È online la procedura che consente di presentare e consultare le domande per l’accesso al Bonus asilo nido 2022. Il beneficio è rivolto ai genitori di figli nati, adottati o affidati fino a tre anni d’età (compiuti nel periodo tra gennaio e agosto 2022) e consiste in un bonus per sostenere le spese per l’asilo nido o in un contributo per il supporto presso la propria abitazione, in caso di bambini impossibilitati a frequentare l’asilo perché affetti da gravi patologie che compiono tre anni entro il 31 dicembre 2022.nGli importi dei contributi sono stabiliti in base all’ ISEE minorenni. In mancanza di ISEE valido viene concesso l’importo minimo.

Con l’introduzione dell’Assegno unico per i figli 2022, verranno eliminati quasi tutti i bonus figli, tuttavia, resterà in vigore, anche per il 2022 il Bonus asilo nido. Il bonus asilo nido ha l’obiettivo di sostenere le spese per l’asilo nido o per avere un supporto, presso la propria abitazione, per bambini con meno di tre anni affetti da gravi patologie. Il bonus, erogato dall’INPS su domanda del genitore che ha sostenuto le spese, è un rimborso di tutta o una parte delle spese sostenute per iscrizione e rette mensili ad asili nido, pubblici o privati. Il contributo varia in base all’ISEE riferito al bambino per cui è richiesta la prestazione. È inoltre, cumulabile con l’Assegno unico per i figli 2022.

Il bonus asilo nido è un contributo economico, per un importo massimo annuale fino a 3.000 euro, riconosciuto alle famiglie, con figli minori tra i 3 ai 36 mesi, per pagare le rette dell’asilo e le spese sostenute per l’assistenza domiciliare.

Per ottenere il bonus è necessario presentare la documentazione che attesta l’avvenuto pagamento delle rette.


Cos’è il bonus asilo nido?

Il bonus asilo nido è un contributo economico erogato dall’INPS in favore delle famiglie con figli di età inferiore a tre anni. L‘INPS ha destinato 530 milioni di euro di fondo per tutte le famiglie richiedenti, tuttavia, per poterne beneficiare occorre inoltrare la domanda attraverso i servizi online dell’Istituto. Mediante il bonus asilo nido viene riconosciuto alle famiglie un rimborso di tutta o una parte delle spese sostenute per iscrizione e rette mensili di asili pubblici o privati. In alternativa al bonus per l’asilo nido è possibile ricevere un rimborso per le forme di assistenza domiciliare in favore dei bambini con meno di tre anni affetti da gravi patologie croniche.

L’importo del rimborso varia a seconda dell’indicatore della situazione economica del nucleo familiare, lISEE.

Per poter provvedere all’inoltro dovrai essere già registrato presso l’area riservata e accedere tramite:

  • SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale),
  • CIE (Carta Identità Elettronica),
  • CNS (Carta Nazionale dei Servizi).

Il bonus nido non rientra tra quelle prestazioni che vengono assorbite dal nuovo assegno unico, restando compatibile con esso.

Chi può fare domanda per il bonus asilo 2022?

Il genitore del minore richiedente, che ha sostenuto la spesa, deve avere determinati requisiti:

  • cittadinanza italiana o cittadinanza comunitaria; nel caso il richiedente sia straniero è indispensabile il possesso di un permesso di soggiorno o lo status di rifugiato o protezione sussidiaria;
  • residenza in Italia;
  • il genitore, per le forme di supporto domiciliare, deve avere la stessa residenza con il figlio ed avere anche la dimora abituale nello stesso Comune;
  • il genitore richiedente è colui che provvede al pagamento delle rette.

Quanto ammonta il bonus asilo nido 2022? 

L’ammontare del bonus asilo nido 2022 è di:

  • 3000 euro (importo mensile 272,72 euro per 11 mensilità) per i nuclei familiari con un valore ISEE minorenne in corso di validità, fino a 25.000 euro,
  • 2500 euro (importo mensile 227,27 euro per 11 mensilità) per il nucleo familiare con un valore ISEE superiore a 25.000 e inferiore a 40.000 euro,
  • 1500 euro (136,37 euro mensili per 11 mensilità) per i nuclei familiari con un ISEE superiore, pari a 40.000 euro, oppure se il nucleo non presenta la dichiarazione ISEE.

Il bonus asilo nido, che sarà erogato dall’Inps, non dovrà essere superiore al costo sostenuto dal genitore, per il pagamento della retta o per l’assistenza domiciliare, indicato sulla fattura dell’asilo.

ISEE Importo annuoImporto mensile
fino a 25.000 euro3.000 euro272,72 euro
da 25.001 euro fino a 40.000 euro2.500 euro227,27 euro
da 40.001 euro1.500 euro136,37 euro

Modalità di presentazione della domanda bonus asilo nido 2022

La domanda per il Bonus asilo nido deve essere presentata dal genitore che sostiene l’onere del pagamento delle rette scolastiche e deve indicare le mensilità relative ai periodi di frequenza scolastica, compresi tra gennaio e dicembre 2022, per le quali si richiede il beneficio. Per ottenere il contributo è necessario presentare la documentazione che attesta l’avvenuto pagamento delle singole rette.

La domanda di contributo per l’introduzione di forme di supporto domiciliare deve essere presentata dal genitore convivente con il figlio per il quale è richiesta la prestazione ed essere accompagnata da un’attestazione del pediatra che dichiari per l’intero anno l’impossibilità del bambino a frequentare gli asili nido a causa di una grave patologia cronica. Per usufruire del beneficio per più figli è necessario presentare una domandaper ciascun bambino.

Nel caso in cui sia già presente in procedura una domanda di Bonus asilo nido presentata nel 2021, la domanda per il 2022 potrà essere inoltrata confermando o modificando i dati esistenti.

All’interno del servizio è presente un video tutorial che fornisce tutte le informazioni necessarie e illustra le fasi della presentazione della domanda.

Irregolarità ISEE

Qualora venga presentato un ISEE irregolare a causa di omissioni o difformità è possibile regolarizzare la situazione, entro il termine di validità della DSU, mediante:

  • Idonea documentazione;
  • Presentando una nuova DSU;
  • Rettificando la DSU, con effetto retroattivo (qualora sia stata presentata tramite CAF e quest’ultimo abbia commesso un errore materiale).

Documentazione da allegare

Al momento della presentazione della domanda deve essere allegata la documentazione attestante l’avvenuto pagamento delle singole rette.

Al momento della presentazione della domanda devono essere indicati:

  • Denominazione e Partita Iva dell’asilo nido;
  • Documento d’identità del genitore richiedente o il permesso di soggiorno;
  • Codice fiscale del minore;
  • Mese di riferimento della retta;
  • Estremi del pagamento o quietanza di pagamento della retta.

Occorre indicare se l’istituto è pubblico o privato ed, in questo secondo caso, gli estremi dell’atto autorizzativo comunale.

Il genitore interessato, poi, deve indicare i mesi di frequenza, per un massimo di 11 mesi, per i quali vuole richiedere il beneficio.

Per i genitori che hanno già inviato la domanda nel 2021, la richiesta online verrà già precompilata dall’Inps. Il richiedente potrà modificare i dati ed allegare la nuova documentazione necessaria.

Assegno unico per i figli 2022

Dal 1° gennaio 2022 è possibile effettuare la domanda per il riconoscimento dell’assegno unico. L’assegno unico per i figli 2022 verrà erogato mensilmente dal 1° marzo 2022 per ciascun figlio a carico. La domanda farà riferimento tra il periodo compreso di marzo a febbraio dell’anno successivo. L’assegno unico per i figli è previsto in favore delle famiglie con figli dal 7° mese di gravidanza  fino a 21 anni del figlio, se il figlio è ancora a carico, inoltre sarà possibile la corresponsione dell’importo direttamente al figlio maggiorenne se studia fuori sede.

L’assegno unico per i figli 2022 verrà accreditato in via ordinaria su IBAN intestato al richiedente o bonifico domiciliato. L’assegno è riconosciuto a decorrere dal mese successivo a quello di presentazione della domanda. Qualora la domanda venga presentata entro il 30 giugno dell’anno di riferimento, l’assegno è riconosciuto a decorrere dal mese di marzo del medesimo anno. Ferma restando la decorrenza, l’INPS provvede al riconoscimento dell’assegno entro 60 giorni dalla domanda.

Per maggiori informazioni sull’Assegno unico per i figli 2022: “Assegno unico per i figli 2022: come fare domanda, importi e beneficiari”

Articolo precedenteLavoro autonomo estero: criteri di tassazione
Prossimo ArticoloFattura Elettronica per imprese e professionisti 2022
Laureata in Giurisprudenza presso l'Università di Firenze. Approfondisce i temi legati all'IVA ed alla normativa fiscale domestica oltre ad approfondire aspetti legati al diritto societario.

1 COMMENTO

  1. Per i bimbi nati a dicembre 2019 che frequentano una “sezione primavera 24/36 mesi ” è possibile richiedere il bonus asilo nido o primavera? Lo chiedo perché un funzionario della Inps respinge le domande per i bimbi nati a dicembre

Lascia una Risposta