Home News Ecobonus 110%: gli emendamenti previsti

Ecobonus 110%: gli emendamenti previsti

2

Ecobonus 110% potrebbe trovare applicazione anche per gli immobili posseduti da un unico proprietario e composti da più unità per gli interventi sulle parti comuni. Nel testo votato oggi, l’ambito applicativo dell’Ecobonus 110% risulta modificato rispetto alla versione originaria.

Dal 1° luglio 2020 è possibile richiedere l’Ecobonus, tuttavia, mancano ancora le istruzioni operative dell’Agenzia delle Entrate circa la cessione del credito e lo sconto in fattura.

Sono in previsione anche alcune modifiche ai limiti di spesa, la previsione dell’estensione anche alle seconde cose e per gli interventi di demolizione e ristrutturazione.

Sono esclusi dall’Ecobonus le unità immobiliari accatastate nelle categorie: A/1, A/8 e A/9, mentre continua a trovare applicazione per:

  • Condomini;
  • Persone fisiche, al di fuori dell’esercizio di attività di impresa, arti e professioni, su unità immobiliari. La detrazione del 110% per gli interventi di riqualificazione energetica compete per un numero massimo di due unità immobiliari;
  • IACP comunque denominati nonché dagli enti aventi le stesse finalità sociali;
  • Cooperative di abitazione a proprietà indivisa;
  • ONLUS, OdV e APS;
  • Associazioni e società sportive dilettantistiche limitatamente ai lavori destinati ai soli
  • Immobili o parti di immobili adibiti a spogliatoi.

Ecobonus 110%: gli emendamenti previsti dal Governo

Tra le novità in arrivo, ci sono, la previsione di nuovi limiti di spesa, l’estensione dell’Ecobonus alle seconde case non in condominio, e la possibilità di poter beneciare del Superbonus anche per i lavori di demolizione e ricostruzione.

Inoltre, l’Ecobonus al 110% potrà interessare anche altre due unità immobiliari, al netto degli interventi sulle parti comuni degli edifici, di proprietà di persone fisiche. Pertanto, potranno beneficiare dell’Ecobononus al 110% anche le seconde case composte da una o due unità immobiliari dello stesso proprietario.

I lavori di riqualificazione energetica dovranno rispettare i requisiti di cui al comma 3-ter dell’articolo 14 del decreto-legge 4 giugno 2013, n. 63 e assicurare il miglioramento di almeno due classi energetiche.

Dovrà esservi una “riqualificazione tangibile”, ed è questo il parametro che apre le porte anche al superbonus per i lavori di demolizione e ricostruzione.

Per quanto riguarda i lavori di demolizione dell’edificio, viene fissato il requisito del miglioramento di almeno 2 classi energetiche a seguito della ricostruzione. Un obiettivo da documentare, tramite il rilascio dell’attestato di prestazione energetica (APE).

Ecobonus 110%: demolizione e ricostruzione

L’emendamento previsto al testo del Decreto Rilancio sull’Ecobonus 110%, inserisce anche gli interventi di demolizione e ricostruzione.

Per dimostrare il miglioramento di due classi energetiche, occorre predisporre un APE prima e dopo aver effettuato i lavori, spetterà ai tecnici abilitati rilasciare una dichiarazione asseverata della classe energetica.

Limite di spesa

L’emendamento prevede una distinzione tra i condomìni da due a otto unità immobiliari, che possono spendere fino a 40.000 euro per unità, 20.000 in caso di sostituzione del vecchio impianto con la caldaia a condensazione, e per quelli da nove unità in su scende a 30.000 euro, 15.000 per la caldaia a condensazione.

Per quanto riguarda gli edifici unifamiliari o plurifamiliari, il tetto è di 50.000 euro per unità immobiliare.

Per la sostituzione dell’impianto con caldaia a condensazione o pompa di calore i limiti sono di:

  • 20.000 per gli edifici da una a otto unità;
  • 15.000 euro per gli edifici con sopra le 8 unità.

Mentre per gli edifici unifamiliari o plurifamiliari autonomi il tetto di spesa è di 30.000 euro a unità.

Inoltre, gli interventi di efficientamento energetico con detrazione fiscale al 65%, la detrazione sale al 110%, anche senza effettuare gli interventi trainanti, ma solo se sono resi impossibili dal vincolo stesso.

2 COMMENTI

  1. Buon giorno.
    Chiedo scusa, avrei bisogno di un chiarimento:
    nel caso di demolizione e ricostruzione di un edificio di 3 particelle categoria A e di 2 “pertinenze” categoria C, autonomamente accatastate, con la realizzazione di 4 appartamenti (categoria A/3) e 2 box, si potrà usufruire del Superbonus (Ecobonus e Sismabonus)? in considerazione del fatto che sono più di due appartamenti, quindi più di due unità immobiliari?
    Grato per la eventuale risposta al mio quesito.
    Grazie

Lascia una Risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here