Modalità di applicazione dell’imposta di bollo sulle Fatture Elettroniche. Modalità di pagamento dell’imposta di bollo e casistiche particolari di applicazione. Cosa succede se il medico non appone la marca da bollo sulla propria fattura? Lo scoprirai in questo articolo. 

L’Imposta di Bollo è un tributo alternativo all’Imposta sul Valore Aggiunto. Quando le fatture, le ricevute, le quietanze, le note, i conti, le lettere e i documenti di addebitamento o di accreditamento riguardano pagamenti di corrispettivi assoggettati ad IVA, gli stessi sono esenti dall’Imposta di Bollo.

In questo contributo voglio analizzare le modalità telematiche di assolvimento dell’Imposta di Bollo, da utilizzare sulla Fattura Elettronica ma anche su ricevute ed altri documenti. Approfondiamo, quindi, come deve essere correttamente applicata l’Imposta di Bollo in fattura.


Imposta di Bollo su Fatture e Ricevute e documenti

L’imposta di Bollo deve essere applicata (nella misura di € 2,00) esclusivamente alle fatture, sia cartacee che elettroniche, emesse senza addebito di IVA.

Il bollo si applica quando la fattura supera per un importo superiore a 77,47 euro. Per le fatture di importo inferiore la marca da bollo non deve essere invece applicata. Questo in linea generale. Tuttavia, alcune tipologie di documenti, come fatture e ricevute fiscali, in alcuni casi, possono essere soggette a tale imposta.

In termini generali, l’IVA e l’imposta di Bollo sono tributi tra loro alternativi. In particolare, ai sensi dell’articolo 6 della tabella B allegata al DPR n. 642/1972, le fatture recanti importi soggetti ad IVA sono esenti in maniera assoluta dall’imposta di bollo. Tuttavia, scontano l’imposta di bollo le operazioni non soggette ad Iva se l’importo complessivo è superiore ad 77,47 euro. Inoltre, sempre con riferimento alla tabella A, è possibile procedere all’emissione di fatture “miste”: parte, cioè, delle prestazioni elencate può concorrere alla base imponibile IVA, e le restanti essere soggette ad imposta di bollo, se di valore superiore ad 77,47 euro.


Alternatività IVA ed Imposta di Bollo

Sono esenti dall’Imposta di Bollo le fatture e gli altri documenti riguardanti il pagamento di corrispettivi di operazioni assoggettate ad IVA. Si fa presente che per i documenti in cui non risulta evidenziata l’IVA l’esenzione è applicabile a condizione che gli stessi contengano l’indicazione che trattasi di documenti emessi in relazione al pagamento di corrispettivi di operazioni assoggettate ad IVA.

Il principio di alternatività IVA/bollo, in concreto, comporta che siano esenti dall’Imposta di Bollo in modo assoluto:

  • Fatture, note, note credito e debito, conti e simili documenti che recano addebitamenti o accreditamenti riguardanti operazioni soggette ad Iva;
  • Fatture riguardanti operazioni non imponibili relative ad esportazioni di merci (esportazioni dirette e triangolari) ed a cessioni intracomunitarie di beni.

Invece, in linea generale, sono soggette all’imposta di bollo, (articolo 13 della Tariffa, Parte I, allegata al DPR n. 642/1972), le fatture e i documenti di importo complessivo superiore ad €. 77,47 riguardanti operazioni:

  • Fuori campo Iva per mancanza del presupposto soggettivo od oggettivo (artt. 2, 3, 4 e 5 del DPR n. 633/1972), territoriale (artt. da 7 a 7-septies del DPR n. 633/1972);
  • Escluse da Iva (per meglio dire i riaddebiti in nome e per conto della controparte, interessi di mora; penalità per inadempimenti, ecc. di cui all’articolo 15 del DPR n. 633/1972);
  • Esenti da Iva (articolo 10 del DPR n. 633/1972);
  • Non imponibili perché effettuate in relazione ad operazioni assimilate alle esportazioni, servizi internazionali e connessi agli scambi internazionali, cessioni ad esportatori abituali (esportazioni indirette, articolo 8, lettera c), del DPR n. 633/1972).

Imposta di bollo sulle prestazioni sanitarie

In merito alle fatture relative alle prestazioni sanitarie è stato chiarito che (Risoluzione n. 444/E/2008):

  • L’imposta di bollo, pari ad euro 2, va assolta su ogni fattura medica (ovviamente nel caso in cui la stessa sia esente da Iva ai sensi dell’articolo 10, comma 1, n. 18 del DPR n. 633/1972) di importo superiore ad €. 77,47;
  • Soggetto tenuto all’applicazione del contrassegno è colui che emette il documento fiscale (quindi, il medico);
  • E’ facoltà del prestatore (medico), di addebitare l’importo dell’imposta di bollo (pari ad euro 2) al paziente;
  • Il paziente (cliente) così come il medico (prestatore) ai fini fiscali sono solidalmente responsabili per l’eventuale mancata applicazione dell’imposta di bollo.

Cosa fare se il medico non mette il bollo in fattura o ricevuta?

Nei casi in cui il prestatore (medico) non proceda ad apporre sulla fattura il contrassegno:

  • Il cliente (paziente) entro 15 giorni deve presentare all’Ufficio dell’Agenzia delle entrate la fattura medesima per la regolarizzazione facendosi carico dell’imposta di bollo (senza sanzioni e senza interessi). Sarà poi, onere, dell’Ufficio a richiedere sanzioni ed interessi al prestatore (medico) inadempiente;
  • Se ciò non accade sia prestatore che cliente sono solidalmente responsabili per l’imposta di bollo, sanzioni e interessi.

In tutti i casi in cui il cliente (paziente) abbia pagato l’imposta di bollo pari ad euro 2 (quindi, nei casi in cui l’importo gli sia stato addebitato in fattura ovvero abbia provveduto a regolarizzare la fattura medesima presso l’Ufficio dell’Agenzia delle entrate) potrà detrarre tale importo dalla propria dichiarazione dei redditi, in considerazione del fatto che trattasi di onere accessorio alla prestazione principale riportata in fattura.

Nel gergo comune le fatture per prestazioni sanitarie vengono denominate, impropriamente, “ricevute sanitarie”. Infatti, per le prestazioni mediche di cui all’articolo 10, comma 1, n. 18 del DPR n. 633/1972 non è possibile emettere ricevute fiscali ma necessariamente si deve emettere regolare fattura, ancorché esente Iva, secondo le disposizioni di cui all’articolo 21 del DPR n. 633/1972.

Prestazioni sanitarie escluse da Fattura Elettronica

L’esonero dall’obbligo di fatturazione elettronica vige per il 2019 per i soggetti tenuti all’invio dei dati al Sistema tessera sanitaria.

La norma si applica ai soggetti tenuti all’invio dei dati, ai fini dell’elaborazione della dichiarazione dei redditi precompilata, ai sensi dell’articolo 3, commi 3 e 4, del decreto legislativo n. 175 del 2014 (recante “Semplificazione fiscale e dichiarazione dei redditi precompilata”).

Le modalità di invio di dati di natura sanitaria nell’ambito del Sistema pubblico di connettività sono state stabilite con il DPCM del 26 marzo 2008 e il decreto 27 aprile 2018 del Ministero dell’economia e delle finanze erano state fissate le “specifiche tecniche e modalità operative del Sistema tessera sanitaria per consentire la compilazione agevolata delle spese sanitarie e veterinarie sul sito dell’Agenzia delle entrate, nonché la consultazione da parte del cittadino dei dati delle proprie spese sanitarie, in attuazione dell’articolo 3, comma 3-bis, del decreto legislativo n. 175/2014“.

Ricordo che l’esonero è stato poi esteso dal Garante Privacy a tutti gli operatori sanitari


Soggetti tenuti al pagamento dell’imposta di bollo

L’importo dell’imposta di bollo sui documenti contabili compete, di norma, al debitore, come stabilito incidentalmente dall’art. 1199 c.c., anche se per il pagamento della stessa sono responsabili solidalmente entrambe le parti.

Se il costo dell’imposta di bollo è posto a carico del cliente, l’importo (2 euro) deve essere indicato in fattura tra le operazioni escluse dall’ambito Iva, ex art. 15 del DPR n. 633/1972; se, invece, il costo grava sul fornitore, l’importo della marca da bollo non deve essere specificato in fattura.

Invio fattura tramite e-mail

Nel caso di invio della fattura per e-mail (o altro mezzo elettronico) si dovrà procedere nel modo seguente:

  • La marca da bollo pari ad euro 2 deve essere materialmente applicata sulla fattura in possesso dell’emittente;
  • Sulla copia inviata al cliente via mail (o altro mezzo elettronico) dovrà essere indicata la dicitura: “Imposta di bollo assolta sull’originale”, riportando anche il numero identificativo della marca da bollo apposta sulla fattura originale.

In alternativa è possibile scansionare ed inviare al cliente la fattura con sopra la marca da bollo che rimarrà materialmente all’emittente.


Modalità di pagamento dell’Imposta di Bollo

Il pagamento dell’imposta di bollo può avvenire mediante una delle seguenti modalità:

Pagamento mediante contrassegno

Mediante pagamento dell’imposta ad un intermediario convenzionato con l’Agenzia delle Entrate, il quale rilascia, mediante apposite emettitrici, un contrassegno che sostituisce a tutti gli effetti la marca da bollo. Il pagamento dell’imposta di bollo può avvenire:

  • Con pagamento all’Ufficio dell’Agenzia delle entrate;
  • Presso altri Uffici autorizzati;
  • Con versamento su cc/postale.

Le caratteristiche tecniche e le modalità d’uso del contrassegno nonché le caratteristiche tecniche del sistema informatico idonee a garantire il collegamento telematico con la stessa Agenzia sono state emanate con Provvedimento dell’Agenzia delle entrate 5 maggio 2005.

Pagamento virtuale

Successivamente ad apposita autorizzazione da parte dell’Agenzia delle Entrate, è possibile assolvere l’imposta di bollo in maniera virtuale. In questo modo sui documenti soggetti ad imposta non sarà più apposta la marca da bollo, ma la dicitura “assolvimento virtuale dell’imposta di bollo“, con annotato lo specifico numero di autorizzazione rilasciato dalle Entrate.

L’imposta di bollo dovuta sarà poi versata bimestralmente, a seguito di un piano di liquidazione calcolato dall’Agenzia delle Entrate, sulla base dei dati comunicati al momento della richiesta di autorizzazione.

La determinazione del saldo dovuto per il singolo anno solare viene effettuato tramite la presentazione, nel mese di gennaio dell’anno successivo, di una apposita dichiarazione annuale.

Il pagamento in modo virtuale dell’imposta di bollo:

  • E’ limitato a determinate categorie di atti e documenti stabilite con Decreto (DD.MM. 7 giugno 1973; 25 luglio 1975; 31 ottobre 1981);
  • Deve essere autorizzato dalle Direzioni regionali delle entrate, su richiesta degli interessati (art. 15 del DPR n. 642/1972).

Autorizzazione DRE

L’autorizzazione della Direzione Regionale delle Entrate:

  • E’ rilasciata a tempo indeterminato, salvo revoca o rinuncia;
  • E’ concessa entro gg. 30 dalla richiesta, viene notificata alla parte;
  • Per motivi di “economicità” l’autorizzazione è concessa per importi superiori a €. 2.582,28 di imposta rapportata ad anno solare;
  • E’ concessa entro 30 giorni dalla richiesta, viene notificata alla parte previa consegna all’Ufficio di un originale (Modello F23) del versamento, richiesto in via cautelativa, dell’intero ammontare dichiarato, rapportato ad anno solare, ai sensi del comma 3 dell’articolo 15 del DPR n. 642/1972.

Entro il mese di gennaio dell’anno successivo, il contribuente deve presentare una dichiarazione (definitiva) con l’esatto numero degli atti e documenti emessi nell’anno precedente. L’Ufficio procede alla liquidazione definitiva dell’imposta. L’eventuale differenza positiva o negativa viene sommata o detratta dalla rata di febbraio o dalla successiva.

Documenti elettronici

Il D.M. 17 giugno 2014 (in G.U. n. 146 del 26 giugno 2014), entrato in vigore il 27 giugno 2014, ha sostituito il D.M. 23 gennaio 2004, che resta applicabile in relazione ai documenti già conservati alla data del 27 giugno 2014.

Con il citato Decreto è stato stabilito, diversamente da quanto accadeva fino al 26 giugno 2014, che l’imposta di bollo sui documenti informatici fiscalmente rilevanti (in relazione alle fatture, ai registri e agli altri atti emessi o utilizzati nell’anno) dovrà essere corrisposta con il Mod. F24 (quindi, non più mediante Mod. F23), esclusivamente con modalità telematica.

Inoltre, per le fatture, gli atti e i documenti e registri emessi o utilizzati durante l’anno, il pagamento dovrà effettuarsi in unica soluzione entro 120 giorni dalla chiusura dell’esercizio.


Imposta di Bollo su Fattura Elettronica

Dal 1° gennaio 2019 è esteso l’obbligo di fatturazione elettronica a una vasta platea di soggetti. Una delle domande che sono state posto all’Agenzia delle Entrate nel corso di vari convegni riguarda la marca da bollo. Infatti, in considerazione del fatto che sulle fatture elettroniche non è possibile apporre fisicamente la marca da bollo, per assolvere l’adempimento è necessario effettuare il versamento telematicamente.

Pertanto il cedente/prestatore dovrà valorizzare nel tracciato XML della fattura elettronica l’apposito campo e pagare l’imposta in modalità telematica.

Con il Decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze 28 dicembre 2018 è stato modificato l’articolo 6 del D.M. 17 giugno 2014. Dal 1° gennaio 2019 è in vigore, quindi, una nuova modalità di assolvimento del bollo sulla Fattura Elettronica. L’attuale articolo 6 del D.M. 17 giugno 2017 prevede che:

“il pagamento dell’imposta relativa alle Fatture Elettroniche
emesse in ciascun trimestre solare” deve essere effettuato entro il giorno 20 del primo mese successivo a detto trimestre.

Articolo 6 DM 17 giugno 2017

Volendo esemplificare, l’intera imposta di bollo dovuta sulle fatture elettroniche emesse nel 2019 deve essere corrisposto entro il 20 aprile 2019. Ovvero, entro il primo giorno feriale successivo, essendo il 20 festivo.

Indicazione del bollo in Fattura Elettronica

L’ammontare del tributo è comunicato dall’Agenzia delle Entrate ed è determinato sulla base dei dati contenuti nelle fatture elettroniche inviate attraverso il Sistema di Interscambio.

Nel corpo del file della fattura elettronica è infatti presente un’apposita sezione nella quale sono contenuti i campi utili all’applicazione dell’imposta.

Chi utilizza, ad esempio, il software gratuito messo a disposizione dall’Agenzia delle Entrate, dopo avere apposto il “flag” nella casella “Dati Bollo”, all’interno della sezione “Dati generali”, e inserito l’indicazione “Si” all’interno del campo “Bollo Virtuale”, potrà riportare il valore di 2 euro nel campo “Importo Bollo”.

L’Amministrazione finanziaria sarà quindi in grado di computare l’ammontare dell’imposta di bollo dovuta dai soggetti passivi, sommando i valori indicati nelle singole fatture emesse. L’importo dovuto verrà comunicato nell’area riservata presente all’interno del portale “Fatture e Corrispettivi”.

Pagamento del bollo su Fattura Elettronica

Il pagamento potrà essere effettuato mediante un apposito servizio, presente sul medesimo portale, con addebito su conto corrente bancario o postale, o utilizzando il modello F24 predisposto dall’Agenzia delle Entrate. Il codice tributo è 2501. 

Sulla fattura elettronica andrà indicata la dicitura “Imposta di bollo assolta virtualmente ai  sensi del DM 17.6.2014”.

In generale, con la circolare 16 E del 14/04/2015, l’Agenzia delle Entrate aveva già chiarito che la disciplina inerente l’assolvimento dell’imposta di bollo in modo virtuale, il DPR n 642 del 26 ottobre 1972, non trova applicazione in merito ai documenti informatici.

In sostanza, l’assolvimento dell’imposta di bollo per le fatture elettroniche non richiede la preventiva autorizzazione, né gli altri adempimenti previsti dagli articoli 15 e 15-bis del DPR n. 642.

Procedura per l’integrazione dell’imposta di bollo sulle fatture elettroniche

Qualora l’emissione della fattura elettronica non rechi l’indicazione dell’assolvimento dell’imposta di bollo è necessario procedere alla regolarizzazione di questa mancanza. Sul punto, l’Agenzia delle Entrate, con il provvedimento n. 34958/2021 ha chiarito le modalità di recupero dell’imposta di bollo dovuta e non versata.

L’Agenzia delle Entrate mette a disposizione del cedente, del prestatore o dell’intermediario delegato, entro il giorno 15 del primo mese successivo alla chiusura del trimestre solare, due distinti elenchi:

  • Il primo dei quali (“Elenco A”), non modificabile, che contiene le fatture elettroniche emesse e inviate tramite il Sistema di Interscambio che riportano l’assolvimento dell’imposta di bollo.
  • Il secondo (“Elenco B”), suscettibile delle modifiche del contribuente, sono, invece inserite le fatture elettroniche riferite alle operazioni effettuate dal 1° gennaio 2021, trasmesse via SdI, che non recano l’assolvimento dell’imposta, benché ne sorga l’obbligo.

Per la predisposizione dell’Elenco B l’Agenzia delle Entrate prende il considerazione le fatture per le quali:

  • La sommatoria degli importi (“Prezzo Totale” per le fatture ordinarie o “Importo” per quelle semplificate) risulti superiore a 77,47 euro;
  • Il soggetto passivo abbia indicato i codici natura:
    • N2.1 (operazioni non soggette per carenza del requisito di territorialità);
    • N2.2 (altre operazioni non soggette);
    • N3.5 (operazioni non imponibili a seguito di lettera d’intento);
    • N3.6 (altre operazioni non imponibili);
    • N4 (operazioni esenti);
  • Non sia stata riportata alcuna codifica che indichi il possibile non assoggettamento al tributo.

Il soggetto passivo, entro l’ultimo giorno del mese successivo al trimestre solare di riferimento, qualora ritenga che in relazione a uno o più documenti contenuti nell’Elenco B non si siano realizzati i presupposti per l’applicazione dell’imposta di bollo, comunica tale informazione all’Agenzia delle Entrate “spuntando gli estremi delle singole fatture”. Al contribuente è data anche facoltà di integrare il suddetto elenco con gli estremi identificativi delle e-fatture per le quali risulti dovuta l’imposta e che non sono state individuate dall’Amministrazione finanziaria.

Le modifiche possono essere operate “in modalità puntuale” o “massiva”. In quest’ultimo caso il servizio web dell’Agenzia consente il download del file XML dell’Elenco B e il successivo upload del file modificato. Se il contribuente non comunica alcuna variazione, entrambi gli elenchi sono ritenuti definitivi.

Infine, entro il giorno 15 del secondo mese successivo al trimestre solare, l’Agenzia evidenzierà, nell’area riservata del portale “Fatture e Corrispettivi” del cedente/prestatore, l’importo dovuto.

È prevista la possibilità, per chi esegua il pagamento oltre le scadenze previste dall’art. 6 del DM 17 giugno 2014, di versare l’importo dovuto mediante il servizio web dell’Agenzia delle Entrate, corrispondendo le sanzioni e gli interessi da ravvedimento operoso calcolati automaticamente dal sistema.


Profili sanzionatori legati all’imposta di Bollo

L’omissione dell’imposta di bollo o l’applicazione di una marca con data posteriore a quella di emissione della fattura prevede una sanzione amministrativa, per ogni singola fattura/ricevuta irregolare.

La sanzione è di un importo pari al doppio o al quintuplo dell’imposta di bollo dovuta.


Tabella: casi di applicazione dell’imposta di bollo in fattura

Regime IvaArticolo di riferimentoOperazione soggetta o esente da bollo
Operazioni effettuate, escluse da IVA per mancanza del presupposto soggettivo ed oggettivoArtt. 2, 3, 4 e 5 del D.P.R. n. 633/1972Soggette ad imposta di bollo
Operazioni effettuate, escluse da IVA per mancanza del presupposto territorialeArtt. da 7 a 7-septies del D.P.R. n. 633/1972Soggette ad imposta di bollo.
A decorrere dal 1° gennaio 2010, le prestazioni di cui agli artt. da 7-ter a 7-septies del D.P.R. n. 633/1972 (prestazioni di servizi a committenti soggetti passivi non residenti; servizi relativi a immobili ubicati all’estero, ecc.) sono soggette ad imposta di bollo
Escluse da IVA (riaddebiti in nome e per conto della controparte, interessi di mora; penalità per inadempimenti, ecc.)Art. 15 del D.P.R. n. 633/1972Soggette ad imposta di bollo
Note di rimborso spese di trasferta, rappresentanza, eccNota Agenzia entrate 26/1/2001, n. 6/E e nota Ministero Finanze 7 dicembre 1974, n. 432130Sono soggette ad imposta di bollo se presentate da:
– amministratori;
– prestatori attività lavorative a progetto;
– parasubordinati in genere;
– lavoratori autonomi.
Sono, invece, esenti da bollo le note di rimborso spese di trasferta, rappresentanza, ecc. presentate al datore di lavoro dai propri dipendenti
Esportazioni di beniArt. 8, lett. a) e b), del D.P.R. n. 633/1972, art. 15, comma 3, della Tariffa allegata al D.P.R. n. 642/1972, R.M. 6 giugno 1978, n. 290586Sono esenti dall’imposta di bollo:
– le esportazioni dirette;
– le esportazioni indirette;
– le esportazioni triangolari
Cessioni ad esportatori abituali che rilasciano dichiarazione d’intentoArt. 8, lett. c), del D.P.R. n. 633/1972Sono soggette ad imposta di bollo.
Sono esenti dall’imposta di bollo le cessioni di beni (con esclusione delle prestazioni di servizio) certamente destinati a successiva esportazione a cura dell’acquirente, sempre che ne sia data indicazione all’interno della fattura (C.M. 1° agosto 1973, n. 415755)
Cessioni intracomunitarie di beniArtt. 41, 42 e 58 del D.L. n. 331/1993Sono esenti dall’imposta di bollo:
– le cessioni intracomunitarie di cui all’art. 41 del D.L. n. 331/1993;
– le triangolazioni comunitarie di cui all’art. 58 del D.L. n. 331/1993
Operazioni assimilate alle cessioni all’esportazioneart. 8-bis del D.P.R. n. 633/1972, Nota Ministero Finanze 1° agosto 1973, n. 415755, Nota Ministero Finanze 4 ottobre 1984, n. 311654, C.M. Direzione dogane 11/4/1973, n. 233-316/30819/8Sono esenti dall’imposta di bollo le fatture non imponibili di cui all’art. 8-bis unicamente se emesse nei confronti degli armatori per l’imbarco sulle loro navi di provviste e dotazioni di bordo, in quanto atti inerenti ad operazioni tendenti alla realizzazione dell’esportazione di merci (Nota Ministero Finanze 1° agosto 1973, n. 415755, Nota Ministero Finanze 4 ottobre 1984, n. 311654, circolare Direzione Dogane 11/4/1973, n. 233-316/30819/8).
Le altre operazioni indicate nell’art. 8-bis del D.P.R. n. 633/1972 che non rientrano nella fattispecie sopra evidenziata sono, invece, soggette a bollo nella misura di 2 euro se di importo superiore ad €. 77,47
Servizi internazionaliArt. 9 del D.P.R. n. 633/1972, Nota Ministero Finanze 6/6/1978, n. 290586In linea generale sono soggetti ad imposta di bollo.
Sono esenti dall’imposta di bollo i servizi internazionali diretti a realizzare esclusivamente l’esportazione di merci
Copie conformi di fattureC.M. 1° agosto 1973, n. 415755Medesimo trattamento riservato alla fattura originale; ne consegue che:
– se esente da imposta di bollo (in quanto ad esempio è soggetta ad IVA) sarà esente anche la copia conforme;
– se soggetta ad imposta di bollo (in quanto la fattura originale è esclusa da IVA) sarà soggetta anche la copia.
Nel caso di copia fattura per utilizzo esclusivo ai fini contabili ed amministrativi interni dalle imprese emittenti, affinché non torni applicabile l’imposta di bollo si dovrà riportare sulla copia/duplicato che “trattasi di copia per uso interno amministrativo o contabile, il bollo è stato applicato sull’originale” (Note Ministero Finanze: 1° febbraio 1973, n. 415051 e 24 aprile 1973, n. 415195)
Cessioni ad esportatori abitualiArt. 8, lett. c), del D.P.R. n. 633/1972Sono soggette ad imposta di bollo.
Sono esenti le fatture per cessioni di beni (mai le prestazioni di servizio): nel caso in cui i beni siano destinati a successiva esportazione a cura dell’acquirente, previa espressa menzione in fattura (C.M. 1° agosto 1973, n. 415755). In assenza di certezza di tale condizione si applica il bollo (R.M. 10 agosto 1978, n. 411861)
Note credito (variazioni in diminuzione)Art. 26 del D.P.R. n. 633/1972Sono soggette ad imposta di bollo le note di credito:
– senza indicazione dell’IVA;
– riferite ad operazioni originariamente non assoggettate ad IVA
Note debito (variazioni in aumento)Art. 26 del D.P.R. n. 633/1972Costituiscono delle fatture integrative; conseguentemente seguiranno le regole generali per l’applicazione o meno dell’imposta di bollo
Fatture misteRisoluzione 3 luglio 2001, n. 98/ELe fatture emesse a fronte di più operazioni, i cui corrispettivi in parte non sono assoggettati ad IVA, sono soggette ad imposta di bollo se la somma di uno o più componenti dell’intero corrispettivo fatturato non assoggettato ad IVA supera €. 77,47
Reverse chargeCircolare 29 dicembre 2006, n. 37/E, art. 17 del D.P.R. n. 633/1972 e art. 46 del D.L. n. 331/1993Gli acquisti (di beni o servizi) soggetti a reverse charge sono esenti dall’imposta di bollo in considerazione del fatto che risultano comunque “assoggettati” ad IVA (ancorché debitore dell’imposta sia il cessionario/committente).
Rientrano in tale fattispecie anche i casi di reverse charge c.d. interno previsti dall’art. 17, comma 6, del D.P.R. n. 633/1972 (ad es. subappalto in edilizia, cessioni di fabbricati con opzione per l’assoggettamento ad IVA effettuate nei confronti di soggetti passivi IVA, ecc.; nonché le cessioni di rottami di cui all’art. 74, commi 7 e 8, del D.P.R. n. 633/1972)
AutofatturaArt. 17, comma 2, del D.P.R. n. 633/1972Le autofatture emesse ai fini della regolarizzazione di operazioni soggette ad IVA sono esenti dall’imposta di bollo.
Le autofatture emesse senza addebito di IVA (ad esempio non imponibili, esenti, escluse o fuori campo, ecc.), che non sono state emesse in relazione ad esportazioni di merci, sono soggette ad imposta di bollo
Cessioni a Repubblica di San Marino, Città del Vaticano od organismi aventi trattati ed accordi internazionaliArtt. 71 e 72 del D.P.R. n. 633/1972Esenti dall’imposta di bollo
Fatture emesse dagli agenti di assicurazione per le provvigioni spettantiLegge 29 ottobre 1961, n. 1216Ancorché le stesse siano emesse in esenzione di IVA, ai sensi dell’art. 10 del D.P.R. n. 633/1972, sono esenti da imposta di bollo in considerazione del fatto che vi è l’alternatività con le imposte sulle assicurazioni
Regimi speciali c.d. base da baseArt. 74-ter del D.P.R. n. 633/1972 e D.L. 23 febbraio 1995, n. 41Non sono soggetti ad imposta di bollo (in considerazione del fatto che il “margine” è soggetto ad IVA – a nulla rilevando l’eventuale margine negativo):
– il regime dei beni usati;
– il regime delle agenzie di viaggio (sono però soggetti ad imposta di bollo i pacchetti turistici con destinazione extra-UE)
Regimi monofasiciArtt. 2 e 74 del D.P.R. n. 633/1972Sono esenti dall’imposta di bollo (in considerazione del fatto che l’IVA si considera “assolta all’origine”):
– la vendita di tabacchi, sali e fiammiferi;
– le cessioni di prodotti editoriali (a condizione che sul documento sia indicata la menzione che l’IVA viene assolta in base alla normativa contenuta nell’art. 74 del D.P.R. n. 633/1972, Note Ministero Finanze 11 aprile 1990, n. 390206 e 28 dicembre 1994, n. 64/E);
– la cessione o ricariche di schede telefoniche;
– la rivendita di documenti di trasporto pubblico e di sosta;
– la cessione di valori bollati;
– la cessione di biglietti dei concorsi a premio nazionali

Termini di versamento dell’imposta di bollo sulle fatture elettroniche

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze con il D.M. 4.12.2020 ha disposti il differimento dei termini ordinari per il versamento dell’imposta di bollo sulle fatture elettroniche. L’art. 1 del decreto ha riscritto l’art. 6, co. 2 del D.M. 17.06.2014 stabilendo che il pagamento dell’importo dovuto, relativo alle fatture elettroniche emesse nel primo, terzo e quarto trimestre solare, deve essere effettuato entro l’ultimo giorno del secondo mese successivo. Il versamento dell’imposta dovuta sulle e-fatture relative al secondo trimestre solare, deve, invece, essere eseguito entro l’ultimo giorno del terzo mese successivo.

PERIODO DI RIFERIMENTOTERMINI DI VERSAMENTO DELL’IMPOSTA DI BOLLO SULLE FA TTURE ELETTRONICHE
I TRIMESTRE31 MAGGIO
II TRIMESTRE30 SETTEMBRE
III TRIMESTRE30 NOVEMBRE
IV TRIMESTRE28 FEBBRAIO DELL’ANNO SUCCESSIVO
Tabella: termini di versamento dell’imposta di bollo su fattura elettronica

Adempimenti semplificativi di versamento

Il pagamento dell’imposta di bollo su fatture elettroniche può essere effettuato, senza applicazione di interessi e sanzioni:

  • Per il primo trimestre, nei termini previsti per il versamento dell’imposta relativa al secondo trimestre solare dell’anno di riferimento, qualora l’ammontare dell’imposta da versare per le e-fatture emesse nel primo trimestre solare dell’anno non superi 250,00 euro;
  • Per il primo e secondo trimestre, nei termini previsti per il versamento dell’imposta relativa al terzo trimestre, nei termini previsti per il versamento dell’imposta relativa al terzo trimestre solare dell’anno di riferimento, nel caso in cui l’ammontare dell’imposta da versare per le e-fatture emesse nel primo e secondo trimestre solare dell’anno non superi complessivamente 250,00 euro.

Procedura di integrazione dell’imposta

L’Agenzia delle Entrate, con riferimento alle fatture elettroniche inviate al Sistema di Interscambio procede per ciascun trimestre solare all’integrazione delle fatture che non riportano l’evidenza dell’imposta di bollo, ma per le quali l’imposta risulta dovuta. L’informazione viene messa a disposizione del cedente o prestatore o dell’intermediario delegato, con modalità telematiche, entro il 15 del primo mese successivo al trimestre. Quest’ultimo, a sua volta, laddove ritenga che, relativamente a una più fatture integrate dall’Agenzia, non risultino i presupposti per il versamento dell’imposta di bollo, potrà procedere alla variazione dei dati comunicati entro l’ultimo giorno del primo mese successivo. Anche in questo caso è previsto uno specifico differimento per quanto riguarda il secondo trimestre solare, posto che il soggetto passivo potrà effettuare la variazione dei dati comunicati entro il 10 settembre dell’anno di riferimento.

L’Agenzia delle Entrate, quindi, metterà a disposizione al cedente/prestatore o all’intermediario delegato, l’ammontare del tributo complessivamente dovuto, calcolato sulla base delle fatture trasmesse dal soggetto passivo, nonché delle integrazioni proposte.

Sanzioni e ravvedimento operoso dell’imposta di bollo sulle fatture elettroniche

In caso di ritardato o insufficiente versamento dell’imposta di bollo l’Amministrazione finanziaria provvederà a comunicare al soggetto passivo, attraverso modalità telematiche l’ammontare:

  • Dell’imposta di bollo dovuta e non versata;
  • Della sanzione amministrativa dovuta ai sensi dell’art. 13, co. 1 D.Lgs. n. 471/97, ridotta ad 1/3;
  • Degli interessi dovuti fino all’ultimo giorno del mese antecedente a quello dell’elaborazione della comunicazione.

Qualora il soggetto passivo non provveda al pagamento delle somme dovute entro 30 giorni dalla ricezione della comunicazione l’Agenzia delle Entrate provvederà all’iscrizione a ruolo a titolo definitivo delle somme dovute.

La sanzione prevista dall’art. 13, co. 1 D.Lgs. n. 471/97 è la seguente:

  • 1% al giorno per massimo 15 giorni (max 15%), se il versamento viene effettuato nei primi 15 giorni dalla scadenza;
  • 15%, se il versamento viene eseguito entro 90 giorni dalla scadenza;
  • 30% se il versamento viene eseguito oltre i 90 giorni dalla scadenza.

Tale sanzione può essere oggetto di ravvedimento operoso ai sensi dell’art. 13 D.Lgs. n. 472/97.

Il riaddebito dell’imposta di bollo in fattura è da considerarsi reddito del professionista o rimborso di spesa anticipata in nome e per conto?

Uno degli aspetti che maggiormente crea problematiche nella determinazione del reddito dei professionisti riguarda la corretta modalità di considerazione del rimborso dell’imposta di bollo addebitata al cliente in fattura. Il dubbio che sorge in questi casi, è che spesso induce in errore, riguarda la corretta identificazione del rimborso come compenso del professionista o come rimborso di spesa anticipata in nome e per conto del cliente.

Ebbene, sul punto occorre ribadire che l’imposta di bollo è dovuta da colui che emette la fattura (questo indipendentemente dal regime fiscale adottato dal soggetto, regime ordinario o regime forfettario). Questa è la conclusione a cui è arrivata l’Amministrazione finanziaria con la risposta ad interpello n. 67 del 20 febbraio 2020, con il quale emerge che il professionista può richiedere il rimborso dell’imposta di bollo dovuta sulla sua fattura, ma resta fermo che l’obbligo di corrispondere l’importo dell’imposta è totalmente a suo carico.

Questa considerazione fa sì che non si possa parlare di addebito al cliente a titolo di rivalsa per importi che la legge pone a carico del cliente. La conclusione di tale ragionamento porta ad affermare che il bollo, se addebitato al cliente costituisca compenso e non spesa anticipata.

Se il professionista versa in regime forfettario il costo sostenuto per il bollo virtuale non è ovviamente deducibile, come del resto nessun costo è deducibile tranne i contributi previdenziali.


Imposta di bollo su fatture e ricevute: consulenza

Se hai un dubbio riguardante la corretta applicazione dell’imposta di bollo su una fattura o una ricevuta fiscale, contattaci attraverso il servizio di consulenza online.

Potrai contare sulla consulenza di un professionista preparato.

Commenti:
Considerata l’elevata quantità di commenti che ci arrivano ogni giorno è opportuno effettuare alcune precisazioni. Saranno pubblicati soltanto commenti che arricchiscono il testo dell’articolo con particolari situazioni, utili anche per altri lettori. Se non trovi il tuo commento pubblicato significa che abbiamo già fornito risposta al quesito e che, quindi, la risposta si trova nel testo dell’articolo o in altri commenti. Se comunque desideri una risposta o l’analisi della tua situazione personale, puoi contattarci attraverso il servizio di consulenza fiscale.

Avviso importante:
Fiscomania.com ha raccolto, con ragionevole cura, le informazioni contenute in questo sito. Il materiale offerto è destinato ai lettori, solo a scopo informativo. Quanto letto non può in nessun caso sostituire una adeguata consulenza o parere professionale che rimane indispensabile. Si prega di leggere i nostri Termini e condizioni e l’informativa sulla privacy prima di utilizzare il sito. Tutto il materiale è soggetto alle leggi sul copyright. Fiscomania.com non accetta alcuna responsabilità in relazione all’utilizzo di tale pubblicazione senza la collaborazione dei suoi professionisti.

16 COMMENTI

  1. Se in una fattura elettronica addebito al cliente i 2 euro per l’imposta di bollo (indicando “escluso art.15”), questi sono da considerare reddito per il calcolo di tasse e contributi? Grazie.

  2. Salve, se su una fattura il medico ha dimenticato di applicare il bollo (fattura di 150€), c’è modo per far correggere la fattura direttamente dal medico? in caso contrario come posso fare per regolarizzarla con un bollo valido ora che la fattura è stata già emessa?

  3. Salve, sono in regime forfettario e emetto fatture cartacee ma pago la marca da bollo tramite F24 trimestrale. A Gennaio ho inviato la dichiarazione con l’elenco delle fatture per cui ho pagato la marca da bollo. Non mi è chiaro se dovevo chiedere autorizzazione per poter assolvere al pagamento in maniera virtuale o va bene così. Grazie.

  4. Buongiorno, il bollo va considerato reddito qualsiasi sia il tipo di regime adottato, ordinario o agevolato. Pertanto nella certificazione unica nel caso di regime agevolato si imputa il totale lordo con codice 8 oppure 12 ma, nel caso di regime ordinario, l’imposta di bollo è soggetta a ritenuta, considerandolo reddito? Oppure l’importo del bollo andrà escluso da ritenuta con codice 7? Andrà addebitato come escluso art 15 comma 5 quale rivalsa?
    Grazie

  5. Buonasera,
    per il calcolo dei bolli esenti del primo trimestre dovrò considerare le fatture elettroniche emesse in quel trimestre o quelle la cui data di messa a disposizione, consegna è nel trimestre?
    esempio una fattura elettronica emessa ed inviata il 29/03 ma messa a disposizione dallo SDI il 02/04 è da considerarsi di competenza del secondo trimestre o nel primo?
    Grazie

  6. Buongiorno,
    per errore del software del cliente tutte le fatture emesse sono state inviare con l’ indicazione “l’assolvimento dell’imposta di bollo”. Ora il cliente si trova un saldo trimestrale assolutamente non corretto. Essendo tutte le fatture nell’Elenco A non sono modificabili. Può esserci un modo per sistemare?

    Grazie

  7. Buongiorno, ma se nei vari trimestri non si raggiunge mai l’importo minimo di €250, si sommano tutti e si paga l’intera cifra rispettando il termine del 4° trimestre? grazie

Lascia una Risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here