Il ministero dell’Innovazione ha introdotto una nuova modalità per l’attivazione dello SPID. E’ sufficiente un video registrato.

Attivare lo SPID è ora possibile anche senza un operatore ed in video. Il ministero dell’Innovazione tecnologica e la digitalizzazione ha introdotto un nuovo metodo, oltre ai metodi già esistenti, l’attivazione di persona negli uffici del gestore oppure via webcam con un operatore.

Attualmente i gestori di identità digitale autorizzati sono:

  • Aruba;
  • InTeSA;
  • InfoCert;
  • Lepida;
  • Namirial;
  • Poste Italiane;
  • Register;
  • Sielte;
  • TI Trust Technologies.
Spid

Come attivare lo SPID con la nuova modalità?

La lista dei gestori è disponibile sul sito dello SPID. Occorre verificare che nella colonna “riconoscimento da remoto” sia specificata la voce “audio-video con bonifico”.

Per attivare lo SPID senza un operatore, gli utenti devono registrarsi sul sito di un gestore che ha già attivato la nuova modalità.

E’ necessario, poi registrare un video con lo smartphone o il PC in cui viene mostrato il documento d’identità usato (carta d’identità, anche elettronica, la patente o il passaporto) e la tessere sanitaria oppure il codice fiscale.

Durante il video è inoltre necessario leggere un codice ricevuto via SMS o tramite una delle app dei gestori di identità.

Infine, per concludere l’operazione è necessario effettuare un bonifico da un conto italiano intestato all’utente per cui bisogna attivare lo SPID, specificando nella causale un codice specificato ricevuto dal gestore.

L’importo del bonifico può anche essere di pochi centesimi, viene usato soprattutto come ulteriore elemento di verifica dell’identità e talvolta viene devoluto in beneficenza.

SPID per i servizi online sul lavoro

La nota n. 7149 del 28 settembre 2020 diffusa dal Ministero del Lavoro sulla delega e sull’utilizzo di SPID da parte dei Consulenti del Lavoro, chiarisce che:

“In fase di invio dell’associazione al profilo occorre eseguire la ricerca del codice fiscale a cui si desidera associare il profilo. Sarà necessario, a differenza di quanto avveniva con la delega gestita da Cliclavoro, che il cittadino beneficiario (associato a quel codice fiscale) abbia eseguito almeno un accesso al sistema a partire dal 15 novembre”.

La delega che permette ad un altro soggetto di operare per proprio conto ha comunque una data di inizio e di fine. La scadenza fissata può avere anche un lungo termine. Il delegato può accettare o meno l’incarico.

I soggetti abilitati che utilizzano l’utenza Cliclavoro accedendo con SPID per la prima volta, a partire dal 15 novembre, al portale Servizi Lavoro recuperano le proprie abilitazioni e la cronologia della propria operatività.

Lascia una Risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here