Home Fisco Internazionale Regime Forfettario per i soggetti non residenti

Regime Forfettario per i soggetti non residenti

0

L’Agenzia delle Entrate, ha fornito, alcuni chiarimenti circa l’applicazione dello speciale regime agevolativo a soggetti non residenti. In particolare, ha chiarito che, il regime Forfettario può trovare applicazione ad un soggetto non residente, qualora, esso risieda in un Paese dell’Unione Europea ovvero in un Paese dello Spazio Economico Europeo, collaborativo ai fini dello scambio delle informazioni e produce in Italia la maggior parte del suo reddito complessivamente prodotto

Vediamo meglio, quali sono stati i chiarimenti forniti dall’Agenzia delle Entrate.


Regime Forfettario per i soggetti non residenti: chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate

Risposta all’Interpello n. 106 del 15 aprile 2020

Con la Risposta all’Interpello n. 106 del 15 aprile 2020, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti circa l’applicazione del Regime Forfettario, per i soggetti non residenti.

L’istante dichiara di essere residente in … e di essere iscritto all’Anagrafe degli italiani residenti all’estero dal 20 novembre 2017. Esso, lavora dal 1° giugno del 2016 come dipendente presso l’ospedale, in qualità di medico chirurgo specializzato, l’inquadramento contrattuale esclude l’esercizio di attività professionale autonoma.

Tuttavia, l’ospedale ha intenzione di ridurre il numero di ore lavorate del 20%, con conseguente rilascio di autorizzazione all’esercizio di un’attività di lavoro autonomo.

L’istante precisa che gli sarà consentito l’esercizio professionale anche presso lo stesso ospedale, mediante un regime c.d. “intra moenia”, tuttavia, l’istante ha l’intenzione di svolgere l’attività di lavoro autonomo in Italia, per un massimo di dieci giorni al mese, presso strutture private di terzi, quali studi medici o case di cura.

Esso, intende aprire la partita IVA e avvalersi del Regime Forfettario.

L’Agenzia delle Entrate, chiarisce che, i soggetti non residenti, sono esclusi dal regime forfetariosalvo casi eccezionali. In particolare, l’applicazione del Regime Forfettario, richiede la presenza di due condizioni (di cui all’ art. 1, comma 57, lettera b) della legge n. 190/2014:

  • Il contribuente deve avere la residenza in uno degli Stati membri dell’Unione europea o in uno Stato aderente all’Accordo sullo Spazio economico europeo che assicuri un adeguato scambio di informazioni;
  • Il soggetto deve aver prodotto in Italia almeno il 75% del reddito complessivamente prodotto.

La ratio, prosegue l’Agenzia, risiede nel fatto che un soggetto non residente può essere considerato nella medesima situazione di un soggetto residente, con conseguente parità di trattamento fiscale ai fini del Regime Forfettario, solo se risiede in
un Paese dell’Unione Europea ovvero in un Paese dello Spazio Economico Europeo
(cioè Islanda, Norvegia e Liechtenstein), collaborativo ai fini dello scambio delle informazioni e produce in Italia, in qualità di Stato fonte, la maggior parte del suo reddito complessivamente prodotto.

Risposta all’ Interpello n. 119 del 24 aprile 2020

Nella Risposta all’Interpello n. 119 del 24 aprile 2020, l’istante dichiara di svolgere la professione di avvocato in Italia e dichiara di non avere dipendenti e di non essere soggetta a regimi fiscali speciali, di non detenere partecipazioni societarie e di avere un reddito complessivo annuo inferiore alla soglia di 65.000 euro.

Inoltre, dichiara di essere iscritta, dal primo gennaio 2020, all’albo pubblico degli avvocati degli Stati membri dell’Unione Europea e dell’Associazione europea di libero scambio (in breve “AELS”).

L’Istante, intende avvalersi del Regime Forfettario.

L’Agenzia delle Entrate ha chiarito che, in base alla citata lettera b), di cui all’ art. 1, comma 5 della legge n. 190/2014, non possono avvalersi del Regime agevolativo, i
soggetti non residenti, ad eccezione di coloro che risiedono in uno degli Stati membri
dell’Unione europea o in uno Stato aderente all’Accordo sullo Spazio economico
europeo che assicuri un adeguato scambio di informazioni e che producono in Italia
almeno il 75% del reddito complessivamente prodotto.

L’acronimo SEE designa l’area geografica corrispondente agli Stati dell’EFTA aderenti all’Accordo con l’Unione Europea, entrato in vigore il 1° gennaio 1994. Si tratta, in particolare, di Islanda, Norvegia e Liechtenstein. Lo Stato, pur appartenendo all’EFTA, deve far parte dello SEE.

Conclude l’Agenzia delle Entrate, dichiarando che, l’istante non può applicare il Regime Forfettario di cui all’articolo 1 della legge n. 190 del 2014, finché permane la condizione preliminare rappresentata (residenza extra UE) e fermo restando, in ogni caso, la produzione di reddito in Italia in misura prevalente rispetto al reddito complessivamente prodotto.

Avviso importante:
Fiscomania.com ha raccolto, con ragionevole cura, le informazioni contenute in questo sito. Il materiale offerto è destinato ai lettori, solo a scopo informativo. Quanto letto non può in nessun caso sostituire una adeguata consulenza o parere professionale che rimane indispensabile. Si prega di leggere i nostri Termini e condizioni e l’informativa sulla privacy prima di utilizzare il sito. Tutto il materiale è soggetto alle leggi sul copyright. Fiscomania.com non accetta alcuna responsabilità in relazione all’utilizzo di tale pubblicazione senza la collaborazione dei suoi professionisti.

Nessun Commento

Lascia una Risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Share via