Superbonus 110% villette a schiera

L’Agenzia delle Entrate è tornata a fornire chiarimenti sul Superbonus 110%, con la risposta all’Interpello n. 9 del 5 gennaio 2021, in particolare, sulle villetta a schiera.

L’istante, proprietario di una villetta a schiera, deve eseguire alcuni interventi rientranti nel Superbonus 110% sulla propria villetta a schiera, inserita nel contesto di un residence ed a cui si accede da un passo carraio privato comune a più abitazioni.

L’Istante si rivolge all’Agenzia delle Entrate, chiedendo se può beneficiare del Superbonus 110% ovvero, in alternativa, optare per un contributo, sotto forma di sconto sul corrispettivo dovuto, anticipato dai soggetti che hanno eseguito gli interventi o per la cessione del credito d’imposta.

Vediamo quale è stata la risposta fornita dall’Agenzia delle Entrate.


Superbonus 110% villette a schiera

Come è stato anticipato, l’istante è proprietario di una villetta a schiera, inserita in un contesto residence ed accessibile da un passo carraio privato comune a più abitazioni, si rivolge all’Agenzia delle Entrate chiedendo se è possibile beneficiare del Superbonus 110% per effettuare alcuni interventi sulla propria villetta.

L’Agenzia delle Entrate, in primo luogo, ricostruisce il quadro normativo di riferimento sul Superbonus 110%.

In particolare, l’Agenzia chiarisce che, il Superbonus spetta a fronte di interventi, realizzati congiuntamente agli interventi trainati. Gli interventi ammessi all’agevolazione devono essere realizzati su:

  • Parti comuni di edifici residenziali in “condominio” (sia trainanti, sia trainati);
  • Singole unità immobiliari residenziali e relative pertinenze all’interno di edifici
    in condominio (solo trainati);
  • Edifici residenziali unifamiliari e relative pertinenze (sia trainanti, sia trainati);
  • Unità immobiliari residenziali funzionalmente indipendenti e con uno o più accessi autonomi dall’esterno site all’interno di edifici plurifamiliari e relative pertinenze (sia trainanti, sia trainati).

Un’unità immobiliare può ritenersi funzionalmente indipendente qualora sia
dotata di installazioni o manufatti di qualunque genere, quali impianti per l’acqua, per
il gas, per l’energia elettrica, per il riscaldamento di proprietà esclusiva.

Le unità immobiliari funzionalmente indipendenti e con uno o più accessi
autonomi dall’esterno, site all’interno di edifici plurifamiliari, prosegue l’Agenzia delle Entrate, alle quali la norma fa riferimento, vanno individuate verificando la contestuale sussistenza del requisito dell‘indipendenza funzionale e dell’accesso autonomo dall’esterno.

L’accesso autonomo si verifica qualora:

  • All’immobile si accede direttamente da strada, pubblica, privata o in multiproprietà o da passaggio (cortile, giardino) comune ad altri immobili che affaccia su strada oppure da terreno di utilizzo comune, ma non esclusivo (ad esempio i pascoli), non essendo rilevante la proprietà pubblica o privata e/o esclusiva del possessore dell’unità immobiliare all’accesso in questione;
  • All’immobile si accede da strada privata di altra proprietà gravata da servitù di
    passaggio a servizio dell’immobile.

Nel caso di una villetta a schiera si ha accesso autonomo dall’esterno qualora:

  • Sia situata in un comprensorio o in un parco di comproprietà con altri soggetti o alla stessa si accede dall’area di corte di proprietà comune usata anche per i posti auto;
  • Il cortile o il giardino su cui si affacciano gli ingressi indipendenti siano di proprietà esclusiva, anche se indivisa, dei proprietari delle singole unità immobiliari.

Pertanto, il contribuente ha diritto a beneficiare dell’Superbonus 110%.

Avviso importante:
Fiscomania.com ha raccolto, con ragionevole cura, le informazioni contenute in questo sito. Il materiale offerto è destinato ai lettori, solo a scopo informativo. Quanto letto non può in nessun caso sostituire una adeguata consulenza o parere professionale che rimane indispensabile. Si prega di leggere i nostri Termini e condizioni e l’informativa sulla privacy prima di utilizzare il sito. Tutto il materiale è soggetto alle leggi sul copyright. Fiscomania.com non accetta alcuna responsabilità in relazione all’utilizzo di tale pubblicazione senza la collaborazione dei suoi professionisti.

Lascia una Risposta

Scrivi il tuo commento
Inserisci il tuo nome