Uno degli aspetti da indagare nella creazione di un gruppo multinazionale e nella sua pianificazione fiscale riguardano anche i criteri di territorialità legati alla tassazione dei dividendi di fonte estera.

In questa analisi ho deciso di prendere in considerazione i principali paesi europei per capire quali sono i diversi criteri di territorialità che utilizzano per assoggettare a tassazione – solitamente parziale – i dividendi di fonte estera.

Ricordo che i dividendi rappresentano gli utili già assoggettati a tassazione nel Paese ove la società li ha prodotti. Per questo motivo, solitamente, il Paese ove è situazione la società controllante (“casa madre“), consente alcuni esoneri da tassazione al momento dell’incasso del dividendo di fonte estera.

In quest’ottica, particolarmente interessanti sono i risultati emersi legati ai diversi criteri adottati dai vari Paesi per incentivare l’arrivo di dividendi di fonte estera e quindi, indirettamente, incentivare la costituzione di holding nel proprio territorio.

Dividendi e plusvalenze in Europa

I criteri di territorialità per la tassazione dei dividendi di fonte estera

Sotto un sistema fiscale territoriale, le imprese internazionali pagano le tasse ai paesi in cui si trovano e guadagnano il loro reddito. Questo significa che i regimi fiscali territoriali generalmente non tassano i redditi delle società all’estero. Al contrario un sistema fiscale basato sulla tassazione su base mondiale, d’altra parte, come il sistema fiscale italiano, richiede alle aziende di pagare le tasse sul reddito mondiale, indipendentemente da dove viene guadagnato.

All’interno di sistemi fiscali basati sulla tassazione mondiale dei redditi, tuttavia, vi possono essere dei regimi particolari dedicati a particolari tipologie reddituali. Si tratta, essenzialmente, di criteri specifici legati alla tassazione del capital gain (interessi, dividendi e plusvalenze). In questi casi i sistemi fiscali prevedono dei particolari criteri basati sulla cd “partecipation exemption“, che può includere – a seconda dei casi – esenzioni totali o parziali per dividendi di origine estera o redditi da plusvalenze o entrambi. 

In questo contesto, i dividendi possono essere utilizzati per rimpatriare i profitti guadagnati in una controllata estera alla società madre. Lo stesso criterio vale anche per le plusvalenze che emergono, ad esempio, quando le controllate estere vengono vendute registrando un profitto. Attraverso la “partecipation exemption” vengono eliminate le imposte nazionali su tali redditi esteri consentendo alle società di ignorare questi proventi, in parte o in toto, nel calcolare il proprio reddito imponibile.

Criteri di territorialità in Europa per il capital gain

In particolare, in questo contesto legato ai criteri di territorialità di dividendi e plusvalenze di fonte estera si possono distinguere tre casi:

  • Un sistema fiscale completamente territoriale esenta tutti i redditi da dividendi e plusvalenze di origine estera;
  • Un sistema fiscale parzialmente territoriale esenta solo una certa quota di dividendi di origine estera e redditi da plusvalenza o esenta redditi da dividendo di origine estera ma include proventi da plusvalenza di origine estera (o viceversa);
  • Un sistema fiscale mondiale non esenta alcun reddito da dividendi e plusvalenze di origine estera.

Quali Paesi in Europa utilizzano sistemi di tassazione territoriale per il capital gain?

Dei 27 paesi europei OCSE, ben 19 utilizzano un sistema fiscale completamente territoriale, esentando tutti i redditi da dividendi e plusvalenze di origine estera dalla tassazione interna. Nei restanti otto paesi, tale reddito è parzialmente esente dalla tassazione interna. Nessun paese europeo dell’OCSE gestisce un sistema fiscale con tassazione su base mondiale.

Degli otto paesi con un sistema fiscale parzialmente territoriale, solo l’Irlanda tassa interamente i redditi da dividendi di origine estera e allo stesso tempo esenta completamente i redditi da plusvalenza di origine estera. L’opposto è il caso in Grecia e Polonia (tassando completamente i redditi da plusvalenza di origine estera ed esentando completamente i dividendi di origine estera). I restanti cinque paesi hanno esenzioni parziali sia per i dividendi di origine estera che per i redditi da plusvalenza.

Molti paesi trattano il reddito di origine straniera in modo diverso a seconda del paese in cui è stato guadagnato. Ad esempio, molti paesi limitano i loro sistemi territoriali sulla base di una “black list” di paesi che non seguono determinati requisiti. Tra i paesi dell’Unione Europea (UE), è comune limitare l’esenzione dalla partecipazione agli Stati membri dell’UE o allo Spazio economico europeo (SEE).

Tabella: criteri di territorialità per dividendi e plusvalenze nei paesi europei

Le esenzioni riportate nella seguente tabella riguardano i dividendi e le plusvalenze di fonte estera percepiti da società di capitali.

PaeseEsenzione da tassazione dei dividendi di fonte esteraEsenzione dalla plusvalenze di fonte esteraDettagli
Austria100%100%
Belgio100%100%
Danimarca100%100%Stati membri dell’UE e Stati membri del SEE o trattato contro la doppia imposizione
Estonia100%100%Stati membri dell’UE e Stati membri del SEE e Svizzera
Finlandia100%100%Stati membri dell’UE e Stati membri del SEE
Francia95%88%Esclusi i paesi black list
Germania95%95%
Grecia100%Stati membri UE
Islanda100%100%
Irlanda100%Stati membri dell’UE e paesi con trattati fiscali
Italia95%95%Esclusi i paesi black list
Lettonia100%100%Esclusi i paesi black list
Lituania100%100%Esclusi i paesi black list
Lussemburgo100%100%
Norvegia97%100%Stati membri SEE
Paesi Bassi100%100%
Polonia100%Stati membri dell’UE e Stati membri del SEE e Svizzera
Portogallo100%100%I paesi della lista nera sono esclusi
Repubblica Ceca100%100%Stati membri dell’UE e Stati membri del SEE
Repubblica Slovacca100%100%Paesi con trattati fiscali
Slovenia95%47.5%Esclusi i paesi black list
Spagna100%100%Esclusi i paesi black list
Svezia100%100%
Svizzera100%100%
Turchia100%100%
Regno Unito100%100%
Ungheria100%100%

Criteri di tassazione territoriale di dividendi e plusvalenze in europa: conclusioni

Come emerso da questa breve analisi tutti i Paesi europei adottano criteri di esenzione per la tassazione dei dividendi societari provenienti da controllate estere. Naturalmente, questo tipo di esenzioni, inevitabilmente, finisce per influenzare le politiche fiscali delle società multinazionali. Questo avviene soprattutto quando si tratta di identificare quale sia il migliore paese per incorporare la propria holding o sub-holding.

E’ in quest’ottica, infatti, che questa analisi può offrire spunti interessanti. Infatti, paesi come il Lussemburgo, la Svizzera ed i Paesi Bassi – notoriamente conosciuti per essere paesi di incorporazione per holding – applicazioni esenzioni fiscali al 100% senza nessun discrimine. Tuttavia, anche altri paesi stanno seguendo queste disposizioni, vedi il Regno Unito, l’Ungheria, la Turchia e la Svezia.

Criteri di tassazione territoriale di dividendi e plusvalenze in europa: consulenza

Se hai letto questo articolo e ti stai rendendo conto che necessiti dell’analisi della tua situazione personale, ti invito a contattarci attraverso il form di cui al link seguente. Riceverai il preventivo per una consulenza personalizzata in grado di risolvere i tuoi dubbi sull’argomento.

Soltanto in questo modo, infatti, potrai essere sicuro di evitare di commettere errori, che in futuro possono esserti contestati e quindi sanzionati.

Commenti:
Considerata l’elevata quantità di commenti che ci arrivano ogni giorno è opportuno effettuare alcune precisazioni. Saranno pubblicati soltanto commenti che arricchiscono il testo dell’articolo con particolari situazioni, utili anche per altri lettori. Se non trovi il tuo commento pubblicato significa che abbiamo già fornito risposta al quesito e che, quindi, la risposta si trova nel testo dell’articolo o in altri commenti. Se comunque desideri una risposta o l’analisi della tua situazione personale, puoi contattarci attraverso il servizio di consulenza fiscale.

Avviso importante:
Fiscomania.com ha raccolto, con ragionevole cura, le informazioni contenute in questo sito. Il materiale offerto è destinato ai lettori, solo a scopo informativo. Quanto letto non può in nessun caso sostituire una adeguata consulenza professionale che rimane indispensabile. Si prega di leggere i nostri Termini e condizioni e l’informativa sulla privacy prima di utilizzare il sito. Tutto il materiale è soggetto alle leggi sul copyright.

Lascia una Risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here