calendario pagamenti INPS

Abbiamo visto quali sono le scadenze fiscali previste per il mese in corso, e in particolare vengono rimandate le scadenze dei termini di versamento per i contribuenti ISA e per le Partite Iva a regime forfettario. Il mese di luglio è un mese decisivo anche per la ricezione di alcuni bonus particolari, e per le prime erogazioni della misura dell’assegno temporaneo rivolta alle famiglie con figli di cittadini disoccupati o lavoratori autonomi.

Il calendario pagamenti INPS di luglio è un calendario fitto di date di cui tenere conto, come abbiamo visto in questo articolo. Eppure ci sono alcune precisazioni da fare anche in merito alla ricezione in questi giorni di alcuni bonus specifici che fino ad ora hanno subito alcuni ritardi nell’erogazione.

In particolare, i contributi a fondo perduto, sia quelli erogati in modo automatico, sia quelli che corrispondono alle nuove domande, sono arrivati per molti cittadini con alcuni tempi di attesa aggiuntivi, ma in questi giorni sono applicati i pagamenti previsti. Vediamo nel dettaglio quali sono i pagamenti INPS ancora previsti per questo mese, in previsione dei bonus disponibili anche ad agosto.


Reddito di emergenza nel calendario pagamenti INPS luglio

I ritardi nell’erogazione del reddito di emergenza riguardano i pagamenti del primo Decreto Sostegni. Questo decreto ha previsto tre mensilità per i primi mesi del 2021, e ancora per alcuni non sono arrivati i pagamenti della terza mensilità di maggio. Per tutti quelli che ancora non hanno ricevuto questo tipo di erogazione, questi sono gli ultimi giorni in cui l’INPS eroga le mensilità del reddito di emergenza.

Si tratta anche dei pagamenti per chi riceveva Naspi e DIS-COLL che avevano fatto richiesta di accesso al reddito di emergenza entro la fine di aprile 2021. Per le nuove domande di accesso al reddito di emergenza, bisognerà ancora aspettare oltre al mese di luglio, almeno fino ad agosto.

Sarà necessario, per chi vuole ricevere altre quattro mensilità del reddito di emergenza (per i mesi da giugno a settembre) presentare domanda di accesso entro la fine del mese di luglio. Per queste particolari erogazioni infatti bisogna attendere almeno fino ad agosto per vedere arrivare i pagamenti.

Bonus IRPEF di 100 euro a luglio

Oltre ai bonus e alle erogazioni determinate dal Decreto Sostegni bis, e agli aiuti forniti per l’emergenza sanitaria, luglio è un mese importante anche perché arriverà in busta paga un bonus IRPEF di 100 euro per tutti i lavoratori che possono accedervi.

Questo particolare bonus si riferisce all’IRPEF e viene erogato direttamente in busta paga. Si tratta dell’ex bonus Renzi, e viene erogato al di sotto dei 40.000 euro di reddito annuo. Il bonus è variabile, si può ricevere nella misura piena di 100 euro se il reddito varia da 26.000 a 28.000 euro annui.

Da questa cifra ai 40.000 euro di limite, l’importo è variabile a seconda dei casi. Si tratta di un bonus che arriva direttamente in busta paga, in aggiunta allo stipendio e all’eventuale accredito IRPEF se il lavoratore si trova a credito con il fisco. Questo tipo di bonus si può ricevere direttamente nella busta paga sia se si lavora come dipendente, sia privato che nel pubblico.

Il bonus non è previsto per chi ha un reddito annuo inferiore agli 8.000 euro, perché questi soggetti sono indicati come incapienti, e il bonus IRPEF non è applicabile.

Calendario pagamenti INPS luglio: accredito bonus stagionali

Questo mese continuano anche le erogazioni dei pagamenti del bonus stagionali, cioè della mensilità corrispondente, per il primo e per il secondo Decreto Sostegni, ad un sussidio economico aggiuntivo per determinate categorie di lavoratori. Si tratta in entrambi i casi di bonus stagionali stabiliti per i lavoratori del turismo e dello spettacolo, e di altre tipologie di lavoratori che hanno subito una forte crisi con l’arrivo della pandemia.

Per il bonus stagionali luglio potrebbe riservare una sorpresa, cioè potrebbero venire erogati pagamenti doppi, per chi aspetta il bonus da 1.600 euro del secondo Decreto Sostegni e per chi ancora non ha ricevuto le prime erogazioni dell’anno. Ricapitolando, in totale i lavoratori stagionali dovrebbero ricevere:

  • Bonus stagionali da 2.400 euro per tre mensilità di inizio 2021 (primo DL Sostegni);
  • Bonus stagionali da 1.600 euro per due mensilità estive (secondo DL Sostegni).

Per chi ancora non ha ricevuto il bonus dei primi 2.400 euro, potrebbe vedersi accreditato in questi giorni il doppio pagamento, cioè in un’unica soluzione è possibile ricevere entrambi i bonus, che rispondono insieme ai ritardi INPS.

Va anche ricordato che l’ente previdenziale aveva per qualche giorno sospeso le erogazioni a causa del termine dei fondi per i pagamenti, e dato che il governo ha introdotto nuovi fondi per i bonus, l’INPS ha potuto ripartire erogando le nuove mensilità a chi ne ha diritto.

Calendario pagamenti INPS luglio: NASPI

Oltre al bonus IPREF e agli eventuali accrediti per situazioni di credito con il fisco, i lavoratori potrebbero anche questo mese ricevere la NASPI in caso di disoccupazione involontaria. Per la ricezione della NASPI non c’è un’unica data di riferimento, perché il pagamento dipende da quando è stata presentata la domanda, e viene erogato dall’8 luglio.

Chi sta attendendo la NASPI può riceverla ancora fino alla fine del mese, ed è possibile consultare la piattaforma online INPS per conoscere la data esatta del pagamento. La NASPI, ovvero l’indennità di disoccupazione, è ancora disponibile per chi ha perso il posto di lavoro in modo involontario, ed è possibile richiederla ricevendo il 75% del salario mensile percepito.

Pagamenti in anticipo sulle pensioni

Infine, luglio è un mese importante anche per la ricezione delle pensioni in anticipo, riferite al mese di agosto. Viene ancora prevista l’erogazione anticipata delle pensioni tramite Poste Italiane dal 27 luglio, secondo le date ufficiali, che devono ancora essere confermate, in base all’iniziale del cognome:

  • Cognomi A-C: martedì 27 luglio;
  • Cognomi D-G: mercoledì 28 luglio;
  • Cognomi H-M: giovedì 29 luglio;
  • Cognomi N-R: venerdì 30 luglio;
  • Cognomi S-Z: sabato 31 luglio;

Tuttavia bisogna ricordare che per chi riceve le pensioni tramite Poste Italiane è previsto l’anticipo rispetto alla normale erogazione di agosto, per tutti gli altri bisogna attendere le erogazioni del mese specifico.

Articolo precedenteImportazioni di beni: la rilevazione contabile
Prossimo ArticoloReddito di Emergenza: il via alle nuove mensilità
Classe 1992, laureata in Scienze della Comunicazione all'Università degli Studi di Torino, da sempre sono appassionata di scrittura. Dopo alcune esperienze all'estero, ho deciso di approfondire tematiche inerenti la fiscalità nazionale relativa alle persone fisiche ed alle partite Iva. Collaboro con Fiscomania.com per la pubblicazione di articoli di news a carattere fiscale. Un settore complesso quello fiscale ma dove non si finisce mai di imparare.

Lascia una Risposta

Scrivi il tuo commento
Inserisci il tuo nome