Il Bonus vacanze, introdotto dall’articolo 176 del DL numero 34 del 19 maggio 2020, consiste in uno sconto sull’importo dovuto per l’80% ed in una detrazione per il 20%.

Per richiedere il bonus vacanze 2021 occorre avere un ISEE non superiore a 40.000 euro e presentare una DSU in corso di validità e per presentare la domanda è necessario scaricare l’applicazione IO e accedere tramite la procedura guidata.

Il Bonus vacanze consiste in un contributo fino ad un massimo 500 euro da utilizzare per soggiorni in alberghi, campeggi, villaggi turistici, agriturismi e bed & breakfast in Italia nonché per il pagamento di servizi offerti in ambito nazionale dalle agenzie di viaggi e tour operator. 

Chi ha richiesto il bonus dal 1° luglio al 31 dicembre 2020 può utilizzarlo fino al 31 dicembre 2021.

Vediamo nel dettaglio come funziona.

bonus_vacanze_
Bonus vacanze 2021: come richiederlo e come funziona?

Bonus vacanze

Potranno usufruire del Bonus vacanze i nuclei familiari con ISEE fino a 40.000 euro.

Per il calcolo dell’ISEE è necessaria la Dichiarazione sostitutiva unica (DSU), che contiene i dati anagrafici, reddituali e patrimoniali del nucleo familiare ed ha validità dal momento della presentazione fino al 31 dicembre successivo.

L’importo del bonus sarà modulato secondo la numerosità del nucleo familiare:

  • 500 euro per nucleo composto da tre o più persone;
  • 300 euro da due persone;
  • 150 euro da una persona.

Per beneficiare del Bonus vacanze, è necessario che un componente del nucleo familiare sia in possesso:

  • Identità digitale SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale);
  • CIE 3.0 (Carta d’Identita Elettonica).

Come ottenere il bonus vacanze?

Il bonus vacanze sarà erogato esclusivamente in forma digitale. Per ottenerlo è necessario che un componente del nucleo familiare sia in possesso di un’identità digitale SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale) o CIE 3.0 (Carta d’Identita Elettonica).

Al momento della richiesta del bonus, infatti, si dovranno inserire le credenziali SPID e successivamente fornire l’ISEE.

Lo sconto applicato sarà rimborsato sotto forma di credito d’imposta utilizzabile, senza limiti di importo in compensazione mediante il modello F24, ovvero cedibile anche a istituti di credito.

Come si può utilizzare il bonus?

  • Può essere utilizzato da un solo componente del nucleo familiare, anche diverso dalla persona che lo ha richiesto;
  • Può essere utilizzato in un’unica soluzione, presso un’unica struttura turistica ricettiva in Italia (albergo, campeggio, villaggio turistico, agriturismo e bed & breakfasto ppure presso un’unica agenzia di viaggi o tour operator per il pagamento di servizi offerti in ambito nazionale);
  • Fruibile nella misura dell’80%, sotto forma di sconto immediato, per il pagamento dei servizi prestati dall’albergatore;
  • Il 20% potrà essere scaricato come detrazione di imposta, in sede di dichiarazione dei redditi, da parte del componente del nucleo familiare a cui viene fatturato il soggiorno (con fattura elettronica o documento commerciale).
  • Il Bonus vacanze sarà rimborsato all’albergatore sotto forma di credito d’imposta utilizzabile, senza limiti di importo in compensazione, o cedibile anche a istituti di credito.

Come è composto il bonus vacanze 2021?

Il bonus vacanze 2021 è così suddiviso:

  • 80% sotto forma di sconto sul pagamento dovuto alla struttura turistica;
  • 20% sotto forma di detrazione d’imposta con la dichiarazione dei redditi del 2021.

Quale sono le condizioni di utilizzo?

Per fruire del Bonus vacanze 2021 occorre:

  • Il bonus vacanze può essere fruito da un solo componente del nucleo familiare (anche diverso dalla persona che lo ha richiesto);
  • Deve essere speso in un’unica soluzione, presso una sola struttura turistica ricettiva italiana (hotel, villaggio turistico, campeggio, agriturismo e Bed & Breakfast);
  • Il soggiorno deve essere documentato da fattura, documento commerciale, scontrino o ricevuta fiscale, in cui sia indicato il codice fiscale della persona che usufruisce dello sconto.

Avviso importante:
Fiscomania.com ha raccolto, con ragionevole cura, le informazioni contenute in questo sito. Il materiale offerto è destinato ai lettori, solo a scopo informativo. Quanto letto non può in nessun caso sostituire una adeguata consulenza o parere professionale che rimane indispensabile. Si prega di leggere i nostri Termini e condizioni e l’informativa sulla privacy prima di utilizzare il sito. Tutto il materiale è soggetto alle leggi sul copyright. Fiscomania.com non accetta alcuna responsabilità in relazione all’utilizzo di tale pubblicazione senza la collaborazione dei suoi professionisti.

Articolo precedenteBlocco licenziamenti: tutte le ipotesi. Sarà proroga?
Prossimo ArticoloSanzioni per assenza alle visite fiscali Inps
Laureata in Giurisprudenza presso l'Università di Firenze. Approfondisce i temi legati all'IVA ed alla normativa fiscale domestica oltre ad approfondire aspetti legati al diritto societario.

Lascia una Risposta