Tag Archives: agenzia entrate

Monitoraggio delle attività all’estero con sanzioni ridotte anche per il passato

Sul monitoraggio delle attività finanziarie detenute all’estero sanzioni ridotte in virtù del principio del Favor Rei: nel quadro RW di Unico, a partire dall’anno di imposta 2013, scompariranno sia le sezioni I e  III del modello, sia la soglia minima di 10.000 euro prevista per la compilazione della sezione II dedicata alle consistenze patrimoniali presenti al 31/12 di ogni annoRead more

Informazioni su questi ad

Opzione per imponibilità IVA dei contratti di locazione di fabbricati abitativi

IMU 3L’Agenzia delle Entrate con il provvedimento (Prot. 2013/92492) approvato il 29/07/2013 ha concesso la possibilità di comunicare l’opzione per applicare l’IVA sui contratti di locazione di fabbricati abitativi che per loro natura sarebbero esenti ex art. 10, 1° com. n. 8) del D.P.R. 633/72. Read more

Secondo acconto imposte in arrivo: ecco come difendersi con il metodo previsionale

Pressione fiscaleEntro il prossimo 01 dicembre 2014, i contribuenti dovranno versare il secondo acconto imposte, dovuto sulla base del 60% dell’importo dovuto a saldo nella dichiarazione relativa all’anno precedente. Il versamento può essere effettuato con modello F24 presso tutti gli istituti bancari.

E’ appena passato il versamento del primo acconto imposte, che è già tempo di prepararsi al versamento del secondo e ultimo acconto delle imposte sui redditi (IRPEF e IRES/IRAP). Il calcolo del secondo acconto deve essere fatto sia per l’IRES che per l’IRPEF prendendo come base il 100% dell’imposta a debito relativa alla dichiarazione presentata per l’anno precedente. L’importo da versare è il 60% del saldo, utilizzando il codice tributo 4034, da indicare sul modello F24 che può essere presentato a tutti gli sportelli bancari o pagato tramite home banking. Read more

E’ caos per calcolo dell’acconto IMU

imu 10Alla scadenza il prossimo 17 giugno l’acconto IMU per il 2013, ma tra proposte di rinvio del pagamento, ma solo per l’abitazione principale, e l’approvazione delle nuove delibere comunali, che sono in molti casi non pubblicate o non adottate, capire cosa fare è caotico.

 Proprio ieri, 09 maggio è scaduto il termine per l’invio da parte dei Comuni delle delibere di approvazione delle aliquote Imu 2013 utili ai fini dell’acconto che dovranno essere pubblicate dal MEF entro il prossimo 16 meggio.  In questa situazione di estrema incertezza, è probabile che la maggior parte dei Comuni abbia deciso di non variare le aliquote 2012, considerando anche che il termine ultimo per approvarle è fissato per ora al 30 giugno. Read more

IVA: Riepilogo delle novità in tema di fatturazione

Acconto IVA(D.L. 11 DICEMBRE 2012 N. 216 – G.U N. 288 DEL 11.12.2012)

Al fine di recepire la direttiva 2010/45/UE del Consiglio, del 13 luglio 2010, recante modifica della direttiva 2006/112/CE relativa al sistema comune d’imposta sul valore aggiunto per quanto riguarda le norme in materia di fatturazione, sono emanate le disposizioni previste dal D.L. 216/2012 in vigore a decorrere dal 2013. Read more

Come aprire partita IVA: procedura da seguire e regimi agevolati

Acconto IVA

Quanti di voi stanno per intraprendere un’attività commerciale o professionale, sia in forma individuale che associata si saranno chiesti qual’è la procedura da seguire per ottenere una partita IVA per iniziare a svolgere la propria attività.

La partita IVA è un codice composto da 11 cifre che identificano un soggetto ai fini fiscali ed è indispensabile per esercitare professionalmente un’attività abituale di impresa o di lavoro autonomo. Nel caso di persona fisica la partita IVA si differenzia dal codice fiscale (che ha una composizione alfanumerica) poiché è costituita da soli numeri. Nelle società, generalmente, numero di partita IVA e di codice fiscale coincidono. Vediamo adesso di riassumere la procedura da seguire per aprire, anche in modo autonomo partita IVA.

La procedura per l’apertura della partita IVA – Tutti i soggetti, persone fisiche, giuridiche ecc, che intraprendono l’inizio di un’attività d’impresa, arte o professione nel territorio dello Stato, devono presentare la dichiarazione di inizio di attività. L’obbligo riguarda anche i soggetti non residenti che istituiscono in Italia una stabile organizzazione e quelli che intendono identificarsi direttamente (art. 35 c. 1 2 5 DPR 633/72). La dichiarazione deve essere presentata entro 30 giorni dall’inizio effettivo dell’attività, cioè da quando è stata effettuata almeno un’operazione attiva o passiva (es: acquisto di beni strumentali e/o merci, stipulazione di contratti di locazione, ecc). Qualora il termine di presentazione cada di giorno festivo, la presentazione è considerata tempestiva se effettuata il primo giorno lavorativo successivo (art. 6 c.8 DL90/94).  In merito al momento cui fare riferimento per la decorrenza del termine di 30 giorni, bisogna distinguere: Read more