Fattura Elettronica Omessa
Fattura Elettronica Omessa

In caso di tardiva emissione della fattura elettronica si applica la sanzione prevista dall’art. 6 del D.Lgs. n. 471/97. Si tratta di una sanzione che va dal 90% al 180% dell’imponibile non correttamente documentato.

Che cosa succede quando un operatore economico obbligato ad emettere fattura elettronica, emette fatture in formati diversi non validi? In quali problemi può incorrere il cedente/prestatore e il cessionario/committente l’operazione?

Oggi voglio parlarti delle sanzioni che riguardano la ritardata o omessa fatturazione delle operazioni rilevanti ai fini Iva. La normativa di riferimento è dettata dall’art. 6 del D.Lgs. n. 471/97 la quale prevede che per la fattispecie di sottofatturazione, omessa fatturazione o di indicazione in fattura di aliquota inferiore è prevista una sanzione amministrativa che va dal 90% al 180% dell’imposta relativa all’imponibile non correttamente documentato o registrato nel corso dell’esercizio. La sanzione è dovuta nella misura da euro 250 a euro 2.000 quando la violazione non ha inciso sulla corretta liquidazione del tributo. Inoltre, è opportuno ricordare che la stessa disposizione stabilisce che, per l’omessa/irregolare fatturazione e successiva omessa/irregolare registrazione, la sanzione sia unica.


Fattura elettronica omessa o inesistente: quali sanzioni?

La fattura emessa in un formato diverso da quello elettronico è da considerarsi inesistente. La fattura inesistente è a tutti gli effetti una fattura non emessa. Tutte le fatture che non transitano dal Sistema di Interscambio devono essere considerate come inesistenti. Questo significa che, in pratica, è come se la fattura, operativamente, non sia mai stata emessa. Questo aspetto è molto importante in quanto può creare dei problemi sia per il cedente che per il cessionario dell’operazione.

Il cedente/prestatore e il cessionario/committente al verificarsi di questa fattispecie incorrono nelle sanzioni indicate dall’articolo 6, del D.Lgs. n. 471/97. Si tratta delle sanzioni amministrative pecuniarie che vado ad analizzare di seguito.


Fattura elettronica omessa: le sanzioni per il cedente/prestatore

In capo al cedente/prestatore si applica una sanzione amministrativa pecuniaria compresa fra il 90% e il 180% dell’imposta non correttamente documentata. In caso di omessa fatturazione che non incide sulla liquidazione dell’Iva, la sanzione è fissa, che varia da un minimo di euro 250 a un massimo di euro 2.000.

Con la risposta interpello n. 528/E/2019, l’Agenzia delle Entrate ha confermato che, a fronte della tardiva trasmissione della fattura elettronica, si rende applicabile la sanzione da 250 a 2.000 euro (ex art. 6 co. 1 del D.Lgs. n. 471/97), qualora l’emissione avvenga entro il termine per la liquidazione periodica Iva di riferimento e non abbia inciso sulla stessa. Si tratta, in questo caso, come precisato dall’Amministrazione finanziaria, di una violazione “formale“, posto che tale inadempimento ben potrebbe rientrare nelle “inosservanze di formalità e di adempimenti suscettibili di ostacolare l’attività di controllo, anche solo in via potenziale“.

In caso di operazione con Iva non esposta (vedi i casi di operazioni esenti Iva, oppure di reverse charge, etc), la sanzione è variabile, dal 5% al 10% dei corrispettivi.

Queste sono tutte le sanzioni applicabili nei casi di fattura elettronica omessa per quanto riguarda il cedente/prestatore dell’operazione.


Fattura elettronica omessa: sanzioni per il cessionario/committente

Per quanto riguarda il soggetto cessionario/committente vi è un diverso regime sanzionatorio. In questo caso è prevista l’applicazione di una sanzione pari al 100% dell’Iva non correttamente documentata. Tuttavia, per il cessionario/committente, vi è una possibilità di evitare la sanzione

La possibilità di evitare l’applicazione di sanzioni è connessa alla possibilità di regolarizzare l’operazione. Tale regolarizzazione è possibile laddove il cessionario/committente non riceva entro 4 mesi dall’effettuazione dell’operazione una regolare fattura elettronica. Infatti, qualora il prestatore entro il termine di 4 mesi dell’effettuazione dell’operazione non provveda ad emettere fattura il cessionario/committente per evitare l’applicazione di sanzioni ha la possibilità di procedere all’emissione di un’autofattura elettronica. Tale documento deve essere predisposto nei 30 giorni successivi dallo spirare dei 4 mesi dall’effettuazione dell’operazione e deve essere trasmesso telematicamente al sistema di interscambio (SdI).

Contestualmente, per regolarizzare l’operazione, deve essere versata l’Iva indicata in autofattura. Trattandosi di autofatturazione, l’Iva può essere portata in detrazione in sede di liquidazione periodica.

L’autofattura elettronica sostituisce il visto che, in precedenza all’applicazione della fattura elettronica, doveva essere apposto a cura dell’Ufficio dell’Agenzia delle Entrate sul documento.


Fattura elettronica ed assolvimento dell’imposta di bollo

L’imposta di bollo sulle fatture elettroniche per le operazioni esenti come deve essere assolta? Può esserci una sanzione per Fattura Elettronica omessa in caso di problemi con il pagamento del bollo?

Altro aspetto che può portare all’applicazione di sanzioni legate alla Fattura Elettronica è l’assolvimento dell’imposta di bollo. In caso di fatture elettroniche per operazioni esenti, escluse o fuori campo Iva di importo superiore a 77,47 euro è previsto l’assolvimento del bollo. In particolare deve essere versato il bollo di 2,00 euro a cura del soggetto cedente/prestatore. Questo secondo le regole indicate nel D.M. 17 giugno 2014. In sintesi, il cedente/prestatore deve procedere con la seguente procedura:

  • Indicare nell’apposito spazio della fattura in formato XML l’imposta di bollo;
  • Versare l’ammontare complessivo dell’imposta di bollo annuale entro 120 giorni dalla conclusione del periodo di imposta;
  • Utilizzare il modello F24 indicando il codice tributo 2501.

Nel caso in cui l’imposta di bollo venga addebitata al cliente, è necessario inserire la marca da bollo anche nel corpo della fattura. Mi riferisco all’indicazione della stessa nella parte numerica, in modo che venga ricompresa nel totale documento.


Fattura elettronica omessa: conclusioni

Le problematiche legate alla Fattura Elettronica possono essere le più disparate. Sicuramente incorrere nella fattispecie di fattura elettronica omessa non è piacevole. Le sanzioni in cui si può incorrere sono elevate e riguardano sia il cedente che il cessionario.

Per il cedente si tratta di sanzioni sicuramente più gravose. Per il cessionario, invece, la situazione è più mite. Egli, infatti, ha facoltà di regolarizzare la situazione in autonomia emettendo autofattura. Questo aspetto sicuramente può aiutare ad evitarsi l’applicazione della sanzione. Inoltre, con l’emissione dell’autofattura vi è anche la possibilità di detrarsi l’Iva. 

In generale quello che posso consigliarti è di prestare la massima attenzione all’emissione in modo corretto della Fattura Elettronica. In caso contrario, affidati sempre la tuo Commercialista di fiducia.

Se hai letto questo articolo e ti stai rendendo conto che necessiti dell’analisi della tua situazione personale, ti invito a contattarci attraverso il form di cui al link seguente. Riceverai il preventivo per una consulenza personalizzata in grado di risolvere i tuoi dubbi sull’argomento. Soltanto in questo modo, infatti, potrai essere sicuro di evitare di commettere errori, che in futuro possono esserti contestati e quindi sanzionati.


Avviso importante:
Fiscomania.com ha raccolto, con ragionevole cura, le informazioni contenute in questo sito. Il materiale offerto è destinato ai lettori, solo a scopo informativo. Quanto letto non può in nessun caso sostituire una adeguata consulenza o parere professionale che rimane indispensabile. Si prega di leggere i nostri Termini e condizioni e l’informativa sulla privacy prima di utilizzare il sito. Tutto il materiale è soggetto alle leggi sul copyright. Fiscomania.com non accetta alcuna responsabilità in relazione all’utilizzo di tale pubblicazione senza la collaborazione dei suoi professionisti.

2 COMMENTI

  1. Sono in tanti a considerare la fatturazione elettronica un ulteriore adempimento in capo a imprese e professionisti. Al di là del fatto che la e-fattura costringa a rivedere i processi e le procedure, imponga un radicale cambio di mentalità e richieda un intervento anche in termini economici (non soltanto per l’aggiornamento dei software di contabilità), la fatturazione elettronica potrebbe consentire realmente alle imprese di passare “ad un livello successivo”. Come scrivo nel mio libro dal titolo “Guida alla fatturazione elettronica tra privati”, il cambiamento cui stiamo andando incontro sarà epocale. Sarà un processo irreversibile, dal quale non si tornerà più indietro. Dobbiamo soltanto essere pronti alla imminente data di switch off.

    Nicola Santangelo

  2. Salve Nicola e grazie per il suo contributo che condivido pienamente. La Fattura Elettronica deve essere vista come una opportunità per le PMI italiane. Naturalmente, affinché questo possa realmente avvenire è necessario che i professionisti che assistono queste aziende sfruttino nel miglior modo possibile questa svolta nel sistema di gestione amministrativa.

Lascia una Risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here