Decreto semplificazioni pubblicato in Gazzetta Ufficiale. Sono previsti un fondo per la prosecuzione delle opere pubbliche, modifiche alle norme sulle responsabilità dei funzionari pubblici e abuso d’ufficio, in modo tale che i funzionari rischino di più in caso di omissioni che quando mettono la firma per far partire i lavori.

Il Decreto Semplificazioni è composto da 65 articoli, tra le norme vi rientrano:

  • Contratti pubblici e edilizia;
  • Tempi dei procedimenti e responsabilità (responsabilità erariale, controlli della Corte dei conti e riforma del reato di abuso d’ufficio);
  • Sostegno e diffusione dell’Amministrazione digitale;
  • Gli investimenti pubblici, ambiente e green economy.
Decreto semplificazioni

Decreto semplificazioni: Deroga al Codice appalti

Il Decreto semplificazioni, introduce, una norma transitoria, fino al 31 luglio 2021.

Per quanto riguarda l’aggiudicazione delle gare di appalto è previsto che:

  • Per le procedure per le quali sia scaduto entro il 22 febbraio 2020 il termine per la presentazione delle offerte, le stazioni appaltanti, devono adottare il provvedimento di aggiudicazione, ovvero eseguire gli Accordi-quadro, entro la data del 31 dicembre 2020 ed entro lo stesso periodo stipulare contratti derivanti da accordi quadro efficaci.

Collegio consultivo tecnico

Inoltre, è previsto di costituzione di un collegio consultivo tecnico per gli appalti di valore superiore alle soglie comunitarie (oltre 5,3 milioni) o dichiarati di interesse nazionale, prima dell’avvio dell’esecuzione, o comunque non oltre 10 giorni.

La funzione del collegio consultivo tecnico, ha la funzione di svolgere alcuni compiti in tema di sospensione e modifica delle opere, ha la funzione di assistenza per la rapida risoluzione delle controversie.

Tempi di affidamento

Per quanto riguarda le procedure dei contratti inferiori alle soglie comunitarie ovvero a contratti relativi ad opere di rilevanza nazionale, applicati agli atti di avvio del procedimento amministrativo entro il 31 luglio 2021.

L’aggiudicazione o l’individuazione del contraente devono avvenire entro 2 mesi dalla data di adozione dell’atto di avvio del procedimento per le ipotesi di importo dei lavori inferiore a 150.000 euro, e 4 mesi per le ipotesi di importo dei lavori pari o superiore a 150.000 euro.

Stipula del contratto

La stazione appaltante è tenuta a concludere il contratto nei termini previsti dalla legge o comunque entro 60 giorni dall’aggiudicazione.

Decreto Semplificazioni: accesso a tutti i servizi digitali delle P.A.

Per quanto riguarda, la semplificazione degli adempimenti della P.A., il decreto semplificazioni, prevede l’accesso a tutti i servizi digitali della P.A. tramite SPID, Carta d’identità digitale (CIE) e tramite AppIO su smartphone.

È ammessa la presentazione di autocertificazioni, istanze e dichiarazioni direttamente da cellulare tramite AppIO, prevista, inoltre, la nascita di una piattaforma unica di notifica digitale di tutti gli atti della P.A. e via PEC degli atti giudiziari.

Per quanto riguarda le imprese, è prevista la possibilità per le società per azioni quotate di prevedere aumenti di capitale in deroga rispetto alla disciplina del codice civile.

Green economy

Per quanto riguarda le misure di sostegno alla tutela dell’ambiente e alla green economy, è prevista la razionalizzazione delle procedure di valutazione d’impatto ambientale (VIA) associate alle opere pubbliche.

Riforma abuso d’ufficio

Vengono circoscritti i casi perseguibili, adesso i comportamenti sono individuati in modo più puntuale.

Per la responsabilità erariale la colpa grave sarà perseguita solo nei casi di omissione di un’azione mentre non lo sarà per i casi di azione, dove resta perseguibile solo il dolo.

Lascia una Risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here