Sospensione dei contributi previdenziali e assistenziali e premi assicurativi fino al 30 aprile: l’emergenza sanitaria ed economica Covid-19, ha portato il Governo ad intervenire su aspetti economici e fiscali dei contribuenti residenti o con sede operativa nel nostro Paese. I chiarimenti dell’INAIL e la domanda di sospensione.

Il Decreto Cura Italia n. 18/2020 ha apportato alcune modifiche, al precedente intervento normativo Decreto Legge n. 9/2020.

L’INAIL con la Circolare n. 11 del 27 marzo 2020 ha fornito alcuni chiarimenti, sulla sospensione dei termini per gli adempimenti e per i versamenti dei premi assicurativi previsti dal Decreto Cura Italia n. 18/2020 contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali e alla proroga della validità del documento unico di regolarità contributiva (DURC).

Sospensione dei contributi previdenziali ed assistenziali da Marzo

A decorrere dal mese di marzo, sono sospese:

  • Le richieste di pagamento riguardanti le sanzioni civili per tardato pagamento sia per le posizioni assicurative territoriali, che per le posizioni assicurative di navigazione;
  • La notifica ai soggetti assicurati titolari di posizioni assicurative territoriali delle note di verifica dell’autoliquidazione 2018/2019.

Restano sospesi, dal 2 marzo al 30 aprile 2020, i termini relativi agli adempimenti e ai versamenti dei contributi previdenziali e assistenziali e dei premi per l’assicurazione obbligatoria per i soggetti indicati all’art. 61, co. 2, lett. da a) a r).

Sono sospesi, anche, i versamenti delle rate mensili, inclusa la prima, con scadenza ricadente in questo periodo, che devono essere corrisposte nel mese di maggio 2020, insieme alla rata in scadenza in tale mese.

Sono sospesi anche gli adempimenti relativi alla dichiarazione delle retribuzioni per l’autoliquidazione 2019/2020, alla domanda di riduzione del tasso medio per prevenzione e all’invio della documentazione probante a sostegno della domanda di riduzione per prevenzione.

La domanda di sospensione: entro il 15 maggio 2020

Nella Circolare n. 11 del 27 marzo 2002, l’INAIL, ha chiarito che, al termine del periodo di sospensione, gli interessati dovranno trasmettere entro il 15 maggio 2020, tramite PEC, alla sede dell’Istituto competente, la domanda di sospensione, insieme, alla dichiarazione delle retribuzioni 2019, tramite il servizio Alpi online, che sarà disponibile dal 2 al 15 maggio 2020.

Le domande di riduzione del tasso medio per prevenzione e la documentazione probante a sostegno delle stesse devono essere trasmesse sempre dal 2 al 15 maggio 2020 tramite il servizio online “Riduzione per prevenzione”, contestualmente alla domanda di sospensione.

Federazioni sportive nazionali, enti di promozione sportiva e società sportive

Le federazioni sportive nazionali, gli enti di promozione sportiva e le società sportive beneficiano di un periodo più lungo di sospensione dal 2 marzo al 31 maggio 2020.

Entro il 15 giugno 2020 tali soggetti, tramite PEC dovranno presentare domanda di sospensione alla sede Inail competente utilizzando il modulo e trasmettere la dichiarazione delle retribuzioni 2019 esclusivamente tramite il servizio Alpi online, disponibile dal 1° al 15 giugno 2020.

Le domande di riduzione del tasso medio per prevenzione e la documentazione probante a sostegno delle stesse, dovranno essere presentate, dal 1° al 15 giugno 2020 tramite il servizio online “Riduzione per prevenzione”, insieme alla domanda di sospensione.

DURC

L’INAIL, ha inoltre, precisato che tutti i Durc online che riportano quale “Scadenza validità” una data compresa tra il 31 gennaio 2020 e il 15 aprile 2020 conservano la loro validità fino al 15 giugno 2020 (le date del 31 gennaio e del 15 aprile sono incluse).

Lascia una Risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here