E’ possibile la reintroduzione dell’IMU sulla prima casa? A chiederlo è l’Unione Europea.

In queste ultime ore molte testate giornalistiche sono tornate a parlare di una possibile reintroduzione dell’IMU sulla prima casa da parte del Governo Draghi al fine di poter risanare i conti pubblici.

Dopo l’ipotesi rimasta remota sulla Patrimoniale si sta tornando a parlare di una possibile reintroduzione dell’IMU. L’IMU sulla prima casa, è stata cancellata in Italia, eccetto per le abitazioni di lusso, dal Decreto Legge 102/2013.

L’Imposta municipale unica (IMU) è l’imposta dovuta per il possesso di fabbricati, escluse le abitazioni principali classificate nelle categorie catastali diverse da A/1, A/8 e A/9, di aree fabbricabili e di terreni agricoli ed è dovuta dal proprietario o dal titolare di altro diritto reale (usufrutto, uso, abitazione, enfiteusi, superficie), dal concessionario nel caso di concessione di aree demaniali e dal locatario in caso di leasing.

IMU prima casa

E’ possibile il ritorno dell’IMU sulla prima casa?

In queste ore si è tornato a parlare della possibile reintroduzione dell’IMU sulla prima casa.

Tuttavia, pare che tale possibilità non sia cosi possibile, essa non pare essere nel programma del Governo Draghi.

Tuttavia a chiederlo è Unione Europea da tempo ci sono pressioni a riguardo. Tutto è iniziato con la risposta dell’europarlamentare, Silvia Sardone la quale chiese alla Commissione era richiesto all’Italia di reintrodurre l’IMU sulla prima casa.

Le risposte data da Paolo Gentiloni, commissario europeo per l’economia ha fatto scattare l’allarme.

Attualmente, comunque, sono lontane le possibilità di una reintroduzione dell’IMU sulla prima casa. La previsione di maggiori incentivi sulle assunzioni si potranno ottenere mediante le risorse del Recovery Fund.

Avviso importante:
Fiscomania.com ha raccolto, con ragionevole cura, le informazioni contenute in questo sito. Il materiale offerto è destinato ai lettori, solo a scopo informativo. Quanto letto non può in nessun caso sostituire una adeguata consulenza o parere professionale che rimane indispensabile. Si prega di leggere i nostri Termini e condizioni e l’informativa sulla privacy prima di utilizzare il sito. Tutto il materiale è soggetto alle leggi sul copyright. Fiscomania.com non accetta alcuna responsabilità in relazione all’utilizzo di tale pubblicazione senza la collaborazione dei suoi professionisti.

Articolo precedenteCongedo parentale e bonus baby sitter: gli aiuti per le famiglie
Prossimo ArticoloHolding in Spagna: guida e vantaggi sui dividendi
Laureata in Giurisprudenza presso l'Università di Firenze. Approfondisce i temi legati all'IVA ed alla normativa fiscale domestica oltre ad approfondire aspetti legati al diritto societario.

Lascia una Risposta