Bonus commissioni bancarie a chi accetta pagamenti elettronici. Dal 1° luglio 2020 credito d’imposta del 30% sulle transazioni commerciali, inoltre, sempre a decorrere dal 1 luglio scatta il limite di utilizzo dei contanti scende a 2.000 euro.

Il Decreto Fiscale, con l’obiettivo di incentivare l’utilizzo di mezzi di pagamento con metodi tracciabili, ha previsto in favore di:

  • Esercenti attività d’impresa, arte e professioni con ricavi o compensi, nel periodo d’imposta precedente, non superiori a 400.000 euro;

un credito d’imposta sulle commissioni addebitate dagli intermediari per le transazioni elettroniche effettuate dai consumatori dal 1° luglio 2020.

Bonus commissioni bancarie

Inoltre, sempre a decorrere dal 1 luglio 2020, il limite di utilizzo dei contanti scenda dagli attuali 3.000 euro a 2.000 euro, con, e poi a 1.000 euro, a partire dal 1° gennaio 2022.

Bonus commissioni bancarie

A decorrere dal 1° luglio 2020, sarà previsto un incentivo sui pagamenti effettuati tramite mezzi di pagamento tracciabili.

L’incentivo previsto consiste in un credito d’imposta del 30%, riconosciuto agli esercenti attività di impresa, arte o professioni con ricavi o compensi, nell’anno precedente, fino a 400.000 euro.

L’incentivo ammonta al 30% delle commissioni, sulle:

  • Cessioni di beni e le prestazioni di servizi rese nei confronti di consumatori finali (persone fisiche che agiscono per scopi estranei all’attività imprenditoriale, commerciale, artigianale o professionale eventualmente svolta) e regolate con carte di credito, debito o prepagate ovvero mediante altri strumenti di pagamento elettronici tracciabili.

Il Bonus commissioni bancarie:

  • Può essere usato esclusivamente in compensazione, tramite Modello F24, dal mese successivo a quello di sostenimento della spesa;
  • Deve essere riportato nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo d’imposta di maturazione del credito e in quelle degli anni seguenti, fino a quando se ne conclude l’utilizzo;
  • Non concorre alla formazione né della base imponibile ai fini delle imposte sui redditi né del valore della produzione ai fini dell’Irap;
  • Non rileva ai fini del rapporto di cui agli articoli 61 (deducibilità degli interessi passivi) e 109, comma 5 (deducibilità dei componenti negativi), del Tuir;
  • Riconosciuto nel rispetto delle condizioni e dei limiti fissati dalle norme europee in materia di aiuti de minimis, cioè di piccola entità. Previsione di un massimale di 200.000 euro nei tre esercizi finanziari, il limite è più basso per i produttori agricoli (15.000 euro) e per chi opera nel settore della pesca e dell’acquacoltura (30.000 euro).

Limite di 2.000 euro per l’utilizzo dei contanti

A decorrere dal 1° luglio 2020 e fino al 31 dicembre 2021, il divieto di trasferimento di contanti e la negoziazione a pronti di mezzi di pagamento in valuta sia riferito alla cifra di 2.000 euro.

A partire dal 1° gennaio 2022, il predetto divieto e la predetta soglia sono riferiti alla cifra di 1.000 euro.

E’ stato poi introdotto il nuovo comma 1-ter all’art. 63 del DLgs. 231/2007, nel quale si prevede che:

“per le violazioni commesse e contestate dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021 il minimo edittale, applicabile ai sensi del comma 1 (dell’art. 49, ndr), è fissato a 2.000 euro. Per le violazioni commesse e contestate a decorrere dal 1° gennaio 2022, il minimo edittale, applicabile ai sensi del comma 1 è fissato a 1.000 euro”.

Limite pagamento contanti: i soggetti interessati

La legge vieta i trasferimenti di contante sopra soglia effettuati tra soggetti diversi, con i quali il legislatore vuol far riferimento a soggetti di diritto distinti (o anche “distinti centri di interesse”), che eseguono il pagamento o lo ricevono, che possono essere persone fisiche o persone giuridiche, cioè società o enti dotati di personalità o soggettività giuridica (secondo quanto specificato dal MEF nelle FAQ).

Nessuna violazione sarà configurabile per l’imprenditore persona fisica che prelevi utile ultra soglia dalla sua ditta individuale o conferisca denaro per finanziare la propria attività.

I versamenti ed i prelievi effettuati sul proprio conto corrente non comporta nessuna sanzione, così come i pagamenti rateizzati in contanti.

Articolo precedenteCodice tributo restituzione contributi a fondo perduto
Prossimo ArticoloBonus affitti: ampliata la platea dei beneficiari
Laurea in Economia Aziendale nel 2014 presso l'Università degli Studi di Firenze. Collabora stabilmente nella redazione giornalistica di RadioRadio nel ambito fiscale. Appassionato da sempre di Start-up, ha il sogno di diventare business angel per il momento opera come consulente azienda nel mondo delle Start up. [email protected]

Lascia una Risposta