La disciplina del patent box che abbiamo conosciuto negli ultimi anni è stata completamente riscritta dall'art. 6 del D.L. n. 146/2021. Questa disposizione, di fatto, ha sostituito il precedente regime agevolativo sostituendolo con un regime di deduzione dei costi di ricerca e sviluppo relativi a beni immateriali. L'intervengo normativo è stato sicuramente importante ed ha portato ad una immediata modifica del regime fiscale in commento, con risvolti da verificare con attenzione da parte delle imprese che stavano già applicando questa disciplina opzionale.

Di seguito, quindi, andiamo ad analizzare i principali elementi rilevanti connessi alla disciplina del nuovo patent box. Deve essere tenuto presente che questo articolo sarà oggetto di aggiornamento con tutte le indicazioni che verranno inserite nel provvedimento dell'Agenzia delle Entrate di prossima pubblicazione.

Patent box: la superdeduzione dei costi di ricerca e sviluppo su immateriali

La normativa del nuovo patent box prevede una deduzione del 110% dei costi di ricerca e sviluppo sostenuti su beni immateriali, ad esclusione dei marchi di impresa e del know how.

L'art. 6 del D.L. n. 146/21 ha previsto l'abroga...

Questo articolo è riservato agli abbonati:
Scopri come
abbonarti a Fiscomania.com.


Sei già abbonato?
Accedi tranquillamente con le tue credenziali: Login
Articolo precedenteImposta di successione: ecco quando non si paga
Prossimo ArticoloCome funziona il contratto di locazione ad uso transitorio?
Dottore Commercialista, Tax Advisor, Revisore Legale. Aiuto imprenditori e professionisti nella pianificazione fiscale. La Fiscalità internazionale le convenzioni internazionali e l'internazionalizzazione di impresa sono la mia quotidianità. Continuo a studiare perché nella vita non si finisce mai di imparare. Se hai un dubbio o una questione da risolvere, contattami, troverò le risposte. Richiedi una consulenza personalizzata con me.