetto serra nell’atmosfera, attraverso la promozione del miglioramento delle tecnologie impiegate nella produzione di energia e nei processi industriali, e l’uso più efficiente delle risorse energetiche.

Introdotto a livello europeo dalla Direttiva 2003/87/CE, che è stata recepita in Italia con D.LGS. n. 216/2006, il meccanismo si basa sul sistema di scambio di quote di emissione, in base al quale, mediante specifici piani nazionali, le autorità competenti assegnano, periodicamente e a titolo gratuito alle imprese interessate, delle quote corrispondenti alle emissioni massime di gas che possono imme...

Questo articolo è riservato agli abbonati:
Scopri come
abbonarti a Fiscomania.com.


Sei già abbonato?
Accedi tranquillamente con le tue credenziali: Login