Modello 730

Il modello 730/2021 senza sostituto può essere presentato da coloro che hanno perso il lavoro e che non hanno un sostituto d’imposta per i conguagli Irpef ed i rimborsi. In particolare, possono presentare il modello 730, anche in assenza di un sostituto d’imposta tenuto a effettuare il conguaglio, i contribuenti che nel 2020 hanno percepito redditi di lavoro dipendente, redditi di pensione e/o alcuni redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente e che nel 2021 non hanno un sostituto d’imposta che possa effettuare il conguaglio.

Vediamo cos’è e quando si utilizza il Modello 730 senza sostituto d’imposta.

Modello 730

Dichiarazione dei redditi mediante il modello 730/2021

I soggetti obbligati a presentare il Modello 730 sono i contribuenti che, hanno posseduto durante il 2020, uno dei redditi indicati dall’art. 6 del TUIR, se hanno i requisiti per presentare il Modello 730 o per presentare il Modello REDDITI. Quindi soltanto alcune categorie di contribuenti, sono soggetti obbligati a presentare il Modello 730. In linea generale, sono soggetti obbligati a presentare il Modello 730:

  • Coloro che hanno un sostituto d’imposta che effettui le operazioni di conguaglio e presentano per l’anno di riferimento del modello, tipologie reddituali del Mod. 730;
  • Coloro che non hanno un sostituto d’imposta che effettui le operazioni di conguaglio, e per l’anno di riferimento:
    • Presentano redditi di lavoro dipendente o assimilato;
    • Presentano tipologie reddituali dichiarabili nel Modello 730.

Con la dichiarazione dei redditi i contribuenti presentano, tutte le somme percepite nel corso del periodo d’imposta di riferimento ma non solo. L’Agenzia delle Entrate mette a disposizione, il Modello 730 precompilato, a cui si accede utilizzando il codice Pin dei servizi telematici, SPID o CIE (carta di identità elettronica) o utilizzando anche le credenziali dispositive rilasciate dall’INPS o una Carta nazionale dei servizi. La dichiarazione dei redditi precompilata è, sostanzialmente, una semplificazione per tutti i contribuenti. All’interno della dichiarazione ci sono già molti dati, come redditi, deduzioni e detrazioni. Naturalmente, non tutto è inserito in modo corretto. Per questo motivo è consigliabile comunque avvalersi di un soggetto esperto, come un Commercialista, per la presentazione del modello. In questo modo eviterai di commettere errori e potrai adempiere in modo semplice ai tuoi obblighi fiscali.

Il Modello 730 precompilato è disponibile dal 10 maggio 2021. A partire dal 19 maggio 2021 il contribuente potrà decidere se accettare la dichiarazione dei redditi forniti oppure correggere o modificare alcuni dati previsti.

Per maggiori informazioni: “730 precompilato 2021: disponibile dal 10 maggio”

Per conoscere quali spese è possibile detrarre: “Modello 730/2021: tutte le spese che si possono detrarre”

Per conoscere quali sono i redditi esclusi dalla dichiarazione dei redditi: “Quali sono i redditi esclusi dalla dichiarazione dei redditi?”

Chi deve effettuare la dichiarazione dei redditi obbligatoriamente?

La dichiarazione dei redditi è obbligatoria, qualora:

  • Il contribuente è titolare di Partita IVA, anche se nel 2020 non ha prodotto reddito;
  • Il contribuente nel corso del 2020, ha ricevuto più di una Certificazione unica, e l’imposta superi i 10,33 euro;
  • Il lavoratore è percettore di indennità pagate dall’INPS per cassa integrazione, mobilità in deroga o ordinaria, disoccupazione NASPI, nel caso in cui non siano state effettuate per errore le relative ritenute, o se non rientra nelle condizioni di esonero;
  • Il contribuente che ha percepito reddito da lavoro dipendente, sui quali ha fruito di detrazioni o deduzioni non spettanti;
  • Il contribuente che ha percepito reddito da lavoro dipendente, ha ricevuto retribuzioni pagate da privati non sostituti d’imposta;
  • In caso di percezione di reddito da lavoro sui quali l’imposta si applica separatamente, eccezione per il TFR, arretrati, indennità per la cessazione di co.co.co, qualora erogati da soggetti che hanno l’obbligo di effettuare la ritenuta alla fonte;
  • Contribuenti con reddito da lavoro dipendente e/o percettori di redditi assimilati senza detrazioni e trattenute addizionali comunali e regionali IRPEF, in caso in cui l’importo dell’addizionale sia superiore a 10,33 euro;
  • Contribuenti percettori di reddito a titolo di plusvalenza.

Soggetti obbligati a presentare il modello 730/2021

Possono utilizzare il Modello 730, i contribuenti:

  • Pensionati o lavoratori dipendenti, compresi i lavoratori italiani che operano all’estero per i quali il reddito è determinato sulla base della retribuzione convenzionale definita annualmente con apposito Decreto;
  • Persone che percepiscono indennità sostitutive di reddito di lavoro dipendente, es. integrazioni salariali, indennità di mobilità;
  • Soci di cooperative di produzione e lavoro, di servizi, agricole e di prima trasformazione dei prodotti agricoli e di piccola pesca;
  • Sacerdoti della chiesa cattolica;
  • Giudici costituzionali, parlamentari nazionali e altri titolari di cariche pubbliche elettive (consiglieri regionali, provinciali e comunali, etc..).
  • Persone impegnate in lavori socialmente utili;
  • Lavoratori con contratto a tempo determinato per un periodo inferiore all’anno, che possono rivolgersi:
    • Al sostituto d’imposta, se il rapporto di lavoro dura almeno da aprile a luglio;
    • Ad un professionista abilitato od un CAF, se il rapporto di lavoro, dura almeno da giugno a luglio 2020, e si conoscono i dati del sostituto d’imposta che effettua i l conguaglio.

I contribuenti sopra elencati possono presentare il modello 730 precompilato o ordinario anche in mancanza di un sostituto d’imposta tenuto a effettuare il conguaglio. Il modello 730 senza sostituto precompilato va presentato direttamente all’Agenzia delle entrate ovvero a un CAF o ad un professionista abilitato. Il modello 730 senza sostituto ordinario va presentato a un Caf o a un professionista abilitato.

In entrambi i casi:

  • Deve essere indicata la lettera “A” nella casella “730 senza sostituto” e nel riquadro “Dati del sostituto d’imposta che effettuerà il conguaglio” va barrata la casella “Mod. 730 dipendenti senza sostituto”.
  • Se dalla dichiarazione emerge un credito, il rimborso viene erogato dall’Agenzia delle entrate. Se, invece, emerge un debito, il pagamento viene effettuato tramite il modello F24.

Chi può presentare il modello 730 senza sostituto d’imposta?

Il modello 730 relativo ai dipendenti senza sostituto deve essere presentato, barrando l’apposita casella nel frontespizio del modello 730, dal contribuente che si trova nelle seguenti condizioni:

  • Nel periodo di imposta ha percepito redditi di lavoro dipendente, redditi di pensione e/o alcuni redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente;
  • Non ha un sostituto d’imposta che sia tenuto a effettuare il conguaglio;
  • Presenta il mod. 730 a un centro di assistenza fiscale (Caf-dipendenti) o a un professionista abilitato o il modello 730 precompilato direttamente all’Agenzia delle entrate.

La casella “Mod. 730 dipendenti senza sostituto” deve essere barrata anche se si sta presentando la dichiarazione per il contribuente deceduto che nel periodo di imposta ha percepito redditi di lavoro dipendente, redditi di pensione e/o alcuni redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente.

Modello 730/2021 senza sostituto d’imposta

Il modello 730/2021 senza sostituto d’imposta è la dichiarazione dei redditi che possono presentare i soggetti privi di un datore di lavoro tenuto ad effettuare le operazioni di conguaglio fiscale.

Il Modello 730 senza sostituto riguarda anche colf, badanti e lavoratori domestici.

Il Modello 730/2021 corrisponde al modello 730 che utilizzano la generalità dei contribuenti sopra menzionati.

Il modello 730 senza sostituto precompilato va presentato direttamente all’Agenzia delle entrate ovvero a un CAF o ad un professionista abilitato. Il modello 730 senza sostituto ordinario va presentato a un Caf o a un professionista abilitato.

E’ possibile presentare il modello 730 ordinario sia il modello precompilato. La scadenza per l’invio è fissata comunque il 30 settembre.

Nella compilazione:

Deve essere indicata la lettera “A” nella casella “730 senza sostituto” e nel riquadro “Dati del sostituto d’imposta che effettuerà il conguaglio” va barrata la casella “Mod. 730 dipendenti senza sostituto”.
Se dalla dichiarazione emerge un credito, il rimborso viene erogato dall’Agenzia delle entrate. Se, invece, emerge un debito, il pagamento viene effettuato tramite il modello F24.

6 COMMENTI

  1. È possibile presentare il 730 precompilato senza sostituto di imposta, pur avendo datore di lavoro? (lo scorso anno era possibile, ed il precompilato poteva essere inviato all’agenzia delle entrate). Grazie

  2. Possono presentare il modello 730, anche in assenza di un sostituto d’imposta tenuto a effettuare il conguaglio, i contribuenti che nel 2020 hanno percepito redditi di lavoro dipendente, redditi di pensione e/o alcuni redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente e che nel 2021 non hanno un sostituto d’imposta che possa effettuare il conguaglio

  3. Chi non è più dipendente ma attualmente in Naspi, può confermare il 730 precompilato senza sostituto d’imposta e richiedere il rimborso tramite Iban registrato nell’area personale dell’Agenzia delle Entrate?
    Grazie

  4. Buongiorno
    Sono una dipendente in cassa integrazione. Sono andata al caf per fare il 730 e mi hanno detto che quest’anno non si può mettere come sostituto d’imposta l’agenzia delle entrate ..è corretto?

Lascia una Risposta

Scrivi il tuo commento
Inserisci il tuo nome