Dichiarazione IVA 2021

L’Agenzia delle Entrate, ha pubblicato il 15 gennaio il provvedimento con il quale sono state approvati il Modello di dichiarazione IVA 2021 con le istruzioni per la compilazione.

L’Agenzia delle Entrate, con il comunicato stampa del 15 gennaio ha pubblicato la versione definitiva dei modelli della dichiarazione dei redditi per il 2021, tra questi c’è la dichiarazione IVA 2021.

Il Modello di dichiarazione IVA 2021 deve essere presentato per presentare la dichiarazione IVA del periodo di imposta 2020. La scadenza per l’invio della dichiarazione è fissata per il 30 aprile 2021.

Per scaricare Dichiarazione IVA 2021:

Per scaricare Modello IVA base 2021:

Dichiarazione IVA 2021

Novità della dichiarazione IVA 2021

Le principali modifiche introdotte nella dichiarazione IVA 2021 riguardano:

Quadro VF

Nella sezione 3, rigo VF30, è stata prevista la nuova casella 10 che deve essere barrata dagli imprenditori agricoli che hanno applicato il regime riservato all’attività di oleo-turismo di cui alla legge n. 160 del 2019.

Nella sezione 3-A, rigo VF34, è stato introdotto un nuovo campo 9 per tenere conto in sede di determinazione della percentuale di detrazione delle cessioni di beni di cui all’art. 124 del decreto-legge n. 34 del 2020.

Quadro VI

L’art. 12-septies del decreto-legge n. 34 del 2019 ha ridefinito la disciplina delle dichiarazioni d’intento e ha previsto la soppressione dell’obbligo di comunicazione delle dichiarazioni d’intento ricevute da parte dei fornitori di esportatori abituali. Ne consegue che il quadro VI è stato soppresso.

Quadro VQ

Nel quadro è stata prevista la nuova colonna 7 riguardante l’ammontare dell’IVA periodica versata a seguito della ripresa dei versamenti dopo la sospensione per eventi eccezionali, nel periodo compreso tra il giorno successivo alla data di presentazione della dichiarazione relativa al 2019 e la data di presentazione della dichiarazione relativa al presente anno di imposta.

Quadro VL

Nella sezione 3, è stato previsto il nuovo rigo VL41, per indicare nel campo 1, la differenza, se positiva, tra l’IVA periodica dovuta e l’IVA periodica versata.

Nel campo 2, la differenza, se positiva, tra il credito che si sarebbe generato qualora l’IVA periodica dovuta fosse stata interamente versata entro la data di presentazione della dichiarazione annuale (“credito potenziale”) e il credito effettivamente liquidato nel rigo VL33.

Quadro VO

Nella sezione 1, è stato previsto il rigo VO16, riservato ai soggetti che effettuano le prestazioni di servizi indicate nell’art. 7-octies nei confronti di committenti non soggetti passivi stabiliti in Stati membri dell’Unione Europea diversi dall’Italia. Nella sezione 2, rigo VO26, è stata prevista la casella 2 per comunicare la revoca dell’opzione in precedenza esercitata. Nella sezione 3, è stato introdotto il rigo VO36, riservato ai soggetti che esercitano l’attività oleoturistica e comunicano di aver optato per l’applicazione dell’IVA e del reddito nei modi ordinari.

Modalità di presentazione della Dichiarazione IVA 2021

L’invio della dichiarazione IVA relativa al periodo di imposta 2020 può essere effettuato, in via telematica dal 1° febbraio 2021 al 30 aprile 2021. Il Modello IVA 2021 può essere inviato:

  • Direttamente dal dichiarante;
  • Tramite un intermediario abilitato;
  • Tramite altri soggetti incaricati, per le amministrazioni dello Stato;
  • Tramite società appartenenti al gruppo.

Le dichiarazioni presentate entro 90 giorni dalla scadenza dei termini sono considerate valide, salvo l’applicazione delle sanzioni previste dalla legge.

La dichiarazione si considera presentata nel giorno in cui è conclusa la ricezione dei dati da parte dell’Agenzia delle entrate. L’attestazione della presentazione è data dalla ricevuta rilasciata dall’Agenzia delle Entrate.

Come specificato nelle istruzioni per la compilazione dell’Agenzia delle Entrate, dopo l’invio, il servizio telematico restituisce un messaggio che conferma l’avvenuta ricezione del file.

Successivamente, verrà fornita un’altra comunicazione attestante l’esisto dell’elaborazione.

Chi sono i soggetti obbligati alla presentazione della dichiarazione annuale IVA?

Sono obbligati alla presentazione della dichiarazione annuale IVA, i contribuenti esercenti attività di impresa, attività artistiche e professionali, titolari di partita IVA.

Soggetti esonerati

Come è specificato nelle istruzioni fornite dall’Agenzia delle Entrate, sono esonerati  dalla presentazione della dichiarazione annuale IVA:

  • I contribuenti che per l’anno d’imposta abbiano registrato esclusivamente operazioni esenti di cui all’art. 10, nonché coloro che essendosi avvalsi della dispensa dagli obblighi di fatturazione e di registrazione ai sensi dell’art. 36-bis abbiano effettuato soltanto operazioni esenti. L’esonero non trova applicazione qualora il contribuente abbia effettuato anche operazioni imponibili, ovvero se sono state registrate operazioni intracomunitarie o siano state eseguite le rettifiche di cui all’art.19-bis2 ovvero siano stati effettuati acquisti per i quali in base a specifiche disposizioni l’imposta è dovuta anche da parte del cessionario (acquisti di oro, argento puro, rottami ecc..);
  • Contribuenti che che si avvalgono del regime forfetario, per le persone fisiche esercenti attività d’impresa, arti e professioni;
  • Contribuenti che si avvalgono del regime fiscale di vantaggio per l’imprenditoria giovanile e lavoratori in mobilità previsto, rt. 27, commi 1 e 2, del D.L. 98/2011( ex minimi);
  • Produttori agricoli esonerati dagli adempimenti ai sensi dell’art. 34, comma 6 del DPR 633/1972 ( decreto Iva);
  • Gli esercenti attività di organizzazione di giochi, di intrattenimenti ed altre attività indicate nella tariffa allegata al d.P.R. 26 ottobre 1972, n. 640;
  • Imprese individuali che abbiano dato in affitto l’unica azienda e non esercitino altre attività rilevanti agli effetti IVA;
  • Soggetti passivi di imposta nell’ipotesi di cui all’art 44 co. 3, secondo periodo, del decreto legge n.331 del 1993, qualora abbiano effettuato nell’anno d’imposta soltanto operazioni non imponibili, esenti, non soggette o comunque senza obbligo di pagamento dell’imposta;
  • ecc.

Avviso importante:
Fiscomania.com ha raccolto, con ragionevole cura, le informazioni contenute in questo sito. Il materiale offerto è destinato ai lettori, solo a scopo informativo. Quanto letto non può in nessun caso sostituire una adeguata consulenza o parere professionale che rimane indispensabile. Si prega di leggere i nostri Termini e condizioni e l’informativa sulla privacy prima di utilizzare il sito. Tutto il materiale è soggetto alle leggi sul copyright. Fiscomania.com non accetta alcuna responsabilità in relazione all’utilizzo di tale pubblicazione senza la collaborazione dei suoi professionisti.

Lascia una Risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here