Assumere lavoratori dipendenti in Regime Forfettario

0
1608

Un operatore economico che opera in Regime Forfettario ha la possibilità di assumere lavoratori dipendenti. Vi è l’obbligo di operare le ritenute sui redditi da lavoro dipendente dagli stessi erogati. Conseguentemente vi è l’obbligo di effettuare i relativia adempimenti.

Chi opera in Regime Forfettario ha la possibilità di assumere lavoratori dipendenti?

Nelle ultime settimane, tantissimi lettori, ma anche clienti di Studio mi hanno posto questa domanda.

L’ambito è sicuramente interessante, tenuto conto che la Legge n 145/18 ha modificato il precedente regime secondo il quale il Regime Forfettario precludeva la possibilità di assumere lavoratori dipendenti.

Vi era la possibilità di assumere o avere collaboratori fino ad un massimo di € 5.000 annue. In questa soglia dovevano rientrare ritenute fiscali, previdenziali ed INAIL.

A partire dal 1° gennaio 2019 i soggetti che hanno i requisiti per applicare il Regime Forfettario hanno la possibilità di assumere lavoratori dipendenti.

Pensa al classico caso del professionista, un avvocato ad esempio, che decide di assumere una segretaria per il proprio Studio. Fino al 2018 il professionista doveva passare alla Contabilità Semplificata per assumere un dipendente. Il tutto con un aggravio di imposizione importante.

Dal 2019, invece, la possibilità di assumere lavoratori dipendenti per chi opera in Regime Forfettario è libera. Vi sono, tuttavia, alcune precisazioni da fare.

I contribuenti in Regime Forfettario sono obbligati ad effettuare gli adempimenti stabiliti per i sostituti d’imposta nei riguardi dei soggetti ai quali gli stessi erogano somme che concorrono a formare redditi da lavoro dipendente.

In questo articolo, infatti, voglio andare a fare chiarezza proprio su questo punto.


Il FORFETTARIO SOSTITUTO D’IMPOSTA PER I LAVORATORI DIPENDENTI


Il punto di partenza su ogni ragionamento da fare quando si vuole assumere un dipendente è questo.

Il soggetto che opera in Regime Forfettario assume la veste di sostituto di imposta, per i lavoratori dipendenti dal 1° gennaio 2019.

Questo significa, da un punto di vista sostanziale che, il soggetto in Regime Forfettario:

  • Non assume la veste di sostituto di imposta, ex articolo 23 del DPR n 600/73 per i redditi da lavoro autonomo erogati;
  • Assume la veste di sostituto di imposta, ex articolo 23 del DPR n 600/73 per i redditi da lavoro dipendente ed assimilati erogati.

Vediamo brevemente questi due aspetti.

REGIME FORFETTARIO ED EROGAZIONE DI REDDITI DA LAVORO AUTONOMO

Il soggetto in Regime Forfettario che eroga redditi da lavoro autonomo non assume mai la veste di sostituto di imposta ai sensi dell’articolo 23 DPR n 600/73.

Sul punto, l’articolo 1, comma 69 della Legge n 190/14 afferma che:

I contribuenti di cui al comma 54 del presente articolo non sono tenuti a operare le ritenute alla fonte di cui al titolo III del DPR n 600/73.

Tuttavia, nella dichiarazione dei redditi, i medesimi contribuenti indicano il codice fiscale del percettore dei redditi per i quali all’atto del pagamento degli stessi non è stata operata la ritenuta e l’ammontare dei redditi stessi

articolo 1, comma 69 della Legge n 190/14

In pratica, i contribuenti che operano in Regime Forfettario sono esclusi dall’obbligo di operare le ritenute alla fonte. Di conseguenza sono esclusi dagli obblighi comunicativi e dichiarativi che ne conseguono.

Mi riferisco ai seguenti:

  • Modello di Certificazione Unica per i redditi di lavoro autonomo e dipendente;
  • Modello 770 relativo ai versamenti di ritenute fiscali.

Al posto di queste comunicazioni sono previsti soltanto alcuni obblighi informativi in seno al Modello Redditi. In particolare, all’interno del quadro RS.

REGIME FORFETTARIO ED EROGAZIONE DI REDDITI DA LAVORO DIPENDENTE

Nel caso in cui il soggetto che opera in Regime Forfettario eroghi redditi da lavoro dipendente o assimilato, questi assume la veste di sostituto di imposta.

Questo è quanto previsto dall’articolo 6, comma 1, del DL n 34/19, a partire dal 1° gennaio 2019.

La norma è stata introdotta al fine di evitare che i percettori delle somme siano obbligati a presentare la dichiarazione dei redditi per versare le imposte non trattenute dal soggetto erogante.

Per il soggetto in Regime Forfettario è stabilito che l’esonero dagli obblighi del sostituto di imposta non riguarda le ritenute di cui agli articoli 23 e 24 del DPR n 600/73. Ovvero le ritenute sui redditi da lavoro dipendente o assimilati.

REGIME FORFETTARIO E RITENUTE PREVIDENZIALI

Un aspetto su cui è opportuno prestare attenzione è che il contribuente che opera in Regime Forfettario non è sostituto solo ai fini fiscali.

Questo significa che le altre tipologie di ritenute, come ad esempio, quelle previdenziali devono essere trattenute e versate dal Forfettario per conto del dipendente.

Altra tipologia di ritenuta non fiscale, ad esempio, cui è tenuto il Forfettario è quella del 21% relativa ai contratti di locazione breve conclusi attraverso la sua intermediazione.


ADEMPIMENTI DEL SOSTITUTO DI IMPOSTA

Il soggetto in Regime Forfettario che eroga redditi da lavoro dipendente deve adempiere alle prescrizioni del sostituto di imposta.

Annunci

Questo significa effettuare le ritenute fiscali e previdenziali in busta paga ed effettuare i relativi versamenti mensili con modello F24.

Inoltre, il soggetto in Regime Forfettario è tenuto ad effettuare la Certificazione Unica sui redditi da lavoro dipendente. Certificazione Unica che deve contenere i seguenti dati:

  • Reddito erogato;
  • Trattenute fiscali del lavoratore;
  • Detrazioni fiscali del lavoratore;
  • Bonus IRPEF spettante;
  • Etc.

Oltre a questo vi è l’obbligo di trasmettere il modello 770 riguardante i versamenti delle ritenute operate.


ASSUMERE LAVORATORI DIPENDENTI IN REGIME FORFETTARIO: CONCLUSIONI

Un contribuente in Regime Forfettario ha tutte le possibilità che desidera per avere collaboratori, oppure per assumere un lavoratore dipendente.

Nonostante questo, per quanto detto, appare chiaro, che l’assunzione di lavoratori dipendenti per un soggetto in Regime Forfettario non è semplice.

Infatti, considerato il livello di fatturato massimo richiesto per la permanenza nel regime (€ 65.000) diventa difficilmente sopportabile il costo di uno o più lavoratori dipendenti. Questo considerato anche il fatto che i relativi costi per tale soggetto non sono direttamente deducibili dal proprio reddito.

Per questo motivo può essere opportuno valutare attentamente l’opportunità di assumere lavoratori dipendenti.

Ogni situazione è da considerarsi attraverso una attenta analisi tra costi e benefici legati all’assunzione di un lavoratore dipendente.


Per questo motivo ti occorre un dottore Commercialista preparato.

Se lo desideri contattami attraverso il seguente form per ricevere una consulenza personalizzata sulla tua attività!

Lascia una Risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here