Quadro CT della Certificazione unica relativo ai lavoratori dipendenti. In questo contributo andremo ad analizzare le modalità di compilazione del Quadro CT del modello CU. Tuttavia, preliminarmente è necessario effettuare una piccola premessa.

Il professionista abilitato che svolge attività di assistenza fiscale deve comunicare all’Agenzia delle Entrate, anziché direttamente al sostituto d’imposta, il risultato contabile della dichiarazione, Mod. 730-4. L’Agenzia delle Entrate, a sua volta, provvederà a comunicare i medesimi risultati al sostituto d’imposta.

Il sostituto d’imposta deve comunicare l’utenza telematica o l’intermediario presso il quale l’Agenzia delle Entrate deve inviare i Mod. 730-4, utilizzando un modello predisposto.

Quadro CT

Dal 2015, il legislatore ha disposto l’invio delle informazioni per la ricezione telematica dei dati contenuti nei Mod. 730-4 unitamente alla Certificazione Unica che il sostituto d’imposta deve inviare telematicamente all’Agenzia delle Entrate entro il 7 marzo.

Nel Quadro CT il sostituto d’imposta deve indicare l’utenza telematica (propria o di un intermediario) presso la quale ricevere i Mod. 730-4. Il quadro CT, deve essere inviato insieme alla Certificazione Unica, nel caso in cui l’azienda o l’intermediario da essa delegato, in precedenza non abbia mai provveduto alla richiesta di ricezione telematica dei Mod. 730-4, tramite il Modello CSO o tramite il quadro CT.

In quali casi non deve essere compilato il quadro CT?

Il quadro CT non va compilato:

  • Da parte dei sostituti d’imposta che intendono variare i dati già comunicati in precedenza. Le variazioni devono essere comunicate con il modello “Comunicazione per la ricezione in via telematica dei dati relativi ai mod. 730-4 resi disponibili dall’Agenzia delle Entrate”;
  • Nei casi di trasmissione della Certificazione unica per annullamento o per sostituzione di una precedente.

Qualora l’azienda o l’intermediario abilitato:

  • Inviano un quadro CT non ancora dovuto;
  • Omettano l’invio del quadro CT

le modalità diventano motivo di scarto di tutte le certificazioni, di lavoro dipendente, assimilato, autonomo, contenute nell’intera Comunicazione trasmessa dal sostituto d’imposta.

quadro CT della certificazione unica

Variazione dell’intermediario abilitato

L’Agenzia delle Entrate, a fronte delle comunicazioni ricevute, aggiorna gli elenchi dei soggetti abilitati a ricevere in via telematica i Mod. 730-4 eliminando quei soggetti che per vari motivi non sono più titolari a tale funzione, siano intermediari o sostituti d’imposta.

L’aggiornamento tempestivo della variazione intervenuta è fondamentale per l’assolvimento delle operazioni di conguaglio di assistenza fiscale in quanto consente il “recapito” dei dati contenuti nel Mod. 730-4 alla corretta utenza telematica.

L’onere di comunicare la sudddetta variazione ricade sul sostituto d’imposta che, ai predetti fini, deve utilizzare il Mod. CSO.

In caso di inerzia del sostituto d’imposta, la cessazione del rapporto di delega può essere comunicata dall’intermediario “cessato” mediante il Mod. CSO.

La comunicazione della cessazione del rapporto di delega da parte dell’intermediario a seguito del comportamento omissivo in tal senso del sostituto d’imposta, è previsto che l’Agenzia delle Entrate contatti quest’ultimo per invitarlo a presentare la comunicazione di variazione dell’intermediario delegato.

Nel caso in cui il sostituto d’imposta non aggiorni l’indirizzo telematico deve ricevere i Mod. 730-4, verrà considerato in posizione analoga a quella dei sostituti che non hanno mai presentato il Mod. CSO con la conseguenza che dovrà compilare il Quadro CT in sede di trasmissioe della CU al fine di fornire l’informazione in questione.

Casi di esonero dalla compilazione del quadro CT

Vediamo nella seguente tabella quali sono i principali casi di esonero dall’obbligo di compilazione del quadro CT della Certificazione Unica relativa ai lavoratori dipendenti.

Analogamente, sono indicati anche i casi in cui è obbligatoria la compilazione di questo quadro del modello CU.

Casi di compilazione quadro CTNon compilazione quadro CT
Sostituti d’imposta che non hanno presentato, a decorrere dal 2011, il modello CSO, oppure dal 2015, il quadro CT e che trasmettono almeno una certificazione di redditi di lavoro dipendenteSostituti d’imposta che intendono variare dati già comunicati (per le variazioni deve essere utilizzato il Mod. CSO)
In caso di più invii contenenti almeno una certificazione dei redditi di lavoro dipendente, il quadro CT deve essere compilato per ogni trasmissioneTrasmissione di una comunicazione di “annullamento” o “sostituzione”
I Sostituti d’imposta che non hanno comunicato tramite Mod. CSO la variazione dell’intermediario (considerati in posizione analoga a quella dei sostituti che non hanno presentato, mai presentato il Mod. CSO)Trasmissione di una comunicazione che contiene soltanto certificazioni di lavoro autonomo

La struttura del quadro CT

Il quadro CT è composto da 3 sezioni:

  • Dati del sostituto d’imposta richiedente;
  • Sezione A, richiesta dei dati relativi ai mod. 730-4 disponibili direttamente dall’indirizzo telematico del sostituto;
  • Sezione B, richiesta che i dati relativi ai mod. 730-4 siano resi disponibili presso l’indirizzo telematico incaricato.

Tale sezione contiene le informazioni per identificare il sostituto d’imposta obbligato all’invio del quadro CT nonchè i suoi recapiti. Devono essere identificati:

  • Codice fiscale;
  • Numero di cellulare e/o;
  • Indirizzo di posta elettronica del sostituto d’imposta

per consentire all’Agenzia delle Entrate di inviare tempestivamente comunicazione al sostituto d’imposta per rendere agevole la gestione del flusso telematico dei modelli 730-4.

Sezione A – richiesta che i dati relativi al Mod. 730-4 siano resi disponibili direttamente all’indirizzo telematico del sostituto

Compilando la “sezione A” il sostituto d’imposta richiede che i dati relativi ai modelli 730-4 dei propri dipendenti (pensionati, titolari dei redditi assimilati a quello di lavoro dipendente per i quali è possibile la presentazione del Modello 730) siano resi disponibili presso la propria utenza telematica.

Il sostituto d’imposta dichiara:

  • Di essere abilitato al servizio telematico Fiscoonline;
  • Di utilizzare il servizio Entratel. In tal caso, il sostituto d’imposta deve compilare il campo “Codice sede Entratel” indicando la propria utenza telematica.

Si ricorda che:

  • Il sostituto è obbligato ad utilizzare il servizio “Fiscoonline”, nel caso in cui la Comunicazione presentata per un numero di soggetti pari o inferiore a 20;
  • Utilizzare il servizio “Entratel” nel caso in cui i soggetti contenuti nella Comunicazione sono in numero superiore a 20.

Per la quantificazione della soglia dei 20 lavoratori va considerata la somma delle Certificazioni da lavoro dipendente/assimilato e quelle di lavoro autonomo.

La Sezione A del quadro CT è alternativa alla sezione B.

Sezione B- richiesta che i dati relativi ai Mod. 730-4 siano resi disponibili presso l’indirizzo telematico dell’intermediario incaricato

Con la compilazione della Sezione B, i sostituti d’imposta richiedono che i dati relativi ai Mod. 730-4 dei dipendenti (pensionati, titolari di redditi assimilati a quello di lavoro dipendente per i quali è possibile la presentazione del mod. 730), resi disponibili presso l’indirizzo telematico Entratel dell’intermediario abilitato prescelto.

In particolare, i sostituti d’imposta devono indicare:

  • Colonna 1, il codice fiscale dell’intermediario delegato per la ricezione dei modelli 730-4 resi disponibili dall’Agenzia delle Entrate;
  • Colonna 2, il corrispondente “codice sede Entratel” dell’intermediario;
  • Nella colonna 3, il numero di cellulare dell’intermediario;
  • Nella colonna 4, l’indirizzo di posta elettronica dell’intermediario per permettere all’Agenzia delle Entrate di raggiungerlo agevolmente in caso di comunicazioni riguardanti la procedura del flusso telematico dei modelli 730-4.

La sezione B:

  • Possiede un riquadro riservato alla firma del sostituto d’imposta delegante. Compilando la sezione B è necessario riportare la firma del sostituto d’imposta delegante;
  • Deve essere compilata da ciascuna società del gruppo che intenda far pervenire i Mod. 730-4 presso l’utenza telematica della società abilitata alla trasmissione telematica per conto delle altre società appartenenti allo stesso gruppo.

Lascia una Risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here