calendario pagamenti INPS settembre

Si conferma anche per il mese di settembre 2021 il particolare regime dei pagamenti erogati dall’INPS, in fase di emergenza sanitaria. Al fine di consentire un accesso dilazionato ai locali, infatti, il calendario dei pagamenti INPS prevede l’inizio dell’erogazione in via anticipata. Già a partire dal 26 agosto 2021, ad esempio, sono le pensioni di anzianità, che potranno essere ritirate presso le poste secondo la consueta divisione secondo ordine alfabetico.

La protezione civile, con l’Ordinanza numero 787 del 23 agosto 2021, ha ufficialmente delineato la tabella di marcia, la quale prevede il pagamento anticipato anche per i successivi mesi di ottobre e novembre.

Tuttavia, le date da segnare sul vostro calendario sono molteplici, anche alla luce dei numerosi sussidi di emergenza erogati negli ultimi 18 mesi. Vediamo insieme tutto ciò che c’è da sapere sul punto.


Calendario pagamenti INPS delle pensioni di settembre

Il calendario dei pagamenti INPS prevede come principale appuntamento di settembre quello consistente nell’erogazione delle pensioni di anzianità. Come anticipato, anche questo mese è stata prevista un’erogazione anticipata per il mese di settembre, che è stata già versata a partire dal 26 agosto 2021. L’ordinanza n. 787 della protezione civile ha, infatti, previsto il seguente calendario, secondo ordine alfabetico in base ai cognomi:

  • A alla B giovedì 26 agosto;
  • C alla D venerdì 27 agosto;
  • E alla K sabato 28 agosto (la mattina);
  • L alla O lunedì 30 agosto;
  • P alla R martedì 31 agosto;
  • S alla Z mercoledì 1 settembre.

Non finiscono qui le novità in tema pensioni. Con il medesimo atto, invero, la protezione civile ha previsto il pagamento anticipato anche per i mesi di ottobre e novembre:

“Allo scopo di consentire a Poste Italiane S.p.A. la gestione dell’accesso ai propri sportelli dei titolari del diritto alla riscossione delle prestazioni previdenziali corrisposte dall’Istituto Nazionale Previdenza Sociale, in modalità compatibili con le disposizioni in vigore adottate allo scopo di contenere e gestire l’emergenza epidemiologica da COVID-19, salvaguardando i diritti dei titolari delle prestazioni medesime, il pagamento dei trattamenti pensionistici, degli assegni, delle pensioni e delle indennità di accompagnamento erogate agli invalidi civili, di cui all’articolo 1, comma 302, della legge 23 dicembre 2014, n. 190 e successive integrazioni e modificazioni di competenza del:

  • settembre 2021, è anticipato dal 26 agosto al 1° settembre 2021;
  • ottobre 2021, è anticipato dal 27 settembre al 1° ottobre 2021;
  • novembre 2021, è anticipato dal 25 ottobre al 30 ottobre 2021.”.

Modalità di prelievo

Per quanto attiene alle modalità di prelievo, dobbiamo operare alcune precisazioni. Infatti, per i titolari di:

  • un Libretto di Risparmio;
  • un Conto BancoPosta;
  • una Postepay Evolution;
  • carta Postamat, Carta Libretto e Postepay Evolution;

potranno prelevare l’importo dagli oltre 7.000 ATM Postamat a partire dalla mattina del 26 Agosto 2021.

Mentre, per quanto riguarda il prelievo presso gli Istituti di Credito, la Pensione Inps potrà essere prelevata allo sportello esclusivamente a partire da Mercoledì 1 Settembre 2021.

Calendario pagamenti INPS: NAsPI

Tra i primi pagamenti del mese di settembre 2021, è particolarmente atteso l’erogazione della NASPI. Con tale acronimo si intende un sussidio economico, volto a sostenere i cittadini che, soprattutto in questa fase emergenziale, hanno perso involontariamente il lavoro e versano in uno stato di disoccupazione. Il contributo può essere erogato in favore di lavoratori dipendenti, con un contratto di lavoro subordinato.

Il sussidio è, in genere, erogato a partire dalla metà del mese, con riferimento al mese precedente. Dunque a partire dal 10 settembre fino al 17 settembre sarà erogata a tutti gli aventi diritto per il mese di agosto. Ovviamente, la data di accredito, come ti ricordiamo, è diversa a seconda della data di presentazione della domanda. Proprio per tale ragione che dal 10 settembre ti invitiamo a controllare sul portale online se è stato effettuato l’accredito.

Ti ricordiamo, inoltre, che per ricevere correttamente la Naspi:

  • bisogna recarsi al centro per l’impiego, entro 15 giorni dall’invio della domanda e presentarsi alle convocazioni del Centro per l’impiego,
  • comunicare il modello Naspi com lavoro autonomo, nel caso di prestazione di un’attività di lavoro autonomo occasionale o di importo inferiore a 4800 euro entro il 31 Gennaio 2021;
  • comunicare il modello Naspi com, gli ultimi 30 giorni della Naspi.

Bonus bebe

Nel calendario dei pagamenti INPS, ricordiamo le date per il versamento del c.d. bonus bebe.

Il c.d Bonus bebè è stato introdotto con lo scopo di sostituire il bonus natalità. Tuttavia quest’ultimo continuerà ad essere operativo con riferimento al 2020. Quindi l’assegno di natalità operante negli anni precedenti, è ancora applicabile per gli eventi antecedenti al 2020, per le nascite, adozioni ed affidamenti preadottivi del 2020.

L’entità dell’incentivo varia in base alle fasce di reddito:

  • L’assegno annuale di 1.920 euro (160 euro al mese) per le famiglie con ISEE minorenni non superiore a 7.000 euro annui;
  • Assegno annuale di 1.440 euro (120 euro al mese) per le famiglie con ISEE minorenni superiore alla soglia di 7.000 euro e non superiore a 40.000 euro;
  • Assegno annuale di 960 euro (80 euro al mese) per le famiglie con un ISEE minorenni superiore a 40.000 euro.

Invero, per il pagamento del bonus in questione, l’ente previdenziale sembra essere piuttosto in ritardo. Tuttavia, per coloro che hanno presentato la domanda dal 1 luglio, i pagamenti dell’assegno, per la mensilità di luglio, sono attualmente in esecuzione. In base al calendario dei pagamenti di settembre, il 9 settembre arriverà il pagamento dell’assegno unico non solo di settembre, ma anche di agosto, e per alcuni anche di luglio.

Reddito di cittadinanza

Tra i sussidi che dovranno essere erogati nel mese di settembre, vi è anche il c.d. reddito di cittadinanza.

Questo è un contributo economico che viene erogato ai cittadini attraverso la Carta Reddito di Cittadinanza.

Questa è stata definita dalla precedente Legge di Bilancio come una “misura unica di contrasto alla povertà alla disuguaglianza e all’esclusione sociale, a garanzia del diritto al lavoro, della libera scelta del lavoro” (articolo 1 del decreto 4/2019).

La ricarica del card, utilizzate per il sussidio in questione, avverrà a partire dal:

  • 27 agosto per il sussidio relativo a settembre;
  • 27 settembre per il sussidio relativo ad ottobre.

 Le date, tuttavia, sono orientative. Infatti, il pagamento del Reddito di Cittadinanza, infatti, può avvenire un giorno prima o dopo quanto segnalato.

Reddito di emergenza

Il Reddito di Emergenza (REM d.l. 34) è una misura di sostegno economico istituita con l’articolo 82 del decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34 (Decreto Rilancio) in favore dei nuclei familiari in difficoltà a causa dell’emergenza epidemiologica da Covid-19. Il sussidio è stato prorogato più volte al fine di garantire uno strumento per affrontare il difficile periodo che stiamo vivendo.

Il decreto Sostegni bis ha prorogato la misura per i mesi relativi a giugno, luglio, agosto e settembre, confermando i requisiti già previsti. Dunque, il calendario dei pagamenti INPS prevede anche una voce per il c.d REM. Invero  dal 15 settembre 2021, ci sarà il pagamento della seconda mensilità per chi ha presentato la domanda di proroga di 4 mesi di REm prevista dal Decreto Sostegni Bis.

1 COMMENTO

  1. Posso chiedere un informazione se concessa. Visto e considerato che il Rem considerato appunto strumento di emergenza economica si stato introdotto con decreto, quest’ultimo non essendo pagato alla scadenza dei ratei ovvero Settembre, l’Inps non sta commettendo un illecito di forma?
    Scrivo questo perché sono stato alla sede Inps di Milano Sud e gli addetti sembravano usciti da Gardaland senza darmi risposta e rimbalzandomi alla mia contestazione che il Rem deve finire ed essere erogato entro Settembre. Avete notizie di qualcuno che abbia fatto ricorso al Tar per sbloccare questi pagamenti? Grazie mille

Lascia una Risposta

Scrivi il tuo commento
Inserisci il tuo nome