Le istruzioni INPS circa le domande sul Reddito di Emergenza introdotte dal Decreto Ristori che ha previsto ulteriori due mensilità. Entro quando fare domanda, i requisiti per presentare domanda e le tempistiche dei pagamenti.

Il Reddito di Emergenza è una misura straordinaria di sostegno al reddito pensata per supportare i nuclei familiari in condizioni di difficoltà economica.

Dal 10 novembre 2020, fino al 30 novembre 2020 è possibile richiedere il Reddito di Emergenza, presentando la domanda. Il Decreto ristori, D.L. n. 137/20 ha previsto la possibilità di richiedere due ulteriori mensilità del Reddito di Emergenza per i mesi di novembre e dicembre 2020. L’importo del Reddito di Emergenza va da 400 a 800 euro.

Si tratta di una ulteriore misura messa in campo dal Governo per sostenere le famiglie in difficoltà a causa dell’emergenza da Covid-19, che non possono fruire di altre forme di aiuto o “ristoro” proposte dal Governo. Come già indicato, il Reddito di Emergenza è una misura di sostegno del tutto simile al Reddito di Cittadinanza, ma che richiede requisiti meno stringenti per l’ottenimento.

Con il Messaggio n. 4247 del 12 novembre 2020, l’INPS ha chiarito le indicazioni relative a requisiti e modalità di richiesta delle ulteriori due mensilità.

Reddito di emergenza

Chi può beneficiare del Reddito di emergenza?

Potranno beneficiare del Reddito di emergenza:

  • Nuclei familiari già beneficiari del Reddito di emergenza, i quali potranno beneficiare di ulteriori due quote ed avverrà in modo automatico per i mesi di novembre 2020 e dicembre 2020;
  • Nuclei familiari che non hanno presentato la domanda, potranno richiedere il nuovo Reddito di Emergenza per le mensilità di novembre 2020 e dicembre 2020, presentando l’apposita domanda.

Chi deve presentare la domanda per il Reddito di emergenza?

Il Decreto Ristori ha previsto la possibilità di ottenere due ulteriori mensilità del Reddito di Emergenza, per i mesi di novembre e dicembre 2020, presentando l’apposita domanda. Le domande devono essere presentate online secondo quanto previsto dal sito dell’INPS, utilizzando il Pin oppure lo Spid.

L’INPS, con il comunicato stampa del 9 novembre 2020, ha chiarito che devono presentare la domanda:

  • Coloro che non hanno mai ottenuto il beneficio in precedenza (perché non hanno presentato la domanda o perché non è stato loro riconosciuto il beneficio);
  • Coloro che hanno ottenuto solo il primo Reddito di emergenza, previsto dal Decreto Rilancio (D.L. n. 34/20), e non anche quello previsto dal Decreto Agosto (D.L. n. 104/20).

Coloro che hanno già beneficiato del Reddito di Emergenza di cui al decreto Agosto, infatti, il riconoscimento avverrà in modo automatico. In questo caso, infatti, non sarà necessaria la presentazione di una nuova domanda.

Quali sono i requisiti per beneficiare del Reddito di emergenza?

Per beneficiare del Reddito di Emergenza, previsto dal Decreto Ristori, occorre, essere in possesso dei seguenti requisiti:

  • Valore del reddito familiare riferito al mese di settembre 2020, inferiore ad una soglia corrispondente all’ammontare del beneficio;
  • Assenza nel nucleo familiare di componenti che percepiscono o hanno percepito una delle indennità per i lavoratori stagionali del turismo, degli stabilimenti termali e dello spettacolo;
  • Residenza in Italia al momento della presentazione della domanda;
  • Valore del patrimonio mobiliare familiare riferito al 2019 inferiore a una soglia di 10.000 euro, accresciuta di 5.000 euro per ogni componente successivo al primo e fino ad un massimo di 20.000 euro. Il predetto massimale è incrementato di 5.000 euro in caso di presenza nel nucleo familiare di un componente in condizione di disabilità grave o di non autosufficienza come definite ai fini ISEE. Il possesso del predetto requisito, viene autodichiarato in fase di presentazione della domanda ed è oggetto di successiva verifica;
  • Valore dell’ISEE inferiore a 15.000 euro riferito al 2018.

Come fare domanda per il Reddito di emergenza?

La domanda per ottenere il Reddito di emergenza deve essere effettuata esclusivamente online, sul sito dell’INPS a partire dal 10 novembre 2020 ed entro il 30 novembre 2020.

Occorre pertanto collegarsi al sito internet dell’INPS (www.inps.it) e inoltrare la procedura dopo autenticazione con PIN, SPID, Carta Nazionale dei Servizi e Carta di Identità Elettronica.

La domanda deve essere presentata da uno dei componenti della famiglia, in nome e per conto di tutto il nucleo familiare.

Alla data di presentazione della domanda deve essere stata presentata una DSU, ovvero una Dichiarazione Sostitutiva Unica ordinaria o ISEE.

La non veridicità del contenuto delle dichiarazioni, se verificata in sede di istruttoria, comporta la reiezione della domanda mentre, tuttavia, qualora, emerga in un momento successo, comporta la revoca dal beneficio, ferme restando la restituzione di quanto indebitamente percepito e le sanzioni previste.

3 COMMENTI

  1. 1-Il reddito di settembre è quanta fatturato per il mese stesso(bonificato ad ottobre) o quanto ricevuto di bonifico tale mese?
    2-La fattura è di 500€lordi, posso eventualmente considerarla inferiore al rem che è di 400€netti? Grazie

Lascia una Risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here