Casi di esonero dall’obbligo di presentazione della dichiarazione dei redditi


Unico pf 2014Come ogni anno, con l’avvicinarsi del mese di maggio si avvicina il tempo della predisposizione della Dichiarazione dei Redditi, quest’anno relativa ai redditi del 2013, ma non tutti i contribuenti sono tenuti a presentare la propria dichiarazione. Infatti, alcune categorie di soggetti, sono esonerati dalla presentazione della dichiarazione, in virtù delle particolari categorie di reddito che hanno corrisposto nell’anno. Per sapere se rientrate anche voi in queste categorie è bene verificare le condizioni per esserne esonerati dalla presentazione.

Soggetti obbligati alla presentazione della dichiarazione dei redditi

Sono obbligati alla presentazione della dichiarazione dei redditi i contribuenti che:

  1. hanno conseguito redditi nell’anno 2013 e non rientrano nei casi di esonero elencati nei sottostanti paragrafi;
  2. sono obbligati alla tenuta delle scritture contabili (come, in genere, i titolari di partita IVA), anche nel caso in cui non abbiano conseguito alcun reddito.

In particolare, sono obbligati alla presentazione della dichiarazione dei redditi:

  • i lavoratori dipendenti che hanno cambiato datore di lavoro e sono in possesso di più certificazioni di lavoro dipendente o assimilati (CUD 2014 e/o CUD 2013), nel caso in cui l’imposta corrispondente al reddito complessivo superi di oltre euro 10,33 il totale delle ritenute subite;
  • i lavoratori dipendenti che direttamente dall’INPS o da altri Enti hanno percepito indennità e somme a titolo di integrazione salariale o ad altro titolo, se erroneamente non sono state effettuate le ritenute o se non ricorrono le condizioni di esonero indicate nelle precedenti tabelle;
  • i lavoratori dipendenti a cui il sostituto d’imposta ha riconosciuto deduzioni dal reddito e/o detrazioni d’imposta non spettanti in tutto o in parte (anche se in possesso di un solo CUD 2014 o CUD 2013);
  • i lavoratori dipendenti che hanno percepito retribuzioni e/o redditi da privati non obbligati per legge ad effettuare ritenute d’acconto (per esempio collaboratori familiari, autisti e altri addetti alla casa);
  • i lavoratori dipendenti ai quali il sostituto d’imposta non ha trattenuto il contributo di solidarietà (art. 2 comma 2 D.L. n. 138/2011);
  • i contribuenti che hanno conseguito redditi sui quali l’imposta si applica separatamente (ad esclusione di quelli che non devono essere indicati nella dichiarazione – come le indennità di fine rapporto ed equipollenti, gli emolumenti arretrati, le indennità per la cessazione dei rapporti di collaborazione coordinata e continuativa, anche se percepiti in qualità di eredi – quando sono erogati da soggetti che hanno l’obbligo di effettuare le ritenute alla fonte);
  • i lavoratori dipendenti e/o percettori di redditi a questi assimilati ai quali non sono state trattenute o non sono state trattenute nella misura dovuta le addizionali comunale e regionale all’IRPEF. In tal caso l’obbligo sussiste solo se l’importo dovuto per ciascuna addizionale supera euro 10,33;
  • i contribuenti che hanno conseguito plusvalenze e redditi di capitale da assoggettare ad imposta sostitutiva da indicare nei quadri RT e RM;

Chi è esonerato dalla presentazione della dichiarazione dei redditi
Il contribuente deve anzitutto controllare se è obbligato a presentare la dichiarazione o se rientra nelle ipotesi di esonero elencate nell’elenco sottostante. In particolare, è esonerato dalla presentazione della dichiarazione il contribuente che possiede esclusivamente i redditi indicati soltanto se si sono verificate le condizioni sotto descritte.

  1. Abitazione principale, relative pertinenze e altri fabbricati non locati (l’esonero non si applica se l’immobile è situato nello stesso comune dell’abitazione principale);
  2. Lavoro dipendente o pensione;
  3. Lavoro dipendente o pensione + Abitazione principale, relative pertinenze e altri fabbricati non locati (l’esonero non si applica se l’immobile è situato nello stesso comune dell’abitazione principale);
  4. Rapporti di collaborazione coordinata e continuativa compresi i lavori a progetto. Sono escluse le collaborazioni di carattere amministrativo gestionale di natura non professionale rese in favore di società e associazioni sportive dilettantistiche;
  5. Redditi esenti. Esempi: rendite erogate dall’Inail esclusivamente per invalidità permanente o per morte, alcune borse di studio, pensioni di guerra, pensioni privilegiate ordinarie corrisposte ai militari di leva, pensioni, indennità, comprese le indennità di accompagnamento e assegni erogati dal Ministero dell’Interno ai ciechi civili, ai sordi e agli invalidi civili, sussidi a favore degli hanseniani, pensioni sociali;
  6. Redditi soggetti ad imposta sostitutiva. Esempi: interessi sui BOT o sugli altri titoli del debito pubblico;
  7. Redditi soggetti a ritenuta alla fonte a titolo di imposta. Esempi: interessi sui conti correnti bancari o postali; redditi derivanti da lavori socialmente utili.

Relativamente ai punti 2 – 3 – 4 devono essere verificate le seguenti condizioni:

  1. Redditi corrisposti da un unico sostituto d’imposta obbligato ad effettuare le ritenute di acconto o corrisposti da più sostituti purché certificati dall’ultimo che ha effettuato il conguaglio
  2. Le detrazioni per coniuge e familiari a carico sono spettanti e non sono dovute le addizionali regionale e comunale

Casi di esonero per limiti di reddito
È esonerato dalla presentazione della dichiarazione il contribuente che possiede esclusivamente i redditi sotto indicati rispettando i limiti di reddito previsti per ogni tipologia reddituale.

  1. Terreni e/o fabbricati (compresa l’abitazione principale e le sue pertinenze)  < 500 €;
  2. Lavoro dipendente o assimilato + altre tipologie di reddito < 8.000 €, con un periodo di lavoro  o pensione non inferiore a 365 giorni;
  3. Pensione + altre tipologie di reddito < 7.500 €;
  4. Pensione + terreni < 7.500€  (pensione), < 185,92 € (terreni);
  5. Pensione + altre tipologie di reddito < 7.750 €;
  6. Assegno periodico corrisposto dal coniuge + altre tipologie di reddito. È escluso l’assegno periodico destinato al mantenimento dei figli < 7.500 €;
  7. Redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente e altri redditi per i quali la detrazione prevista non è rapportata al periodo di lavoro (ad esempio le prestazioni di lavoro autonomo occasionale) < 4.800 €;
  8. Compensi derivanti da attività sportive dilettantistiche < 28.158,28 €.

Condizione Generale di Esonero: In generale è esonerato dalla presentazione della dichiarazione il contribuente, non obbligato alla tenuta delle scritture contabili, che possiede redditi per i quali è dovuta un’imposta non superiore ad euro 10,33.

About these ads

  1. marco

    Buonasera avevo un quesito da porvi, sono un infermiere assunto da un coperativa come dipendente a tempo determinato,presso un ente ospedaliero in piu quest anno saltuariamente mi occupo di fare dei prelievi di sangue presso un pubblica assistenza a 30 km da casa mia, e a tale ente ho fatto le “ricevute” con il mio codice fiscale, per un importo totale annuo 1500 euro al netto della ritenuta d acconto. questo è il primo anno che ho fatto questo servizio e per un periodo di 25 giorni. Ecco la mia domanda queste ricevute mi fanno cumulo sulla dichiarazione dei redditi o visto che già tassate con la ritenuta d acconto non devo pagare altro, visto che a netto delle spese di viaggio per andare o tornare mi rimarrano tra si e no 500 euro, tra benzina e aurostrada.Grazie fatemi sapere

    • Federico

      Salve,
      lei sta effettuando un attività di lavoro autonomo occasionale verso un’ente che non ha fini di lucro (pubblica assistenza). Questo significa che lei è tenuto a rilasciare una ricevuta per le prestazioni lavorative svolte. Ad ogni pagamento ricevuto dall’ente è tenuto a rilasciare la ricevuta sulla quale è apposta una ritenuta d’acconto del 20%. Tale ritenuta viene applicata dall’ente che è tenuta poi a versare allo stato.
      Per quanto riguarda la sua dichiarazione dei redditi, lei potrà benissimo presentare il modello 730 essendo un lavoratore dipendente, indicando nel quadro D relativo ai redditi diversi i compensi percepiti per l’attività di lavoro autonomo occasionale che ha prestato. Dovrà riportare in dichiarazione sia l’importo lordo che le ritenute applicate.

  2. massimo

    salve, mi chiamo massimo, vorrei una delucidazione sullo scarico degli interessi passivi per acquisto casa principale tramite mutuo.
    in pratica io e la mia convivente abbiamo acquistato tramite mutuo un immobile…..essendo il cud della mia convivente inferiore agli 8000 euro e quindi esente dalla dichiarazione dei redditi, come potremmo fare per scaricare interessi,perizia,agenzia ,notaio etc…. pure per la sua metà parte? io sono un dipendente statale e dichiarero, giustamente, tutte le spese sostenute divise però a meta. non so se posso scaricare tutto io o se devo perdere questi soldi perche la mia compagna non raggiunge la soglia minima di presentazione del 730.
    ringraziandovi anticipatamente porgo distinti saluti.

    • Federico

      Salve,
      ove il mutuo fosse intestato ad entrambi, ognuno di voi può detrarre il 19% degli interessi passivi fino ad un massimo di 2.000 €. Se la sua compagna “è incapiente”, ovvero non ha imposta da versare allora perde il diritto alla detrazione. Non può dichiarare tutto lei in quanto la sua compagna non è fiscalmente a suo “carico”.

  3. Silvia

    Salve,

    Io sono una associata in partecipazione e per il 2013 ho due buste paga per un totale di 1.500,00Euro circa. Devo presentare dichiarazione dei redditi? Grazie

    • Federico

      Salve,
      con due cud si è obbligati a presentare la dichiarazione, a meno che non sia stato effettuato il conguaglio da uno dei due sostituti d’imposta.

      • luca

        ho più o meno lo stesso problema.. con pensione di 8500 euro annui e un contratto di 300 euro mensili come associato in partecipazione devo presentare il cud ??

      • Federico

        Salve,
        nel suo caso deve presentare la dichiarazione dei redditi, non rientrando in nessun caso specifico di esenzione.

  4. rudy

    Buona sera, possiedo un casa con rendita catastale inferiore ai 500 euro, unico reddito e l’affitto della seconda casa dove percepisco 420€ mensili, moglie e figlia a carico, volevo sapere se sono esente o meno dalla dichiarazione dei redditi.

  5. Alessio

    Buongiorno. Avrei un quesito da porvi. Nel 2013 ho lavorato tre mesi come lavoratore dipendente, unica fonte di reddito, incassando circa 3500 euro (senza che il datore di lavoro applicasse le ritenute). Ora mi chiedo. Sono esonerato dalla presentazione della dichiarazione dei redditi?

    • Alessio

      Credo di si, vista che la mia imposta dovuta non supera 10,33 euro. (non sono tenuto al pagamento di alcuna imposta, se non erro)

  6. Luca

    Salve,
    nel 2013 ho percepito 2 cud: uno per 9 mesi per un lavoro a tempo indeterminato e uno per 3 mesi per il praticantato a borsa di studio (non tassato, senza contributi a 600€ mensili).
    La somma dei 2 cud è inferiore a 8.000 €. Devo presentare obbligatoriamente il modello UNICO (visto che i termini per il 730 sono scaduti)?
    Che calcolo devo fare per capire se eventualmente sono a credito???
    Grazie mille..

    • Federico

      Salve,
      le istruzioni del modello Unico ci dicono che sono esonerati dalla presentazione coloro che hanno percepito esclusivamente redditi da lavoro dipendente da unico sostituto d’imposta, oppure coloro che hanno percepito redditi da lavoro dipendente in misura inferiore a 8.000 € per un periodo non inferiore a 365 giorni nell’anno. Se rientra in questo secondo caso allora è esonerato dalla presentazione della dichiarazione.

    • Federico

      Salve,
      a me non risulta nessuna soglia di 2.000 €. In ogni caso se viene svolta un’attività in modo abituale è necessaria l’apertura della partita IVA, a prescindere da quali saranno i compensi.

  7. pasquale

    salve sono un pensionato con moglie a carico ,ho un contratto di locazione a me intestato di un locale commerciale in comunione dei beni con mia moglie, volevo sapere se anche lei deve presentare la dichiarazione e se perdo sulla pensione il coniuge a carico, grazie per il cortese aiuto.

  8. Teresa

    Buongiorno,

    nel 2013 ho percepito una borsa di studio totalmente esente da imposta e ho effettuato una collaborazione occasionale per circa 900 euro. Sono tenuta a presentare la dichiarazione dei redditi (considerata la scadenza, ormai modello unico)?
    Io fino a questo momento risultavo a carico di mia madre dipendente pubblico. Eventualmente, deve lei inserire i suddetti entroiti nella sua dichiarazione?

    Grazie mille per la risposta e per l’aiuto che dà a centinaia di utenti. Saluti

    • Federico

      Salve Teresa,
      stante la situazione descritta lei non è tenuta a presentare la dichiarazione dei redditi. Se non ha superato i 2.840,51 euro di reddito annuo lei resta a carico di sua madre, che non dovrà indicare alcuno dei redditi che lei ha percepito, ma soltanto i propri.

      • Teresa

        Gentile Federico,

        Grazie della risposta. Il dubbio é sorto poichè la borsa di studio ammonta a euro 10.000 (ma riporta il codice BQ di totale esenzione sul CuD). Il commercialista di mia madre sostiene che ciò valga e escludermi tra i figli a carico, con conseguente restituzione delle somme che mia madre ha percepito nel 2013. Tra l’altro lei è dipendente pubblico e se non erro potrebbe anche evitare di presentare la dichiarazione. Me lo conferma?

  9. Ippolito

    Buon giorno. Ho aperto l’anno scorso una partita iva con i regime dei minimi. Vorrei domandare quale modulo aspetta a me: F24 Unico oppure il 730. La ringrazio e complimenti per i suoi chiarimenti.

    • Federico

      Salve,
      deve predisporre il modello Unico compilando il quadro LM dedicato al reddito dei contribuenti minimi. Per il pagamento degli acconti c’è tempo fino al 20 agosto per non incorrere in sanzione.

  10. Mara

    Buonasera.
    Ho un reddito da lavoro dipendente a tempo indeterminato e un reddito, inferiore ai 7.500 €, derivante collaborazioni con associazioni dilettantistiche. L’associazione dilettantistica mi paga tramite ritenuta d’acconto.
    Come mi devo comportare con la dichiarazione dei redditi?

    • Federico

      Salve Mara,
      i compensi percepiti da associazioni sportive dilettantistiche fino ai 7.500 € annui non devono essere dichiarati, tuttavia l’associazione è tenuta ad effettuare la ritenuta d’acconto sui compensi erogati. Per avere, sotto forma di credito d’imposta le somme trattenute per suo conto dall’associazione sportiva deve presentare la dichiarazione dei redditi.
      Se ha bisogno di maggiori informazioni può contattarci sulla pagina “assistenza online”.

      • Mara

        e se una delle palestre con cui collaboro forse una spa? Avrei un cumulo di redditi? O potrei far passare anche quelle entrate come rimborso spese? Ad oggi mi pagano con ritenuta d’acconto per collaborazione occasionale. Da settembre inizierò a collaborare anche con una asd oltre che a questa spa. Quindi avrò il mio stipendio da dipendente entrata da una palestra spa e da una palestra asd. Fino ad ora i compensi percepiti dalla palestra spa sono sempre stati dichiarati come altri compensi percepiti e su quelli ho sempre dovuto pagare le tasse. Grazie mille. Mara

  11. Viviana

    buongiorno,
    complimenti per il vostro blog!
    Da marzo 2012 sono residente all’estero, in Argentina, dopo un anno mi sono iscritta all’ AIRE (italiani residenti all’estero).
    Insieme a mio marito abbiamo una casa proprietà di entrambi al 50% (separazione dei beni) che abbiamo dato in affitto da gennaio 2014, con contratto regolare e registrato, l’affitto è di €550 al mese.
    La mia domanda e la seguente: dal momento che siamo residenti all’estero e avremmo come reddito prodotto nel 2014 in Italia il solo affitto della casa, che sono €3300 x mio marito e €3300 x me, per questo importo dobbiamo fare la dichiarazione dei redditi nel 2015?
    grazie per la vostra risposta!
    cordiali saluti
    Viviana

    • Federico

      Salve Viviana,
      essendo lei residente anche fiscalmente all’estero, in quanto cittadina iscritta all’AIRE, non è soggetta alla c.d. “World wide taxation” alla quale sono soggetti i cittadini residenti in Italia. I cittadini residenti in Italia sono tenuti a dichiarare al fisco i redditi ovunque essi siano prodotti.
      Per chi invece è un cittadino residente fiscalmente in uno stato estero le regole sono diverse. In questo caso devono essere dichiarati in Italia solo e soltanto i redditi IVI prodotti. Nel suo caso lei in Italia percepisce un reddito fondiario dato dall’affitto dell’appartamento e per questo motivo deve essere riportato nella dichiarazione dei redditi che dovrà predisporre nel 2015 per l’anno 2014.
      La dichiarazione da predisporre sarà il modello Unico persone fisiche, e il quadro da compilare è il quadro RB che appunto contiene i dati dei fabbricati e le relative locazioni.
      La ringrazio molto per i complimenti. Se le servono ulteriori informazioni ci contatti dalla pagina “Assistenza online”.
      Saluti

      • Viviana

        Grazie per la sua risposta precisa, per quel che avevo letto sul sito delle agenzie entrate avevo capito cosi, ma avevo ancora dei dubbi che lei mi ha chiarito, ringrazio anche per le indicazioni su quale quadro compilare per la dichiarazione.
        cordiali saluti,
        Viviana

  12. nino

    Ciao nell’anno 2013 luglio e agosto ho percepito euro 1.400,00 come lavoro dipendente, ho anche il cud.Devo presentare il modello 730, o sono esonerato a presentarlo ? ciao e grazie

    • Federico

      Salve,
      se il suo unico reddito percepito nell’anno è stato questo, allora non è obbligato a presentare la dichiarazione dei redditi. Attenzione però, se avesse altri redditi, la situazione cambia.
      Saluti

  13. Valeria

    Salve,
    da Settembre 2012 vivo e lavoro nel Regno Unito; pensando fosse una cosa temporanea non mi sono inizialmente iscritta all’aire, cosa che farò prossimamente. Dato che non sarei stata soggetta ad imposizione fiscale in Italia non mi sono mai preoccupata di dover presentare dichiarazione dei redditi, cosa che invece mi sembra di capire sia obbligatoria dato che sono ancora residente in Italia!
    Cosa devo fare per regolarizzare il pregresso? sono passibile di sanzioni?

    grazie,
    Valeria

    • Federico

      Salve Valeria,
      per quanto riguarda l’anno 2012, non c’è niente da fare la dichiarazione è ormai considerata omessa. Dovrà aspettare l’arrivo dell’accertamento da parte dell’A.E..
      Per il 2013, fino al prossimo 31 settembre può ancora presentare la dichiarazione dei redditi (modello Unico P.F.).
      Per quanto riguarda le sanzioni 2012, le sanzioni per la dichiarazione omessa vanno dal 120 al 240% dell’imposta evasa. Naturalmente per capire l’importo delle sanzioni è necessario calcolare quale sarebbe stata l’imposta da pagare in Italia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...