Quando si parla di usucapione di un terreno agricolo ci si riferisce a una modalità con cui è possibile acquisire una proprietà, in questo caso un terreno, anche se al momento risulta di un’altra persona. Si tratta in breve di procedere all’acquisizione di un bene dovuta semplicemente al fatto che è stato utilizzato a lungo, per almeno 20 anni consecutivi.

Tramite usucapione di un terreno agricolo si può diventare proprietari di un terreno che di fatto è di un’altra persona, purché venga dimostrato che lo stesso sia stato utilizzato in modo continuativo per un lungo periodo di tempo dal soggetto interessato. Non è necessario stipulare contratti per il passaggio del bene, né che lo stesso venga ceduto o donato.

Al fine di potersi realizzare l’usucapione, il terreno agricolo deve essere iscritto nel catasto rustico, deve quindi avere come destinazione d’uso l’attività agraria. Inoltre, il proprietario deve non occuparsi del terreno per almeno venti anni consecutivi, tuttavia, secondo quanto previsto dal codice civile, per alcuni tipologie di terreno, il proprietario non deve rivendicare nè manifestare nulla sul terreno agricolo in oggetto per quindici anni.

Questa possibilità è particolarmente vantaggiosa per chi si prende cura di un terreno che, pur essendo di un altro proprietario, non è utilizzato da quest’ultimo. Tuttavia ci sono dei requisiti per poter accedere a questa possibilità e di fatto diventare proprietari del bene. Vediamo in questo articolo tutti i dettagli su questa particolare modalità di acquisizione, in particolare per un terreno di tipo agricolo.

Usucapione terreno agricolo: di cosa si tratta

L’usucapione è una modalità di acquisto della proprietà di un bene sulla base del possesso di alcuni requisiti ed è disciplinata dagli art. 1158 e seguenti del Codice civile

Per analizzare il funzionamento dell’usucapione di un terreno, bisogna ricordare che questo particolare bene deve essere utilizzato per svolgere un’attività di tipo agrario. L’usucapione di un terreno può avvenire in particolar modo se questa terra viene utilizzata per la produzione.

Si può procedere alla richiesta di usucapione di un terreno agricolo solamente nel momento in cui vengono realizzati determinati requisiti. L’usucapione permette a un soggetto che non è proprietario del terreno di acquisirlo successivamente al suo utilizzo per almeno un lungo periodo di tempo, e questo comporta di fatto il mancato utilizzo da parte del reale proprietario del bene.

Non si può parlare di usucapione di un terreno agricolo nel momento in cui il primo proprietario effettivamente sta utilizzando questa porzione di terreno per una produzione, e si prende effettivamente cura della zona.

Intorno alla questione dell’usucapione possono sorgere anche diverse criticità, il soggetto che ottiene tramite questa possibilità un bene o terreno, deve essere effettivamente il soggetto che svolge una attività di produzione sullo stesso. Per applicare l’usucapione non è sufficiente che il fondo sia iscritto nel catasto rustico, ma è necessario che questo, sia destinato in concreto all’attività agraria. 

In questo caso stiamo parlando di usucapione di un terreno agricolo, tuttavia questa possibilità è valida anche per l’acquisto di una proprietà immobiliare. L’usucapione si ha quando avviene una determinata circostanza: il possessore di fatto non è il proprietario del bene, ma lo diventa dopo un certo periodo di tempo, acquisendo diritto di proprietà. L’usucapione determina la proprietà di un bene o di un terreno in modo pacifico, ovvero tramite il suo utilizzo che non viene contestato dall’effettivo proprietario.

Presupposti

I presupposti necessari affinché possa realizzarsi l’usucapione sono:

  • Possesso del bene che deve essere:
    • non acquisito con violenza o clandestinità;
    • continuo e ininterrotto, il proprietario non deve rivendicare il bene con la notifica di un atto giudiziario o interrompere, per più di anno, il possesso altrui;
  • Esercizio di un’attività che si sostanzia invece nell’esercizio dei tipici poteri del proprietario (cambio destinazione urbanistica di un immobile o ne demolisce una parte);
  • decorso del tempo.
  • È irrilevante che si tratti di possesso di buona o mala fede.

Pertanto, non è sufficiente il solo decorso del tempo e l’inerzia del proprietario nel rivendicarne il possesso ma è necessario anche un comportamento del detentore, che travalichi i poteri che la legge gli attribuisce. Il detentore deve atteggiarsi a unico proprietario del bene. 

Usucapione di un terreno: chi è coinvolto

Nell’usucapione sono coinvolti diversi soggetti: da un lato vi è il proprietario del terreno, dall’altro l’effettivo utilizzatore o possessore del terreno. Di fatto il soggetto che non è proprietario procede con l’acquisto della proprietà del bene in base ad alcuni requisiti.

Per ottenere la proprietà del terreno tramite acquisizione è necessario che trascorrano periodi di tempo piuttosto lunghi, anche fino a 20 anni, in cui il soggetto possiede di fatto, in modo continuativo, il determinato terreno. Bisogna poi procedere a una richiesta specifica di usucapione del terreno.

A questo punto possono accadere diversi scenari: da un lato è possibile che il soggetto che richiede all’usucapione del terreno ne divenga proprietario in modo lineare, senza ulteriori ostacoli. In alternativa è possibile che l’effettivo proprietario del terreno possa in qualche modo negare questa possibilità dichiarando tramite azione di rivendicazione che il terreno è di sua proprietà.

Intorno a queste possibilità possono nascere anche delle controversie. L’usucapione è possibile quando il soggetto che ne vuole beneficiare dimostra di aver reso produttivo questo terreno, per il tempo minimo stabilito, o di aver modificato la zona senza che il proprietario reale sia intervenuto in alcun modo, e inoltre può provare la continuità effettiva di una attività.

Usucapione di un terreno agricolo: come richiederlo

Per poter chiedere l’usucapione di un terreno agricolo bisogna comunque presentare una domanda al Tribunale di competenza, e dimostrare con tutta una serie di prove che l’attività viene effettivamente svolta in questo particolare terreno, in modo continuativo da almeno un periodo di tempo di 20 anni.

Questo periodo può anche essere inferiore nel caso di particolari tipi di terreni, per esempio quelli di montagna. Bisogna fare attenzione alle casistiche che si possono presentare in questo senso, per non incorrere in contrasti con l’effettivo proprietario del terreno.

Può accadere infatti che il soggetto che richiede l’usucapione sia stato autorizzato dal proprietario a svolgere una determinata attività presso questo terreno agricolo, anche tramite compenso. In questa casistica non si può richiedere l’usucapione perché il soggetto che opera sul terreno ha effettivamente riconosciuto che questa zona è di proprietà di un altro soggetto.

Se invece il soggetto chiede l’usucapione su un terreno per cui il proprietario non ha mai contestato eventuali lavori di tipo agricolo, o modifiche strutturali alla zona, in questo caso può richiedere l’usucapione e di fatto diventare nuovo proprietario del terreno, purché sia rispettato il passaggio dei vent’anni stabiliti per legge.

L’usucapione di fatto permette di trasmettere un determinato terreno agricolo da un soggetto ad un altro senza la necessità di una vendita, di un contratto o di una donazione. Non è possibile in nessun modo accedere a questa eventualità nel momento in cui il vero proprietario rivendichi la zona.

Usucapione di un terreno agricolo di montagna

L’usucapione di fatto prevede che il nuovo soggetto proprietario si prenda cura del terreno, in particolare garantendo una produzione di tipo agricolo.

Il soggetto che diventa nuovo proprietario deve di fatto procedere con una serie di azioni che dimostrano che viene svolto un diritto di proprietà sullo stesso: dall’aggiunta di un recinto per il terreno, alla costruzione di un casolare, fino a una modifica d’uso del terreno, o un cambiamento importante nella sua conformità.

Chi rivendica una proprietà su un terreno deve sempre fare attenzione a conoscere il punto di vista dell’effettivo proprietario per evitare di incorrere in cause di difficile risoluzione. Le modifiche al terreno, o il suo utilizzo al pari di un proprietario, devono essere considerevoli, e lo stesso deve essere utilizzato per un arco di tempo piuttosto lungo, di 20 anni.

Questi tempi si riducono nel caso dei terreni montani che si trovano presso comuni di piccole dimensioni, nel caso in cui i redditi siano bassi. In questo caso è possibile che l’usucapione venga confermato dopo soli 15 anni, oppure anche meno. Per alcuni casi i tempi si possono accorciare ulteriormente fino a soli 5 anni.

Articolo precedenteE’ possibile abbassare l’ISEE?
Prossimo ArticoloRiforma del sistema di riscossione: eliminazione dell’aggio
Classe 1992, laureata in Scienze della Comunicazione all'Università degli Studi di Torino, da sempre sono appassionata di scrittura. Dopo alcune esperienze all'estero, ho deciso di approfondire tematiche inerenti la fiscalità nazionale relativa alle persone fisiche ed alle partite Iva. Collaboro con Fiscomania.com per la pubblicazione di articoli di news a carattere fiscale. Un settore complesso quello fiscale ma dove non si finisce mai di imparare.

Lascia una Risposta