Bonus moto e motorini fino a 3.000 euro. Un’emendamento al Decreto Rilancio ha aggiornato gli incentivi per l’acquisto di moto e motorini elettrici.

Dopo la previsione del bonus auto fino a 6.000 euro, spettante in caso di acquisto di una nuova vettura a basse emissioni di C02, è stato appena apportato al Decreto rilancio un emendamento che prevede un bonus anche per l’acquisto di moto elettriche nuove.

Coloro che quest’anno acquisteranno un ciclomotore o un motociclo elettrico o ibrido potranno ottenere un contributo statale del 30% del prezzo d’acquisto, nel limite di 3.000 euro.

L’emendamento estende il bonus introdotto con la legge di bilancio per il 2019 e poi prorogato al 2020 anche in caso di rottamazione di un vecchio motorino o una vecchia moto.

Bonus moto

Bonus moto e motorini fino a 3.000 euro

In caso di demolizione di un vecchio ciclomotore o una vecchia moto Euro 0, 1, 2, 3 e acquisterà un mezzo elettrico o ibrido, potrà ottenere un contributo del 40% del prezzo d’acquisto nel limite di 4.000 euro (finora il bonus è del 30% nel limite di tremila euro). 

Mentre, la norma attuale prevedeva il contributo solo su ciclomotori e motocicli a due ruote, l’emendamento lo estende anche ai modelli a tre e a quattro ruote.

Il bonus moto e motorini sarà pari al:

  • 40% del prezzo di acquisto, fino a un massimo di 4.000 euro, con la contestuale rottamazione un vecchio veicolo euro 0, 1, 2 o 3;
  • 30% del prezzo di acquisto, fino ad un massimo di 3.000 euro, senza rottamazione di un vecchio veicolo.

Bonus fino a esaurimento fondi 

Il contributo, sotto forma di riduzione del prezzo d’acquisto, è disponibile fino all’esaurimento dei fondi stanziati, pari a 7 milioni di euro.

Inoltre, il veicolo da rottamare deve essere intestato all’acquirente del nuovo mezzo o a un suo familiare convivente da almeno 12 mesi.

Lascia una Risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here