Il governo ha erogato una serie di bonus nel 2021 relativi alle ristrutturazioni di casa. Molti si chiedono se l’installazione di un climatizzatore rientra in questi bonus. Parliamo di tutti i bonus edilizi messi a disposizione dei cittadini per lavori importanti di ristrutturazione, purché rientranti nelle categorie ammesse alle detrazioni.
Tra tutti i bonus erogati, ce ne sono alcuni minori che non tutti conoscono.

Oltre al superbonus 110, al bonus ristrutturazioni e al bonus prima casa, ci sono anche il bonus infissi e il bonus mobili.
I bonus sono stati presi in considerazione e richiesti da moltissimi italiani, tant’è che è stata applicata una proroga per molte delle agevolazioni presenti.

Analizziamo in particolare una domanda che viene posta spesso negli ultimi mesi: è possibile accedere al bonus mobili con l’installazione di un climatizzatore?

Installazione climatizzatore
Installazione di un climatizzatore: si può chiedere il bonus mobili?

Bonus mobili: quando è possibile chiederlo

Il bonus mobili non è accessibile a chiunque. Prevede una agevolazione fiscale del 50% sull’IRPEF per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici non inferiori alla classe energetica A+. Il bonus mobili è utile per tutte quelle persone che decidono di avvalersi delle particolari agevolazioni proposte dal superbonus 110% dello stato per ristrutturare casa e inserire mobili ed elettrodomestici nuovi.

Per chiedere il bonus mobili tuttavia sussiste un criterio imprescindibile: bisogna necessariamente svolgere i lavori di ristrutturazione edilizia indicati dall’Agenzia delle Entrate. E’ indispensabile, per questo bonus, in linea generale, aver svolto una ristrutturazione nel 2020 o nel 2021. Si può arrivare ad un tetto massimo di 16.000 euro di spesa in questo senso per acquistare mobili o elettrodomestici.

Inoltre per poter usufruire del bonus mobili è necessario rivolgersi all’ENEA per comunicare i lavori svolti, e tenere traccia di tutti i pagamenti, avvenuti con metodo di pagamento assolutamente tracciabile. In sostanza, per accedere al bonus mobili è necessario aver apportato alla propria abitazione un intervento strutturale di lavori finalizzati alla manutenzione straordinaria, al restauro o alla manutenzione ordinaria e straordinaria di parti comuni.

Installazione di un climatizzatore: basta per chiedere il bonus mobili?

In linea generale, i bonus proposti dal governo seguono il presupposto comune che tutti i lavori svolti sugli immobili seguano l’obiettivo del risparmio energetico, che di conseguenza porta anche ad un risparmio economico. Per questo per la maggior parte delle agevolazioni è necessario svolgere alcuni lavori definiti come trainanti.

Per quanto riguarda il bonus mobili, è possibile accedervi unicamente attraverso lavori di ristrutturazione. Questo significa che è possibile installare un climatizzatore nell’immobile per poter usufruire del bonus mobili.

Dato che il bonus è stato proposto per l’efficientamento energetico, e per sostituire anche vecchi impianti inquinanti, il climatizzatore può essere installato accedendo al bonus mobili, in particolre nel momento in cui gli obiettivi di efficientamento energetico vengano rispettati.

La regola generale da ricordare è che l’installazione del condizionatore deve migliorare di fatto la situazione legata ai consumi, per poter garantire l’accesso al bonus mobili.

Bonus mobili e installazione di un climatizzatore

L’Agenzia delle Entrate stessa ha comunicato quali sono i lavori di riqualificazione energetica relativa alle ristrutturazioni, nella guida ufficiale sul bonus mobili ed elettrodomestici.

L’installazione di un climatizzatore è un intervento che garantisce il miglioramento della situazione relativa ai consumi energetici, tant’è che in base alle indicazioni, si parla di manutenzione straordinaria per accedere alla detrazione:

  • • Interventi che hanno come obiettivo l’uso di fonti di energia rinnovabili, come l’installazione di una stufa a pellet o impianti che consumano biomasse combustibili;
  • • Installazione di un impianto di climatizzazione a pompa di calore;
  • • Sostituzione della caldaia, lavoro volto a sostituire una componente importante dell’impianto di riscaldamento.

Riassumendo, dato che l’installazione di un climatizzatore a pompa di calore rientra tra gli interventi agevolati fiscalmente, si può utilizzare il bonus mobili per acquistare mobili d’arredamento ed elettrodomestici.

Bonus mobili: per cosa si può chiedere?

Oltre alla fattispecie che abbiamo visto, ci si chiede quali sono gli acquisti di mobili ed elettrodomestici per cui si può accedere al bonus mobili. Sono inclusi nel bonus, purché si svolga un intervento di ristrutturazione e riqualificazione energetica, gli acquisti che riguardano sia l’arredamento sia gli elettrodomestici purché di classe energetica almeno A+.

Date le premesse viste prima, il bonus mobili si può chiedere per l’acquisto di armadi, mobili, scrivanie, librerie, letti, comodini, materassi, oggetti volti all’illuminazione. Ma anche frigoriferi, congelatori, lavatrici e lavastoviglie, forni a microonde, climatizzatori, stufe a pellet.

L’obiettivo di questi particolari bonus proposti dallo stato è quello di migliorare la situazione generale di consumo relativo all’abitazione, tramite efficientamento energetico. Il tema della sostenibilità è stato trattato anche dallo stesso Recovery Plan, il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza proposto dal governo, e successivamente accettato dall’Europa.

Recovery Plan e transizione ambientale

Tra gli obiettivi del Recovery Plan c’è anche la transizione ambientale, che prevede un miglioramento sostanzioso delle condizioni ambientali in Italia. L’Europa sta andando sempre di più nella direzione di una economia sostenibile, e si parla di raggiungere la neutralità climatica entro il 2050.

Proprio in questi giorni è stato presentato il quinto rapporto sul Capitale Naturale italiano, che mostra il quadro generale della situazione ambientale nel nostro paese.

La cementificazione e la presenza di microplastiche sono i principali nemici della biodiversità, ma anche l’utilizzo dei riscaldamenti domestici è una forte minaccia al riscaldamento del clima e alla sostenibilità sia ambientale che economica.

Installazione di climatizzatori nuovi e riscaldamento domestico

L’installazione di climatizzatori nuovi dovrà seguire, al fine di migliorare la situazione ambientale, necessariamente un miglioramento del sistema di riscaldamento e di climatizzazione delle case. I vecchi climatizzatori indubbiamente consumano maggiormente energia e hanno un’innovazione minore rispetto a quelli di nuova generazione.

I bonus proposti per le agevolazioni fiscali vanno in questa direzione: acquistare elettrodomestici e climatizzatori con prestazioni che tutelano maggiormente sia l’ambiente che i consumi è l’obiettivo generale per cui vengono proposti i bonus.

Il riscaldamento domestico è una delle principali fonti di inquinamento, e nella maggior parte dei casi comporta una notevole spesa in consumi energetici rispetto agli impianti nuovi, che devono adeguarsi alle normative europee.

Dal 2018 è stato anche introdotto l’obbligo, per chi interviene con lavori di ristrutturazione edilizia, di comunicarli presso l’ENEA, l’agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile. Tutti i dati vengono così raccolti per controllare la situazione relativa alle riqualificazioni energetiche.

Articolo precedentePensione senza tasse: 3 migliori Paesi in cui espatriare
Prossimo ArticoloDecreto Semplificazioni 2021: tutte le novità sul Superbonus 110%
Classe 1992, laureata in Scienze della Comunicazione all'Università degli Studi di Torino, da sempre sono appassionata di scrittura e ne ho fatto un lavoro. Autrice indipendente. Ho collaborato con agenzie web e svolto diverse attività di volontariato: durante gli anni di studio rappresentavo un’associazione studentesca impegnata ad organizzare eventi culturali nel mondo della comunicazione. Nel 2019 ho viaggiato all’estero, partecipando come volontaria ai lavori per il Global Platform for Disaster Risk Reduction presso l’ONU di Ginevra (Svizzera)."

Lascia una Risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here