Nel presente articolo tratteremo una tematica molto attuale, ovvero quella concernente il Metaverso, e le implicazioni che questa nuova realtà, totalmente digitale, sta avendo sui diritti collegati alla proprietà intellettuale.

Capiremo meglio quindi cosa si intende per Metaverso, come funziona, e in che modo questo nuovo mondo digitale potrebbe incidere in particolare sui diritti collegati ai marchi.

Cos’è il Metaverso e come funziona?

Le più grandi big tech a livello mondiale stanno iniziando ad interessarsi a questa realtà, una su tutte la società di Zuckenberg, che ha recentemente cambiato nome da Facebook a Meta. Sebbene il termine “metaverso” sia stato coniato ormai ben oltre 30 anni fa circa, oggi con esso si identifica un universo (digitale) parallelo formato da una realtà virtuale nella quale l’utente, attraverso il proprio personaggio virtuale –un avatar- può frequentare luoghi e fare esperienze più o meno realistiche e personalizzate.

Tutto ciò è possibile grazie all’utilizzo di tecnologie che comprendono tanto la realtà virtuale, intesa come realtà completamente digitale, tanto la realtà aumentata, che aggiunge elementi digitali alla percezione del mondo r...

Questo articolo è riservato agli abbonati:
Scopri come
abbonarti a Fiscomania.com.


Sei già abbonato?
Accedi tranquillamente con le tue credenziali: Login
Articolo precedenteCome funziona la Legge Beckham in Spagna?
Prossimo ArticoloEcobonus 2022: come funziona e come richiederlo
Laurea in diritto internazionale penale “I gender crimes nel diritto penale internazionale“ Iscritta all'Ordine degli Avvocati di Pistoia. Nel 2021 partecipa al Corso di Alta Formazione in Fashion Law presso l'Università Cattolica di Milano. Mi occupo di aspetti legali su proprietà intellettuale, marchi, brevetti, fashionlaw e diritto informatico.