Di incentivi auto si è parlato molto negli ultimi mesi, soprattutto a causa dell’attesa per l’introduzione dei nuovi bonus per l’acquisto, con o senza rottamazione, di automobili anche elettriche. Una prima risposta arriva in questi giorni dal decreto per l’energia, che va a stanziare nuovi fondi per l’automotive.

Dal momento in cui è stato approvato l’ultimo insieme di misure per il risparmio con il decreto energia, il governo avrà un mese di tempo per destinare i nuovi fondi rivolti all’automotive anche agli incentivi auto. E secondo le ipotesi molti di questi bonus e sostegni andranno nella direzione dell’elettrico.

Le automobili elettriche acquistate dagli italiani sono in aumento, soprattutto nell’ultimo anno, anche se l’aumentare dell’attesa per l’introduzione degli incentivi ha frenato in parte il mercato dell’automotive per quanto riguarda l’elettrico nei primi mesi del 2022. In poche parole, molti aspettano gli incentivi auto specifici per poter acquistare una nuova automobile elettrica. E questi incentivi potranno arrivare nel giro di un mese.

Le automobili elettriche sono molto convenienti, sia per una questione di imposte (è previsto un esonero interessante del bollo auto per chi acquista questi veicoli) sia per la possibilità di circolare liberamente nelle città, nelle zone ZTL e in quelle zone dove sono previste limitazioni agli inquinanti. Vediamo nell’articolo tutte le ipotesi sugli incentivi per le auto elettriche per il 2022.

Incentivi auto elettriche e decreto energia

Recentemente è stato approvato il Decreto Energia, che va a sostenere con alcune misure specifiche cittadini e imprese di fronte ai rincari dei costi di energia elettrica e gas. Si parla principalmente di proroghe ad alcune misure già esistenti, come il bonus sociale per le famiglie meno abbienti, e di contributi specifici per le imprese.

Ma si parla anche di fondi da stanziare al comparto automotive, e a misure mirate per ammortizzare il prezzo in aumento dei carburanti per gli autotrasportatori. Per quanto riguarda il settore dell’auto, vengono garantiti sostegni per la transizione ecologica, ovvero per la trasformazione della produzione verso autoveicoli sostenibili, come l’auto elettrica.

Si parla di cifre che vengono destinate all’automotive e così suddivise:

  • 30 milioni di euro per il 2022;
  • 30 milioni di euro all’anno dal 2023 al 2030.

Si tratta di un arco temporale piuttosto lungo, per cui si prende in considerazione il passaggio delle imprese di produzione delle auto gradualmente ad una produzione di mezzi sostenibili. Rientrano tra le misure del Decreto Energia anche gli incentivi auto, per cui è salita l’attesa negli ultimi mesi. Si tratta di incentivi volti prevalentemente all’acquisto di autoveicoli non inquinanti, o a bassa emissione inquinante nell’atmosfera.

I sostegni vanno anche nella direzione della ricerca e della riqualificazione dell’intero settore automotive italiano, che si trova in questo periodo ad affrontare numerose problematiche: dall’aumento dei costi per la produzione alla necessità di adeguarsi ai nuovi standard imposti dalla transizione ecologica.

Incentivi auto in attesa, scende il mercato dell’elettrico

Nonostante il mercato delle vetture elettriche sia piuttosto in crescita in tutto il mondo, in Italia è rallentato in questi primi mesi dalle attese proprio dell’introduzione degli incentivi auto. Lo scorso anno infatti sono stati introdotti numerosi incentivi, con fondi specifici, per sostenere le spese dei cittadini soprattutto in caso di rottamazione della vecchia vettura, con sostituzione tramite un nuovo veicolo ibrido, elettrico o a bassa emissione inquinante.

Incentivi che hanno coinvolto anche l’acquisto di vetture usate, purché con basse emissioni di agenti inquinanti. Tuttavia per il 2022 ancora non si vedono gli incentivi auto che molti stanno aspettando. Per cui si attende l’erogazione di questi fondi proprio per procedere all’acquisto.

Per l’automotive questa situazione di stallo sta portando a ritardi nella vendita di moltissime vetture ibride o elettriche, con un calo dovuto proprio alla mancanza di incentivi. Si prevede che una volta garantiti questi incentivi, le vendite saranno nuovamente portate in alto, perché molti cittadini potranno risparmiare sulla spesa per l’acquisto di mezzi ibridi o elettrici.

Acquistare un’automobile elettrica è una scelta vantaggiosa anche in mancanza di incentivi auto appositi, non solamente per l’ambiente, ma anche dal punto di vista del risparmio sul bollo auto e la possibilità di circolare ovunque. Tuttavia molti attendono nuove indicazioni sugli incentivi per poter procedere, indicazioni che in parte sono state fornite dal Decreto Energia.

Incentivi auto elettriche 2022: le ipotesi

Al momento si prevede che circa entro un mese verranno introdotti i nuovi incentivi auto per le vetture ibride o per le auto elettriche, e sulle caratteristiche di questi nuovi sostegni si possono fare le prime ipotesi. In linea con i sostegni erogati l’anno scorso, verranno con probabilità reintrodotti gli incentivi per acquistare automobili ibride.

Si tratta di mezzi che non sono interamente a benzina, né interamente a metano, gpl, né interamente elettrici. I mezzi ibridi hanno le stesse caratteristiche delle comuni auto a benzina, ma con l’aggiunta di una possibilità più sostenibile, come quella rappresentata dal metano, il gpl o l’elettrico.

Anche se non è ancora possibile sapere in che misura verranno garantiti i sostegni ai nuovi acquisti, con molta probabilità torneranno gli incentivi auto per le vetture ibride nei prossimi mesi. Per quanto riguarda le auto elettriche, si preannuncia una spinta consistente per incentivare i cittadini all’acquisto di questo tipo di mezzi. Spinta che si è riscontrata anche con agevolazioni sulle spese per l’installazione di colonnine di ricarica elettrica.

A questo proposito, gli incentivi introdotti per l’acquisto di auto elettriche potranno essere maggiori rispetto a quelli dell’anno scorso, tuttavia queste sono solo ipotesi, che dovranno essere confermate dalle prossime decisioni. In particolare i sostegni per l’acquisto di auto elettriche potranno essere particolarmente vantaggiosi a livello di percentuale di risparmio sull’acquisto, molto di più rispetto ai bonus degli anni scorsi.

Una caratteristica vantaggiosa degli incentivi introdotti con l’ecobonus lo scorso anno è quella di poter rottamare il vecchio veicolo per acquistarne uno nuovo, che garantisca una maggiore sostenibilità ambientale. Si ipotizza che questa modalità di accesso ai bonus rimarrà invariata anche nel 2022 e per gli anni a venire, incentivando chi possiede auto fortemente inquinanti alla sostituzione.

Molti si chiedono cosa accadrà alla possibilità di acquistare con gli incentivi auto anche mezzi di trasporto usati, ovvero non usciti da una concessionaria. Per questa misura bisogna ancora attendere, e non ci sono ancora indiscrezioni o proposte.

Articolo precedenteCome prelevare i guadagni da una Srl? i metodi
Prossimo ArticoloCambio residenza: dal 10 marzo solo online. Ecco dove
Classe 1992, laureata in Scienze della Comunicazione all'Università degli Studi di Torino, da sempre sono appassionata di scrittura. Dopo alcune esperienze all'estero, ho deciso di approfondire tematiche inerenti la fiscalità nazionale relativa alle persone fisiche ed alle partite Iva. Collaboro con Fiscomania.com per la pubblicazione di articoli di news a carattere fiscale. Un settore complesso quello fiscale ma dove non si finisce mai di imparare.

Lascia una Risposta