Home Fisco Nazionale Raddoppiano gli incentivi auto: fino a 4,500 euro di ecobonus sulla rottamazione...

Raddoppiano gli incentivi auto: fino a 4,500 euro di ecobonus sulla rottamazione auto

0

Dalla Camera arrivano novità per tutti gli automobilisti: il nuovo decreto Sostegni bis estende gli incentivi auto prorogando l’ecobonus al 31 dicembre 2021. Il Governo non si è limitato solo a questo, sarà possibile usufruire dell’agevolazione anche per acquistare un’auto usata. Più soldi sono stati stanziati a supporto del bonus rottamazione auto, si parla di un importo che può variare dai 2,500 euro ai 4,500 euro e sarà calcolato in base alle emissioni dell’auto. Macchine elettriche e ibride o con motorizzazioni tradizionali Euro 6 saranno le protagoniste di questo incentivo che va a supportare il settore automobilistico, il quale ha visto un periodo di crollo economico.

Dopo la discussione della commissione europea che ha deciso di mettere una data di termine alle auto con motore a combustione, il Governo Italiano rilascia un nuovo decreto: l‘ecobonus sulla rottamazione auto vede un raddoppiamento delle somme e un’estensione.

Volto a sensibilizzare la popolazione ad un passaggio da auto piuttosto vecchie e datate a nuove con motori che aiutano il nostro pianeta a respirare meglio.

Non solo, per venire incontro a molte persone, si è allargata la possibilità di usufruire degli incentivi auto anche per acquisti di auto di seconda mano.

Sono stati stanziati 350 milioni di euro per il supporto dell’ecobonus dove 50 milioni di euro saranno dedicati all’incentivare l’acquisto delle auto usate.


Cos’è e come funziona il bonus sulla rottamazione auto?

Stiamo ancora aspettando il via definitivo dello Stato che dovrebbe avvenire entro e non oltre il 24 luglio. Il via libera della commissione del Bilancio rende praticamente sicura l’approvazione in legge del decreto.

Gli incentivi auto sulla rottamazione saranno attivi una volta postati sulla Gazzetta Ufficiale, quindi è solo questione di pazienza e poi potremo avere una nuova auto scintillante.

Il bonus auto viene direttamente applicato dal venditore, il quale eseguirà la registrazione nell’Area Venditori sul sito ecobonus.mise.gov.it. In quella sezione avrà la possibilità di richiedere i contributi relativi ad ogni singolo veicolo ottenendo la disponibilità delle risorse. Dopo 180 giorni, riceveranno la conferma dell’operazione e si dovrà comunicare il numero di targa della macchina, allegandoci anche tutta la documentazione prevista.

Quindi il prezzo totale dell’acquisto e lo sconto dell’ecobonus sulla rottamazione auto verranno eseguiti istantaneamente dal venditore, il quale riceverà poi in futuro il rientro dell’incentivo auto.

NB: La riduzione del contributo statale non rientra nella riduzione base dell’imponibile IVA.

Tre differenti fasce di emissione

Nella strutturazione di questo bonus auto, sono state definite tre fasce differenti per accedere agli incentivi statali riguardanti le auto.

Fra tutte le macchine elettriche o ibride sono quelle che godono dei maggiori contributi, infatti esse daranno il bonus anche senza la necessità di rottamazione auto.

Il bonus auto usate, il bonus auto elettriche o ibride e gli incentivi Euro 6 sono i protagonisti di questo nuovo decreto sostegni che sarà disponibile fino al 31 dicembre 2021. Vediamo nel dettaglio di cosa stiamo parlando.

Bonus auto elettriche o ibride

Come annunciato prima i fondi stanziati per il nuovo ecobonus auto sono di 350 milioni di euro. Di cui 50milioni sono pensati per le auto elettriche o ibride plug-in da 0-60g/Km.

Inoltre, le auto ibride stanno spopolando nell’ultimo periodo, un po’ per gli incentivi un po’ perché è il giusto bilanciamento per mantenere le emissioni di CO2 basse, un po’ per la tecnologia più sviluppata.

Inoltre, rientrano nella fascia per la quale non serve la rottamazione auto per poter usufruire dell’ecobonus.

Nel momento in cui si dia dentro un’auto per prendere una macchina di questa sezione gli incentivi statali arrivano fino a 6,500 euro.

Incentivi senza rottamazione

Verrà infatti applicato uno sconto senza rottamazione solo sulle macchine che rientrano nella fascia di emissione da 0 a 20g/km e da 21 a 60 g/km, le quali corrispondono a vetture elettriche e ibride. Nel primo caso gli incentivi arriveranno ad una quota di 6,000 euro mentre nel secondo avranno un importo di 3,500 euro.

Gli incentivi del bonus auto usate

Con il nuovo decreto sostegni sull’ecobonus per gli incentivi statali sulle auto, la novità che fa sorridere molta gente è la possibilità di poter usufruire del bonus auto anche per comprare una macchina usata.

La bozza momentanea al momento afferma:

“le auto di seconda mano da comprare con il contributo devono avere un prezzo che non superi, in base alle quotazioni medie di mercato, il valore di 25mila euro e gli incentivi sono riservati a chi in passato non ha già beneficiato dei precedenti (legge 30 dicembre 2018 e 30 dicembre 2020).”

Ciò vuol dire che il budget disponibile per comprare una macchina usata dovrà rientrare in un tetto massimo di 25,000 euro e non sarà possibile richiedere il bonus auto qualora se ne abbia già usufruito.

Parlando di quote, a seguire troverete a quanto ammonterebbe l’importo degli incentivi auto in base al kilometraggio:

  • 0-60 g/km con rottamazione: contributo di 2.000 euro;
  • 61-90 g/km con rottamazione: contributo di 1.000 euro;
  • 91-160 g/km con rottamazione: contributo di 750 euro.

I Requisiti per le auto usate

Qualora si voglia scegliere di usufruire dei nuovi incentivi per quanto riguarda le macchine usate, i requisiti, oltre alla soglia massima come detto precedentemente, l’auto in via di rottamazione deve avere un minimo di 10 anni e dev’essere intestata alla persona da almeno 12 mesi.

Incentivi auto Euro 6

Un bonus auto piuttosto invitante e che fa gola a molti appassionati di auto ma non tutti, seppur sono stati stanziati degli sconti piuttosto sostanziosi, permettersi di acquistare auto elettriche o ibride.

Ai fini di poter dare una possibilità a tutti di usufruire del bonus rottamazione auto, prima del suo scadere al 31 dicembre 2021, il decreto ha stabilito la somma di 200 milioni di euro per l’acquisto di vetture da 61 a 135 g/km, inclusi i modelli Euro 6 più tradizionali.

Per questa versione dell’ecobonus le vetture da acquistare non dovranno superare i 40,000 euro.

Riassunto su come funzionano gli incentivi

  • Auto nuove 0-20 g/km senza rottamazione: 4.000 euro Ecobonus Stato + 1.000 euro extrabonus Stato + 1.000 euro (+Iva) dealer;
  • Auto nuove 0-20 g/km con rottamazione: 6.000 euro Ecobonus Stato + 2.000 euro extrabonus Stato + 2.000 euro (+Iva) dealer;
  • Auto nuove 21-60 g/km senza rottamazione: 1.500 euro Ecobonus Stato + 1.000 euro extrabonus Stato + 1.000 euro (+Iva) dealer;
  • Auto nuove 21-60 g/km con rottamazione: 2.500 euro Ecobonus Stato + 2.000 euro extrabonus Stato + 2.000 euro (+Iva) dealer;
  • Auto nuove 61-135 g/km con rottamazione: 1.500 euro Stato + 2.000 euro (+Iva) dealer;
  • Auto usate 0-60 g/km con rottamazione: 2.000 euro; – auto usate 61-90 g/km con rottamazione: 1.000 euro;
  • Auto usate 91-160 g/km con rottamazione: 750 euro.


Avviso importante:
Fiscomania.com ha raccolto, con ragionevole cura, le informazioni contenute in questo sito. Il materiale offerto è destinato ai lettori, solo a scopo informativo. Quanto letto non può in nessun caso sostituire una adeguata consulenza o parere professionale che rimane indispensabile. Si prega di leggere i nostri Termini e condizioni e l’informativa sulla privacy prima di utilizzare il sito. Tutto il materiale è soggetto alle leggi sul copyright. Fiscomania.com non accetta alcuna responsabilità in relazione all’utilizzo di tale pubblicazione senza la collaborazione dei suoi professionisti.

Articolo precedenteLegge 104: quando l’abuso comporta il licenziamento
Prossimo ArticoloPlusvalenza da Cessione di Immobili: IRPEF o imposta sostitutiva?
Classe 1993, diplomata in arte e comunicazione presso il Liceo Decio Celeri di Lovere, ho conseguito poi dei corsi di Digital Marketing e Coding svolti a Londra. Appassionata da sempre di scrittura e dopo varie esperienze all'estero ho deciso di collaborare con alcuni progetti editoriali interessanti. In particolare, mi occupo di aggiornamenti di fiscalità nazionale per il portale Fiscomania.com, dove pubblico contenuti ed approfondimenti legati alle persone fisiche, agevolazioni fiscali e bonus.

Nessun Commento

Lascia una Risposta

Scrivi il tuo commento
Inserisci il tuo nome