Beni Strumentali di impresa individuale

0
561

Come individuare correttamente i beni strumentali relativi ad una impresa individuale. Le indicazioni per l’inventariazione dei beni immobili detenuti da un imprenditore individuale. Tutte le info in questa guida sui beni strumentali di impresa individuale.

Una delle problematiche che riguarda l’imprenditore individuale è quella di andare a determinare i suoi beni strumentali.

L’indicazione dei beni strumentali è importante perché essendo una disciplina prettamente fiscale ha delle ricadute importanti in termini di tassazione.

Per quanto riguarda l’impresa individuale è importante redigere e conservare il registro dei beni ammortizzabili. Ma che cosa accade per quanto riguarda i beni immobili dell’imprenditore individuale?

In questo caso occorre seguire delle precise indicazioni che troviamo nel Testo Unico delle Imposte sui Redditi (TUIR) che di seguito andrò ad analizzare.

Vediamo, quindi, con quali criteri si devono individuare i beni strumentali relativi all’impresa individuale.


Beni Strumentali di impresa individuale: come individuarli?

Quando ci troviamo di fronte beni il cui utilizzo è duraturo nel tempo siamo di fronte ai c.d. “beni strumentali“. Naturalmente, deve trattarsi di beni relativi all’attività propria dell’impresa.

In questo caso, per la loro corretta individuazione gestione, ai fini reddituali è necessario fare riferimento al Testo Unico delle Imposte sui Redditi (TUIR).

In particolare, l’articolo 65 del DPR n 917/86 disciplina i criteri da utilizzare al fine di individuare i beni da considerarsi “strumentali“(relativi all’impresa).

Andando in dettaglio, è necessario distinguere tra:

  • Imprese individuali;
  • Società in nome collettivo e in accomandita semplice;
  • Società di fatto.

In questo contributo concentrerò la mia attenzione sulle imprese individuali.


I beni strumentali di impresa individuale

In merito alle imprese individuali, la norma dispone che si considerano relativi all’impresa:

  • I beni alla cui produzione o scambio è diretta l’attività di impresa (articolo 85 comma 1, lettera a), DPR n 917/86);
  • Le materie prime e sussidiarie, semilavorati e altri beni mobili acquistati o prodotti per essere impiegati nella produzione (articolo 85 comma 1, lettera b), del DPR n 917/86);
  • I beni strumentali all’esercizio di impresa;
  • I crediti acquisiti nell’esercizio di impresa;
  • Veni appartenenti all’imprenditore ed annotati nell’inventario (articolo 2217 cod. civ.), nel caso di soggetti in contabilità ordinaria. Ovvero nel registro dei beni ammortizzabili nel caso di soggetti in contabilità semplificata.

Per detti beni, esclusi quelli appartenenti all’imprenditore, opera una presunzione “assoluta”.

Immobili detenuti da impresa individuale

Relativamente agli immobili, l’articolo 65, comma 1, del DPR n 917/86 stabilisce che quelli “di cui al comma 2 dell’articolo 43 si considerano relativi all’impresa solo se indicati nell’inventario“.

Gli immobili strumentali dell’impresa individuale

Detta previsione riguarda gli immobili cd. strumentali (sia per destinazione che per natura). Tali immobili, dunque, ricevono la qualificazione di cespitirelativi all’impresa” soltanto a seguito di un preciso atto di volontà dell’imprenditore.

Questo significa che per considerare come beni dell’impresa gli immobili strumentali è necessario un atto di volontà dell’imprenditore. Questo atto di volontà si estrinseca nella inventariazione del bene immobile.

Gli immobili non strumentali dell’impresa individuale

Analogo regime vige anche per gli immobili non strumentali.

Anche questi immobili ricevono parimenti la qualifica di “beni relativi all’impresa” se indicati nell’inventario.

Il primo periodo del comma 1 prevede, infatti, che si considerano relativi all’impresa:

i beni appartenenti all’imprenditore che siano indicati tra le attività relative all’impresa nell’inventario tenuto a norma dell’articolo 2217 del codice civile”

Ne deriva che l’ordinamento vigente lascia alla discrezionalità dell’imprenditore individuale (così come dell’ente non commerciale) la possibilità di individuare il regime fiscale (d’impresa o meno) dei propri beni immobili.

In questo modo possono risultare esclusi dal novero dei cespiti “relativi all’impresa” quelli che, pur rientrando tra i beni strumentali per natura o destinazione, non risultano indicati nell’inventario.

Sul punto vedasi la Risoluzione n 96/E/2006 dell’Agenzia delle Entrate.

Detta esclusione comporta che ai beni “non relativi all’impresa” non sono, in sostanza, riferibili le vicende economiche che influenzano la determinazione del reddito d’impresa. Vedasi la Risoluzione n 201/E/2007 dell’Agenzia delle Entrate.

Immobili strumentali per destinazione acquistati dal 1992

Gli immobili strumentali per destinazione, acquisiti a partire dal 01/01/1992, “possono essere esclusi dal patrimonio se indicati nell’inventario o, per i soggetti ammessi al regime di contabilità semplificata, nel registro dei beni ammortizzabili. I beni immobili che non soddisfano tale requisito…non si considerano beni relativi all’impresa, ma beni già appartenenti alla sfera privata dell’imprenditore”.

Questo è quanto prevede la Circolare n 39/E/2008, così come ribadito dalla Circolare n 26/E/2016 delle Entrate.


Beni strumentali di impresa per le imprese minori

Per le imprese minori in contabilità semplificata, l’articolo 65, comma 1, del DPR n 917/86 dispone poi che, in alternativa all’iscrizione nel registro dei beni ammortizzabili, le informazioni riguardanti il bene immobile possono essere fornite, secondo le modalità di cui:

  • All’articolo 13 del DPR n 435/2001. Le imprese minori (articolo 18 del DPR n 600/1973) possono non tenere il registro dei beni ammortizzabili, qualora, a seguito di richiesta dell’Amministrazione finanziaria, forniscano in forma ordinata e sistematica i dati non annotati su tale registro;
  • All’articolo 2 del DPR n 695/1996. Le annotazioni da effettuare nel registro dei beni ammortizzabili possono essere eseguite anche nel registro IVA acquisti.

Beni strumentali di impresa: conclusioni

Quello che possiamo affermare, in conclusione, è che l’individuazione dei beni strumentali di impresa individuale dipende essenzialmente dalla scelta fatta dall’imprenditore.

Infatti, soltanto i beni (compresi gli immobili) inseriti nel registro beni ammortizzabili possono essere considerati come “beni d’impresa“.

Soltanto ove qualora il bene non sia compreso nel registro dei beni strumentali questo automaticamente deve essere considerato come escluso dall’attività di impresa. Questo significa, in termini reddituali, la totale indeducibilità dei componenti negati di reddito eventualmente relativi a quel bene e registrati nell’anno.

Per questo motivo occorre prestare molta attenzione alla redazione ed all’aggiornamento del registro dei beni ammortizzabili. Il registro, lo ricordo, è adempimento previsto ai soli fini fiscali. Esso è di fondamentale importanza per la deduzione dei costi, le eventuali capitalizzazioni (pensa ad eventuali lavori di ristrutturazione su immobili) e gli ammortamenti.

Assicurati sempre, ogni anno, di avere aggiornato il registro dei beni ammortizzabili delle tua ditta individuale in contabilità semplificata.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here