Avviati i pagamenti del Bonus INPS per il mese di aprile. Sono già stati effettuati 1,4 milioni di pagamenti. Ne seguiranno altri 2 milioni, lunedì 25 maggio. Si tratta della seconda rata delle indennità a favore dei lavoratori autonomi, dei collaboratori e degli stagionali del turismo e degli stabilimenti termali.

Il Decreto Rilancio ha previsto per i soggetti già beneficiari per il mese di marzo 2020 di alcune delle indennità introdotte dal Decreto Cura Italia n. 18/2020, l’erogazione dei Bonus anche per il mese di aprile 2020, in modo automatico

L’INPS, con un comunicato stampa, pubblicato ieri, ha informato che sono stati predisposti i pagamenti della seconda rata (per aprile 2020) delle indennità:

  • Di 600 euro, a favore dei lavoratori autonomi, dei collaboratori e degli stagionali del turismo e degli stabilimenti termali (già beneficiari delle indennità per il mese di marzo di cui agli artt. 27, 28 e 29 del DL 18/2020);
  • Di 500 euro per gli operai a tempo determinato dell’agricoltura (già beneficiari dell’indennità per il mese di marzo di cui all’art. 30 del DL 18/2020).
Avviati i pagamenti

Avviati i pagamenti dei Bonus

L’INPS ha reso noto, nel comunicato stampa, che nella giornata di ieri, sono stati accreditati 1.400.000 pagamenti sui conti correnti e sulle carte dotate di Iban dei beneficiari.

I pagamenti accreditati riguardano:

  • 957.000 lavoratori autonomi;
  • 239.000 operai agricoli a tempo determinato;
  • 106.000 professionisti titolari di partita IVA e lavoratori con rapporti di collaborazione coordinata e continuativa;
  • 75.000 lavoratori stagionali del turismo e degli stabilimenti termali.

400.000 saranno accreditati oggi, mentre ulteriori 2.000.000 di pagamenti saranno accreditati lunedì 25 maggio.

La distribuzione dei pagamenti su 3 giornate lavorative si è resa necessaria in considerazione dei vincoli tecnici di funzionamento della rete interbancaria nazionale, che consente la gestione di non oltre 2,2 milioni di bonifici al giorno, e dei pagamenti già pianificati da altre amministrazioni pubbliche.

Erogazione indennità in contanti

Per coloro che hanno chiesto l’erogazione dell’indennità in contanti (190.000 lavoratori), il pagamento avverrà a partire da martedì 26 maggio (74.000), mercoledì 27 maggio (19.000) e giovedì 28 maggio (97.000).

Per riscuotere la seconda rata dell’indennità, questi lavoratori potranno recarsi presso qualsiasi sportello postale del territorio nazionale muniti necessariamente della comunicazione che riceveranno da Poste Italiane, oltre che del documento di identità e di un documento attestante il proprio codice fiscale.

Lavoratori dello spettacolo

Il pagamento non è stato predisposto per le indennità, pari a 600 euro per i mesi di aprile e maggio 2020, riconosciute ai lavoratori iscritti al Fondo pensioni lavoratori dello spettacolo (FPLS).

Per l’erogazione di tali indennità, i lavoratori non devono risultare titolari di rapporto di lavoro dipendente o titolari di pensione alla data del 19 maggio 2020.

L’INPS effettuerà i controlli su tali aspetti anche per le domande già pervenute ad aprile e, successivamente, potrà disporre i relativi pagamenti della seconda e terza rata.

Termine di decadenza delle indennità per marzo 2020

Il Decreto Rilancio ha introdotto un termine finale per la presentazione delle domande per i bobus di marzo 2020, di cui agli artt. 27, 28, 29, 30 e 38 del Decreto n. 18/2020.

Decorsi 15 giorni dalla data di entrata in vigore del decreto, si decade dalla possibilità di richiedere le predette indennità. Il 3 giugno 2020 è l’ultimo giorno per presentare la domanda per l’indennità di marzo 2020.

Lascia una Risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here